Crea sito

Coniglio ripieno cucinato in tegame

Il coniglio ripieno era una specialità della Signora Domenica, io buono così non credo di averlo mai assaggiato! Lei, che era una buona cuoca, se lo disossava da sè, cosa che non ho mai provato a fare ripiegando sul coniglio già disossato che trovo in macelleria. Comunque, questo arrosto molto semplice è reso ghiotto dal ripieno. In questa mia ricetta ho pensato di farcirlo con prosciutto cotto, formaggio a fette e frittata. Nella versione originale mi dicono ci fosse anche carne di vitella a fette, ma io ho “alleggerito” la farcia alla mia maniera. E’ un ottimo secondo, speciale per le feste o per la Domenica a pranzo, è possibile anche cucinarlo prima. Provate anche voi!

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 60 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6 porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 1 Coniglio (disossato)
  • 50 g Prosciutto cotto
  • 50 g scamorza (a fette)
  • 2 Uova
  • 2 cucchiai Parmigiano reggiano (grattugiato)
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 bicchiere Vino bianco secco
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Lavate il coniglio con acqua e aceto e tamponatelo con carta assorbente. Stendetelo.

  2. A parte cuocete una frittata con due uova, parmigiano e sale. Iniziate a farcire il coniglio foderandolo con prosciutto cotto, frittata e fette di scamorza.

  3. Chiudetelo dal lato più lungo arrotolando il coniglio su se stesso. Chiudetelo con dello spago come fosse un normale arrosto. Sistematelo in padella con aglio in camicia e olio. Fatelo rosolare e salate. Una volta che avrà una bella crosticina dorata da tutti i lati, sfumate con il vino e poi cuocete con il coperchio per 25-30 minuti.

  4. Fate raffreddare e tagliate il coniglio a fette. Dovrà presentarsi così all’occhio.

  5. Servire a fette con il proprio sughetto. Buon appetito!

Note

3,5 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *