Maiale in agrodolce (ricetta cinese)

Il maiale in agrodolce è un piatto cinese diffuso in tutti i ristoranti cinesi nel mondo, apprezzato per il suo gusto particolare dagli amanti della cucina etnica. La ricetta del maiale in agrodolce è molto semplice da realizzare: la parte “agra”, infatti, è data dall’aceto, mentre la parte “dolce” dallo zucchero. In alternativa alcune ricette prevedono l’uso di frutta molto zuccherina (su tutte l’ananas) per donare dolcezza al maiale in agrodolce; io preferisco questa versione più semplice, in cui la carne è insaporita solo da peperoni e porri e condita con un po’ di salsa di soia. Come altri piatti della cucina cinese (il riso cantonese, il pollo alle mandorle…) anche il maiale in agrodolce si può preparare facilmente in casa con ottimi risultati, l’essenziale è fare attenzione a non cuocere troppo la carne, che diventerebbe dura. Servite il maiale in agrodolce ben caldo, accompagnato se volete da un po’ di riso basmati bollito o da un po’ di riso pilaf.

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais

Ricetta del maiale in agrodolce

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 g di fettine di maiale (arista o lonza)
  • 80 g di porro
  • 400 g di peperone
  • 3 cucchiai di farina (per la versione senza glutine ho usato la fecola di patate, ma va bene anche la maizena o la farina di riso)
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro (o due cucchiai di passata)
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di aceto di mele o di vino bianco
  • 3 cucchiai di salsa di soia (per la versione senza glutine ho usato la salsa Tamari Lima strong)
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale
  • Mezzo bicchiere di acqua

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 12 min.)

Per preparare il maiale in agrodolce iniziate tagliando le fettine di maiale a striscioline, formando degli straccetti (1). Tagliate il porro a julienne (2) e fate lo stesso con il peperone (3), dopo averlo lavato e privato dei filamenti bianchi e dei semi.

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais 1In uno wok o in una padella antiaderente dai bordi alti fate scaldare tre cucchiai di olio e unitevi le verdure (4). Saltatele per 3 o 4 minuti a fuoco vivo, finché non saranno cotte ma ancora croccanti (5), quindi scolatele con un mestolo forato e tenetele al caldo. Mettete gli straccetti di maiale in un sacchetto da freezer e unitevi la farina (6).

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais 2Chiudete il sacchetto, facendo in modo che vi rimanga dentro un po’ di aria e agitatelo on forza, in modo che la farina si distribuisca su tutta la carne (7). Nel fondo di cottura delle verdure fate rosolare il maiale a fuoco vivo (8), mescolandolo spesso. Aggiungetevi anche un pizzico di sale. Quando la carne si sarà colorita, unite mezzo bicchiere di acqua e il concentrato di pomodoro (9).

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais 3Mescolate bene e fate cuocere per 2-3 minuti sempre a fuoco vivo (10) quindi aggiungete lo zucchero (11), mescolate e unite anche l’aceto (12).

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais 4Fate cuocere ancora per un minuto, finché l’odore dell’aceto non sarà evaporato. Completate con la salsa di soia (13) e unite anche le verdure cotte precedentemente (14). Mescolate bene, facendo addensare il sughetto (15).

Maiale in agrodolce ricetta cinese il chicco di mais 5Spegnete il fuoco e servite il maiale in agrodolce subito, accompagnato da un po’ di riso basmati bollito o da un po’ di riso pilaf (qui trovate la ricetta).

Se ti è piaciuta la ricetta del maiale in agrodolce segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+!

Precedente Involtini di cavolo con tortini di verdure (ricetta involtini vegetariani) Successivo Polpette di carciofi e carne (ricetta secondo)

4 commenti su “Maiale in agrodolce (ricetta cinese)

  1. Cristina il said:

    È’ proprio venuta bene! Però per i miei gusti occorre ridurre la quantità di zucchero ed aumentare la nota acidula. Io poi ho usato carote, sedano e peperone rosso perchè quello avevo in frigo e garantisco che facevano il loro bel figurone con i loro colori nel wok. La famiglia ne era entusisasta e lo riproporrò presto. Grazie

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Cristina, sono contenta che ti sia piaciuto! Per quanto riguarda le proporzioni di aceto e zucchero certamente si possono regolare un po’ in base ai gusti personali, così come le verdure di acccompagnamento. Io mi sono ispirata al piatto che viene servito nel ristorante cinese che frequento di più, però mi è capitato di mangiarlo altrove e spesso ci sono anche altre verdure come le carote oppure i germogli di soia, perciò anche qui largo alla fantasia 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.