Zucchine sottolio – Ricetta con aceto senza cottura

Le zucchine sottolio sono una delle mie conserve preferite, perfette da servire come antipasto o su una bruschetta di pane tostato. Preparando questa conserva potrete gustare il sapore fresco e delicato delle zucchine  anche in inverno. Nella mia ricetta è previsto l’uso dell’aceto, quindi queste zucchine sottolio avranno un leggero e piacevole gusto acidulo e saranno profumate ed insaporite da spezie ed odori, che potrete dosare a vostro piacimento. La procedura non prevede cottura, le zucchine vengono preparate a crudo e poi invasettate e rimarranno croccanti e sode per diversi mesi.

Ingredienti per 3 vasetti da 250 ml

  • 2 kg di zucchine
  • 3 litri di acqua naturale
  • 1,5 litri di aceto di vino bianco
  • 1 cucchiaio di sale
  • origano secco qb
  • menta fresca qb
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperoncino piccante
  • olio extravergine di oliva qb

Zucchine sottolio - Ricetta con aceto senza cotturaPreparazione

Lavate le zucchine, eliminate le estremità ed affettatele come preferite. Io utilizzo la mandolina con il taglio che solitamente si usa per fare le patatine stick, ma potete farle anche più sottili, tipo grossi spaghetti, oppure a rondelle sottili o ancora a spicchi grossi tagliando le zucchine in 4 parti. Io preferisco farle a stick perchè avranno al giusta croccantezza che a me piace. Naturalmente se le zucchine sono troppo lunghe le taglio prima a metà, in modo da ottenere degli stick di circa 10/12 cm.

Mettete le zucchine in una ciotola capiente e copritele completamente con l’acqua, l’aceto ed il sale, mescolate e lasciate riposare per almeno 24 ore, mescolando di tanto in tanto. Le dosi che ho indicato dovrebbero bastare a coprire le zucchine, in caso contrario regolatevi aggiungendone ancora nella misura di 2 parti di acqua ed una di aceto.

Trascorso il tempo necessario, scolate le zucchine dall’acqua e strizzatele. Per strizzare le zucchine lo strumento più indicato è l’apposito torchietto che serve a stringere le verdure da fare sottolio (qui in Calabria lo usiamo soprattutto per fare le melanzane a filetto). Se avete il torchietto dovrete semplicemente mettere all’interno del contenitore le zucchine e strizzarle fino a che non uscirà più acqua. Se non avete il torchietto (come nel mio caso) potete utilizzare un comune schiacciapatate, naturalmente ci metterete più tempo e fatica però è una valida alternativa.

Man mano che strizzate le zucchine riponetele in una ciotola (se è il caso ripassate le zucchine due volte allo schiacciapatate fino ad eliminare completamente l’acqua) e dopo aver terminato condite le zucchine con abbondante olio extravergine di oliva, l’aglio ed il peperoncino tagliati a rondelle, le foglie di menta ed un pizzico di origano sbriciolato (la quantità delle spezie è indicativa, potete variarla in base ai vostri gusti, anche se vi consiglio di non esagerare con aglio e peperoncino per non rischiare di coprire eccessivamente il sapore delle zucchine).

Mescolate il tutto, lasciate le zucchine ad insaporire per circa 15 minuti dopodichè riempite i vasetti precedentemente sterilizzati. Per la sterilizzazione dei vasetti e per la corretta procedura di invasettamento seguite questo video.

Pressate per bene le zucchine all’interno dei vasetti riempiendoli fino ad 1 cm dal bordo, aggiungete in ciascun vasetto olio extravergine di oliva fino a coprire completamente le zucchine e sigillate con i tappi.

Dopo un paio di giorni controllate il livello dell’olio, se necessario aggiungetene ancora in modo che le zucchine siano completamente coperte e poi conservate in un luogo fresco e asciutto fino a quando non le consumerete.

Precedente Bucce di patate fritte al miele - Ricetta per aperitivo Successivo Confettura di cipolle di Tropea - Ricetta calabrese

4 commenti su “Zucchine sottolio – Ricetta con aceto senza cottura

  1. Ciao! Sono golosa di zucchine e vorrei provare anche questa tua ricetta. Ma mi chiedo: acqua e aceto devono bollire prima di essere aggiunti alle zucchine?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.