Crea sito

Salsa al caramello: come farla rimanere fluida

La salsa al caramello è una preparazione base della pasticceria, ideale per guarnire dolci come la panna cotta, il creme caramel, la cheesecake e in generale tutti quei dessert che necessitano di un topping. Si tratta infatti di una salsa al caramello che non indurisce quando si raffredda, ma rimane bella fluida, densa quel che basta per poter guarnire i nostri dolci. Il topping al caramello così preparato è anche molto comodo da utilizzare al bisogno: si conserva infatti per un mese ben chiusa in un barattolino di vetro, pronta per essere usata quando ne abbiamo necessità. Per preparare la salsa al caramello che non indurisce bastano due ingredienti: zucchero e acqua. Il segreto è avere pazienza e seguire le varie fasi della preparazione del caramello con molta attenzione, per evitare di bruciarlo o, viceversa, di non farlo dorare al punto giusto. Perché la salsa al caramello rimanga fluida è importante aggiungere acqua bollente poco a poco al caramello lontano dal fuoco e mescolare subito in modo che il composto si amalgami a dovere. Con il suo gusto leggermente amarognolo, la salsa al caramello è perfetta per accompagnare tantissimi dessert o semplicemente per rendere speciale un gelato o un frozen yogurt. Se invece cerchi la ricetta della salsa al caramello mou, con aggiunta di panna, la trovi qui!

  • DifficoltàMedio
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di riposo45 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni250 ml
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gZucchero
  • 260 mlAcqua (circa)

Strumenti

  • 2 Tegami
  • 1 Cucchiaio

Come preparare la salsa al caramello o topping al caramello

  1. Per preparare la salsa al caramello che non indurisce iniziate mettendo in un tegame dal fondo spesso lo zucchero e 4 cucchiai di acqua fredda presa dal totale (1). È importante che il tegame abbia il fondo spesso in modo che il calore si distribuisca uniformemente in tutto il caramello. In un pentolino a parte fate scaldare l’acqua, che alla fine dovrà bollire. Contemporaneamente mettete il tegame con lo zucchero sul fuoco basso (2) e aspettate. Ci vorranno 10-15 minuti, ma è bene che la fiamma sia bassa in modo da poter controllare meglio la cottura del caramello; vedrete che il composto attraverserà diverse fasi. Non mescolatelo mai! Inizialmente si formeranno delle bolle (3).

  2. Successivamente sulla superficie comparirà una sorta di “crosta” più dura: con la punta di un cucchiaio di acciaio rompete la superficie (4) ma non mescolate il composto. Infine, noterete che, a partire dai bordi e pian piano arrivando al centro della pentola, il caramello inizierà a scurirsi. Solo quando tutto il composto avrà raggiunto un bel colore ambrato (5) mescolatelo brevemente e toglietelo subito dal fuoco. Ora arriva la parte più importante, incorporare l’acqua allo zucchero per formare la salsa al caramello: visto che i due composti hanno temperature diverse, quando aggiungerete l’acqua al caramello c’è il rischio che quest’ultimo schizzi. Proteggete le mani con dei guanti da forno e non avvicinatevi troppo con il viso alla pentola. Aggiungete inizialmente pochissima acqua (6).

  3. Mescolate subito (7) fino a incorporarla del tutto. Aggiungetene quindi ancora un po’ e mescolate. Ripetete questa operazione più volte, fino a ottenere un composto omogeneo e piuttosto liquido (8). La quantità di acqua totale può variare un po’, io vi consiglio di non aggiungerla tutta subito, ma di fermarvi quando vedete che il composto è abbastanza liquido. Considerate che una volta che sarà completamente freddo tenderà ad addensarsi. Se risulterà troppo denso potete rimediare aggiungendo poco a poco altra acqua, sempre bollente. Se invece l’avrete diluito troppo non ci sarà modo di rimediare. Fate raffreddare completamente la salsa al caramello (9), quindi versatela in un vasetto di vetro, dove potrete conservarla a temperatura ambiente per un mese.

  4. Usate la salsa al caramello per guarnire i vostri dolci! Della salsa al caramello è disponibile anche la videoricetta, seguimi sul mio canale YouTube

Note

Conservazione

Il topping al caramello si conserva chiuso in un barattolo di vetro per un mese circa, a temperatura ambiente

Come usare il topping al caramello

Tanti sono i possibili usi di questa salsa al caramello: potete usarla per accompagnare il gelato o il frozen yogurt; come topping per i pancakes; per guarnire un budino al latte o la panna cotta; per rendere più goloso uno yogurt bianco o lo yogurt greco.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Una risposta a “Salsa al caramello: come farla rimanere fluida”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.