Piccoli frutti: pillole di benessere

 

Lamponi, mirtilli neri, mirtilli rossi, more, ribes, fragoline di bosco e ultima scoperta bacche di goji sono preziosi alleati per la salute. Questi straordinari piccoli frutti sono famosi per  ricchezza di antiossidanti che li contraddistingue, sostanze benefiche che ci proteggono dalle malattie e che ci aiutano a prevenire e a contrastare le infezioni.

Prova questa ricetta:

Crostata alla barbabietola  con marmellata ai frutti di bosco

Blu Frutti, l’Associazione che tutela le produzioni locali

L’Associazione Produttori di Piccoli Frutti ed Orto-frutticoltori del Verbano Cusio Ossola e di Novara denominata Blu Frutti si è costituita a febbraio 2013, raggruppando una trentina di aziende agricole di piccole dimensioni  sul territorio della provincia del VCO e di Novara, produttrici di piccoli frutti.
L’Associazione nasce per volontà dei produttori stessi e con il supporto della Camera di Commercio del VCO ed ha lo scopo di valorizzare, qualificare e  promuovere l’orto-frutticoltura, con particolare riguardo alle produzioni di piccoli frutti – mirtilli, more, ribes, lamponi – in un contesto territoriale particolarmente adatto a tali coltivazioni.
La ricerca della qualità da parte dei soci, sia del prodotto fresco sia di prodotto trasformato (confetture, gelatine, succhi ecc. ), passa attraverso l’identificazione di origine, l’adozione di disciplinari di produzione e di un marchio di qualità e con l’utilizzo di un laboratorio di trasformazione comune nel Comune di Pisano (NO).
L’Associazione si prefigge inoltre di progettare e realizzare attività di formazione, divulgazione e ricerca per approfondire la conoscenza delle produzioni ortofrutticole,  consapevole dell’importanza di   immettere sul mercato prodotti alimentari sani e salutari destinati a consumatori sempre più attenti alla qualità ed alle produzioni rispettose dell’ambiente.

Piccoli frutti: 1001 usi e virtù

Prevengono l’invecchiamento

Uno studio condotto dall’Università di Parma ha messo nero su bianco gli effetti benefici di dei piccoli frutti nella prevenzione dell’invecchiamento. In questo caso i benefici dei frutti di bosco sono dovuti soprattutto alla ricchezza di polifenoli, delle molecole fondamentali per arginare i danni causati dai radicali liberi e per prevenire patologie croniche, oltre che per migliorare le capacità cognitive.

Aiutano a dimagrire

Se fate fatica a dimagrire, il segreto potrebbe essere nei piccoli frutti. Mangiare tre porzioni di frutti di bosco al giorno infatti aiuterebbe a bruciare i grassi e consumare calorie per produrre energia. Sarebbe merito soprattutto degli antiossidanti, in particolare del resveratrolo contenuto nei frutti di bosco.

Migliorano la memoria

Mangiare i piccoli frutti potrebbe essere d’aiuto per migliorare e preservare la memoria, soprattutto negli anziani. Il merito è ancora una volta degli antiossidanti presenti in questi frutti. Secondo i ricercatori, gli anziani che consumano spesso frutti di bosco riescono a rimandare il sopraggiungere del declino cognitivo di alcuni anni grazie agli antociani, tra le sostanze antiossidanti più potenti contenute nei frutti di bosco.

Sono una fonte importante di acido folico

I frutti di bosco sono una fonte importante di acido folico, una sostanza davvero indispensabile in gravidanza per proteggere il bambino da eventuali problemi di sviluppo. Di solito alle donne in gravidanza viene consigliata l’integrazione di acido folico per prevenire ogni tipo di rischio ma questa sostanza è importante per tutti noi, in particolare per proteggere la salute cardiovascolare e il nostro cervello.

Abbassano la pressione in menopausa

Tra i piccoli frutti più amati ecco i mirtilli che in questo caso contribuiscono ad abbassare la pressione con particolare riferimento alle donne in menopausa. Secondo uno studio condotto in Florida basterebbe mangiare una scodella di mirtilli al giorno per proteggere il cuore e per contribuire ad abbassare la pressione in menopausa.

Gli chef e  piccoli frutti nostrani

Inutile dire che i piccoli frutti hanno un posto privilegiato nelle cucine degli chef stellati e non solo. Queste piccole dolcezze infatti, hanno il pregio di essere versatili, e ideali per accompagnare secondi piatti di carne e primi piatti deliziosi, nonché dolci golosissimi.
Il classico intramontabile resta il “risotto ai mirtilli o alle fragole”, un primo piatto molto apprezzato e rivisitato da ogni chef. Troviamo anche un succulento “petto d’anatra con salsa ai frutti di bosco”, secondo piatto ideale per una cena raffinata. E per stupire ecco un delizioso “flan di Bettelmatt, con leggera mostarda di pere e salsa ai mirtilli di montagna speziati”. E per dolce? Beh, qui la scelta è vastissima, partiamo da una “panna cotta alla vaniglia, geleè di melograno e salsa ai frutti di bosco”, per passare ad un “soffiato di nocciole con gelato alla grappa e frutti di bosco”, fino ad arrivare al “crème caramel di formaggio di capra con salsa ai frutti di bosco”. Che dire, ce n’è per tutti i gusti e per tutti i palati.

Mara Toscani

Precedente Torta di pane-ttone Successivo Il lato B della verdura: usi e virtù inaspettati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.