Buona Domenica con Peperoni e Acciughe, nuova ricetta!

Buona Domenica, oggi vi presento una nuova ricetta di mia invenzione: Peperoni Sweet Palermo saltati con olive, capperi e acciughe fritte. Prima di tutto conosciamo questo Sweet Palermo che non avevo ancora cucinato:  rispetto ad un peperone tradizionale, lo riconosci dalla caratteristica forma del colletto, dalla buccia più tenera e sottile e dai pochi semi. Il sapore dolce e delicato lo rende speciale per ogni occasione e in molti modi diversi rispetto ad un peperone tradizionale, dallo spuntino a prezioso ingrediente di gustose ricette. Puoi servirlo saltato, grigliato, cotto al vapore o alla brace; oppure crudo presentarlo tritato, a cubetti, a strisce o ad anelli per aggiungere un tocco in più ad ogni tuo piatto. Sweet Palermo è coltivato da produttori altamente qualificati presenti nelle aree più vocate della Sicilia.

Nella vaschetta che contiene 3-4 peperoni c’è anche un ricettario, molto apprezzato, che ho subito sfogliato. Mi è caduto l’occhio sui peperoni saltati e, siccome stavo preparando delle acciughe fritte, ho pensato di unire le due ricette in una nuova veste. Volete provare? Seguite le istruzioni!

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 2 peperoni sweet palermo
  • 10 Acciughe (alici)
  • q.b. Semola di grano duro rimacinata
  • q.b. olio di arachide
  • q.b. Capperi sott'aceto
  • q.b. Olive taggiasche
  • 2 cucchiai Aceto di mele
  • q.b. Prezzemolo
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Peccato la foto sia sfuocata…comunque, in una padella far scaldare dell’olio extra vergine, pulire i peperoni e tagliarli a “nastro” unirli all’olio caldo e farli saltare. A parte tritare capperi, olive e prezzemolo , aggiungerli ai peperoni e far cuocere abbassando la fiamma. Bagnare con 2 cucchiai di aceto di mele e coprire.

  2. Nel frattempo in un’altra padella far scaldare l’olio di arachide, pulire le acciughe togliendo loro la testa e le viscere ma lasciando la spina. Sciacquare bene, asciugare con carta e infarinare con semola di grano duro. Friggerle a fuoco vivace ma non troppo alto. Scolarle con un mestolo forato ed unirle nel tegame con i peperoni. Lasciare insporire aggiustando di sale.

  3. Prima di servire occorrerebbe lasciar riposare. Più riposa più è buono!

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Enjoy this blog? Please spread the word :)