Crea sito

Passatelli asciutti con pecorino di Fossa (ricetta marchigiana)

Passatelli asciutti con pecorino di Fossa ─ I passatelli sono una pasta fresca tipica delle Marche, molto diffusa anche in Romagna e tradizionalmente mangiata in brodo. Ma perché privarsi di questa bontà nella calda stagione? Ecco dunque la mia ricetta per gustarli asciutti: li ho conditi con un sughetto di pomodoro leggero, poiché i passatelli di per sé hanno un sapore abbastanza deciso, e ho guarnito il tutto con una spolverata di formaggio di Fossa di Sogliano Dop, un delizioso formaggio stagionato originario anch’esso della Romagna. I passatelli asciutti con pecorino di Fossa, realizzati senza l’aggiunta di farina che li indurirebbe troppo, sono perfetti anche per i celiaci, purché naturalmente si usi un pangrattato senza glutine.

passatelli asciutti con pecorino di fossa ricetta marchigiana il chicco di mais

Ricetta dei passatelli asciutti con pecorino di Fossa

Ingredienti per 4 persone:

Per i passatelli:

  • 4 uova
  • 180 g di pangrattato (per la versione senza glutine ho usato Pangratì Schar)
  • 180 g di parmigiano grattugiato
  • 30 g di burro
  • La scorza di mezzo limone
  • Noce moscata qb

Per il sugo:

  • 500 g di pomodori piccadilly
  • ¼ di cipolla
  • Olio, sale
  • Basilico qb
  • Formaggio di fossa di Sogliano DOP qb

Procedimento (preparazione: 15 min. riposo: 10 min. cottura 20 min.)

Iniziamo preparando il sugo: sbucciare i pomodori e tagliarli a pezzetti; in una padella far imbiondire la cipolla tritata molto finemente nell’olio, quindi aggiungere i pomodori. Salare e far cuocere il sugo a fuoco basso, aggiungendo il basilico quando è quasi pronto (1). Mettere sul fuoco una pentola d’acqua.

Mentre il sugo cuoce preparare i passatelli: mescolare in una ciotola il pangrattato con il parmigiano (2). Aggiungere la scorza di limone, una generosa grattata di noce moscata e le uova. Mescolare il tutto per amalgamare bene gli ingredienti (3), prima con un cucchiaio di legno, poi con le mani, fino a formare una palla (4). Lasciar riposare l’impasto per una decina di minuti, poi inserirlo nello schiacciapassatelli (5) (se non ne avete uno, va bene anche uno schiacciapatate con i fori larghi). Schiacciare l’impasto facendo cadere i passatelli in un recipiente foderato di carta da forno (6) cercando di formare dei fili il più lunghi possibile.

Una volta terminato l’impasto tagliare con un coltello l’estremità dei passatelli per staccarli dallo schiacciapassatelli (7-8); appena l’acqua bolle salarla e calare i passatelli senza mescolarli (9).

Quando saliranno a galla (10) attendere ancora un paio di minuti, poi scolarli (11) e condirli con il sugo di pomodoro.

Servire subito spolverizzando con il pecorino di fossa grattugiato o a scaglie (12).

Se ti è piaciuta la ricetta dei passatelli asciutti con pecorino di fossa segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+!

12 Risposte a “Passatelli asciutti con pecorino di Fossa (ricetta marchigiana)”

    1. Grazie! Come mai non ti riescono? Si rompono o vengono troppo duri? Prova con queste dosi, li faccio da anni e mi sono sempre riusciti benissimo 😉

  1. wow, adoro i passatelli, me li faceva sempre la mia nonna Paola, emiliana doc……a casa mia li cucino almeno 3 volte al mese, in tutti i modi…….ma che comoda la macchinetta schiacciapassatelli!!!!!! la voglio anch’io!!!!!!! brava! pat

  2. BRAVISSIMA ANCHE A ME PIACCIONO MOLTO I PASSATELLI ASCIUTTI , TI VORREI CHIEDERE DOVE HAI TROVATO QUELLA MERAVIGLIOSA MACCHINETTA PER FARE I PASSATELLI, IO LI FACCIO CON LO SCHIACCIAPATE E SAI CHE FATICA E NON VENGONO COSI’ BENE. DI NUOVO BRAVISSIMA MI PIACE MOLTO IL TUO BLOG E PENSO DI SEGUIRLO GIORNALMENTE

    1. Grazie mille per i complimenti! 🙂 Lo schiacciapassatelli l’ho trovato in vendita in un negozio di casalinghi della provincia di Pesaro, ma se sei della zona marche-romagna credo che se ne trovino anche di simili (una volta ne vidi uno in acciaio, ad esempio). Con lo schiacciapatate in effetti è un po’ più difficile, ne serve uno con i fori abbastanza grandi, altrimenti non vengono bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.