Crostatine alle more facilissime

Crostatine alle more facilissime

Se vivete in campagna, in montagna o in prossimità di qualche boschetto, non potete non raccogliere le more, i frutti che nascono come per magia da un groviglio di rovi. E sicuramente non potete non preparare queste deliziose crostatine alle more facilissime. Si, davvero facilissime, pronte in poco più di 15 minuti.

More e lamponi: usi e virtù

Leggeri, leggeri..

Le more e i lamponi sono frutti poco calorici, hanno un alto potere saziante e quindi sono perfetti per un’alimentazione sana e leggera. Hanno anche virtù diuretiche che permettono un buon drenaggio dell’organismo, oltre che essere leggermente lassativi. Piccoli frutti ma di grande effetto: mora e lampone agiscono in particolare nella prevenzione dei disturbi degenerativi che interessano gli organi interni e in quella dell’invecchiamento cutaneo.

Stimolanti per il transito intestinale

Particolarmente ricchi di fibre, le more e i lamponi, i cui granelli sono un concentrato di cellulosa, sono molto utili per l’intestino pigro. Le more, in particolare, contengono più zuccheri e sono più povere di fibre.

Protezione contro i raggi UV

Come il vino rosso e le nocciole, questi piccoli frutti ricchi di pigmenti antiossidanti, in particolare di polifenoli, hanno un’azione protettrice nei confronti dei raggi solari. Per godere di tale protezione, bisogna consumarne una grande quantità ogni giorno.

Una miniera di minerali

Le more e i lamponi forniscono vitamine B, C, E, K, e sono ricchi di minerali, in particolare potassio, magnesio, calcio e ferro ma anche fosforo, rame, zinco, manganese e selenio.

Antiossidanti

Sulla scala del potere antiossidante elaborata dai ricercatori americani in base al principio dell’ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity) le more sono inferiori ai mirtilli, ma superiori alle fragole e ai lamponi, che a loro volta superano di molto arance, uva, ciliegie e kiwi. Questi antiossidanti sono capaci di ridurre il tasso di colesterolo (nelle more in particolare) e quindi di limitare l’impatto dei disturbi cardiovascolari. Potrebbe riuscire a rallentare lo sviluppo delle cellule maligne, in particolare nel fegato, nel seno, nel colon, nei polmoni e in bocca. Luteina e zeaxantina, protettrici degli occhi, sono anch’esse presenti.

Crostatine alle more facilissime

Passiamo alla ricetta delle crostatine alle more facilissime:

Ingredienti per 4-5 crostatine:

  • un rotolo di pasta brisè o di pasta frolla
  • 200 g di more
  • 4 cucchiai di zucchero di canna (2 se si usa pasta frolla)
  • 1 budino o uno yogurt alla vaniglia
  • burro o olio evo

Procedimento:

Stendere la pasta brisè o la pasta frolla, ricavarne 4 o 5 cerchi con un coppapasta, una formina apposita o un bicchiere, grandi quanto lo stampo che conterrà la crostatina.
Con una formina a forma di fiore, ricavare dagli scarti di pasta 8 o 10 fiorellini, che serviranno come decorazione.
Lavare bene le more, disporle in un piatto a macerare qualche attimo cosparse con un cucchiaio di zucchero.
Disporre i dischi di pasta negli stampini imburrati o unti d’olio, bucherellarli ed infornarli in forno già caldo a 180° per 7-10 minuti. Cuocere anche i fiorellini di pasta cosparsi di zucchero, disposti su un foglio di carta da forno.
Estrarre i gusci di pasta dal forno e lasciarli raffreddare.
Distribuire  il budino o lo yogurt alla vaniglia in ciascuno dei gusci di pasta, decorare con le more disposte in modo ordinato. Cospargere ancora con poco zucchero, decorare con i fiorellini di pasta e servire.
Se volete conservarle, consiglio di preparare poca gelatina e cospargerla sulla frutta.

Ecco altre ricette con la frutta:

 

Il mio abbinamento

BRACHETTO D’ACQUI

Gradevole, brioso, frizzante, allegro e profumato. Il Brachetto d’Acqui è ottenuto al 100% dal vitigno Brachetto, che dà a questo vino bellissimi colori porpora o rubino con riflessi violacei. Il suo perlage è fine e persistente, è il vino della seduzione e della gioia, apprezzato in ogni occasione per i suoi profumi di frutta matura, frutti del sottobosco e floreale tipico di rosa , godibile senza paura di eccessi grazie al suo moderato tenore alcolico, inebriante e morbido.
Le particolarità e l’unicità del Brachetto d’Acqui DOCG consistono nella sua naturale dolcezza e grande aromaticità, caratteristiche che non trovano riscontro nel panorama mondiale dei vini aromatici.
Il Brachetto d’Acqui ci insegna come un territorio di estensione limitata (1.082 ettari vitati) possa offrire stimoli, curiosità e varianti inimmaginabili che hanno lasciato il segno nella storia: la miglior risposta della natura e dell’uomo a chiunque voglia omologare gusti, passioni e desideri.

Fonti: brachettodacqui.com

 

Precedente Menù di ferragosto ecosostenibile Successivo Spaghetti alle vongole con melanzane e bucce fritte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.