Crea sito

Fagiolini in rosso alla Toscana

Fagiolini verdi al tegame con l’aggiunta di pomodoro, un contorno “veggie” che è nella tradizione Toscana, infatti l’alternativa al fagiolino verde è quello bianco o i  metro (o “le stringhe” come si dice a Lucca).  I fagiolini sono molto poco calorici e sono fonte delle fibre necessarie a garantire un transito intestinale normale. Contengono soprattutto la vitamina C, ottimo antiossidante indispensabile per proteggere i tessuti connettivi, e la vitamina B9, necessaria per la crescita e la riproduzione cellulare.

Per queste loro caratteristiche sono altamente raccomandate alle donne che desiderano avere un figlio, ai bambini e a tutti coloro il cui organismo è sottoposto a un alto rinnovamento cellulare (crescita, convalescenza, ecc.). I migliori sono quelli giovani, in quanto sono teneri e privi di filamenti laterali. Per assicurarvi che siano buoni controllate che la loro consistenza sia soda, ma morbida: infatti, se spezzati, devono rompersi di netto e produrre un rumore secco. Provateli in questa versione sono davvero gustosi!

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 20-25 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 1 porzione
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 200 g fagiolini verdi teneri
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • 3 cucchiai Polpa di pomodoro (o 10 pomodorini)

Preparazione

  1. Per prima cosa spuntate i fagiolini metteteli a bagno con bicarbonato e poi sciacquateli e dategli un bollo in acqua per abbreviare la cottura in padella e togliere un pò del “verde” caratteristico dei fagiolini. Tritate aglio e prezzemolo e rosolateli in padella con olio (2 cucchiai)

  2. Aggiungete i fagiolini dopo averli scolati, e fateli cuocere una decina di minuti a fiamma bassa girando spesso con un mestolo.

  3. Aggiungete la polpa di pomodoro o i pomodorini a metà e fate cuocere altri 20 minuti a fiamma dolce. Salate

  4. Serviteli caldi meglio con un secondo di verdura, uova o carne, buon appetito!

Note

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *