Pasta con pesto alla trapanese (ricetta siciliana)

Il pesto alla trapanese è una preparazione tipica della Sicilia occidentale, tradizionalmente servito con una pasta fresca chiamata “busiate”, una sorta di strozzapreti molto lunghi. La particolarità del pesto alla trapanese, rispetto al forse più noto pesto genovese, è di essere a base di mandorle e pomodoro fresco, che gli conferiscono un gusto a mio modo di vedere particolarmente estivo. La ricetta della pasta con pesto alla trapanese è molto semplice e, come per i piatti migliori della nostra tradizione, il segreto è negli ingredienti: primo fra tutti l’aglio, che nel pesto alla trapanese non può mancare (tanto che in dialetto il piatto si chiama proprio “pasta cull’agghia”). Io ho usato l’aglio rosso di Nubia, gentilmente portatomi dai miei suoceri e da mia cognata proprio dal trapanese; poi occorrono pomodori sodi e maturi, come i San Marzano o i Piccadilly. Immancabile il basilico, che rende il pesto alla trapanese profumato e irresistibile. Come dicevo l’ideale sarebbe gustare il pesto alla trapanese con le tradizionali “busiate”, ma in mancanza potete optare per dei classici spaghetti, dei fusilli o dei bucatini. Servite la pasta con pesto alla trapanese guarnita con qualche fogliolina di basilico fresco.

Pasta con pesto alla trapanese ricetta siciliana il chicco di mais

Ricetta della pasta con pesto alla trapanese

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 g di pasta (per la versione senza glutine ho usato gli spaghetti di mais Le Asolane)
  • 30 g di basilico fresco
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di pecorino grattugiato
  • 450 g di pomodori San Marzano o piccadilly
  • 60 g di mandorle pelate
  • 2 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Acqua di cottura della pasta qb
  • Un pizzico di sale
  • Pepe qb

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 10 min.)

Per preparare la pasta con pesto alla trapanese iniziate pelando i pomodori e tagliandoli a cubetti (1). Se avete difficoltà a pelarli, tuffateli per un minuto in acqua bollente salata. Sbucciate l’aglio (2) e, se gli spicchi sono piuttosto piccoli, usatene anche 3 o 4. In un mixer tritate grossolanamente le mandorle (3).

Pasta con pesto alla trapanese ricetta siciliana il chicco di mais 1Unitevi poi il pomodoro a pezzetti, il basilico, un pizzico di sale, il pepe e l’aglio schiacciato (4). Frullate per un minuto o due, fino ad ottenere una crema omogenea (5). Aggiungetevi l’olio (6) e il pecorino grattugiato (7).

Pasta con pesto alla trapanese ricetta siciliana il chicco di mais 2Mescolate accuratamente; alla fine dovrete ottenere una salsa granulosa (8). Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente tenendo da parte un po’ di acqua di cottura, e trasferitela in un’insalatiera assieme al pesto (9).

Pasta con pesto alla trapanese ricetta siciliana il chicco di mais 3 bMescolate accuratamente e aggiungete poco a poco un po’ di acqua di cottura (10), in modo che il sugo non sia tropo asciutto (11).

Pasta con pesto alla trapanese ricetta siciliana il chicco di mais 4Servite la pasta con pesto alla trapanese subito, guarnita con qualche fogliolina di basilico fresco.

Se ti è piaciuta la ricetta del pesto alla trapanese segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ e clicca qui per scoprire tutte le ricette siciliane!

Precedente Semifreddo di ricotta e frutti di bosco (ricetta veloce) Successivo Pomodori in padella, contorno freddo

2 commenti su “Pasta con pesto alla trapanese (ricetta siciliana)

  1. 40scalini il said:

    Troppo bella! tutto sommato abbastanza semplice anche la preparazione.Con i dovuti aggiustamenti (come trovare l’ aglio rosso di Nubia?) è una ricetta da provare al più presto. 😀

    • ilchiccodimais il said:

      Sì si può fare senz’altro anche con del comune aglio, mi sembrava interessante menzionare questa straordinaria varietà, presidio Slowfood e presto probabilmente anche insignita del marchio IGP. Da non farsi sfuggire per chi è della zona, o vi capita in vacanza!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.