Speciale Natale: quale Spumante stappate?

spumante calici

Lo spumante è il vino del brindisi per autonomasia. Merito del caratteristico perlage e delle fresche note aromatiche che contraddistinguono in modo più o meno marcato tutti questi vini. Ecco una piccola guida pratica sullo Spumante da bere a Natale, dall’acquisto all’abbinamento in tavola. Quale Spumante stappate?

Vedi anche:


Spumante Made in Italy

In Italia esistono diverse aree vocate alla produzione spumantistica, fra cui le più rinomate sono la Franciacorta (termine che indica sia il territorio che il vino) in Lombardia, le colline che affiancano il fiume Adige, fra Rovereto e Trento, dove si produce il Trento Doc e la zona di Conegliano-Valdobbiadene, in Veneto, patria del Prosecco. Oltre al territorio d’origine, determinanti per conferire a ciascuno Spumante il suo carattere peculiare sono anche le tecniche di produzione e i vitigni selezionati. Anche nel resto d’Italia la produzione di Spumanti è sempre più frequente. Nei supermercati e nelle enoteche si possono trovare novità “spumantizzate” davvero interessanti.

Spumante: abbinamenti in tavola

Bere bollicine non è più solo sinonimo di brindisi. In base al tipo di menù, infatti, Spumanti & Co. possono sostituire i vini bianchi fermi lungo tutto il corso del pasto, grazie alla grande varietà di prodotti in commercio che permette di scegliere fra tipologie più facili e beverine e altre più strutturate, adatte quindi ad accompagnare pietanze complesse.

Spumante e aperitivo

Per gli aperitivi a base di pesce si consiglia uno Spumante morbido, leggero e aromatico (Valdobbiadene Spumante Superiore Dry), oppure un Franciacorta Pas Dosé o un Trento Doc per appetizer di carne o Parmigiano Reggiano.

Spumante con gli antipasti

Con gli antipasti si può proseguire con un Valdobbiadene Spumante nella versione Brut se si servono salumi o antipasti caldi di formaggio, pesce crudo o a base di verdure. Un Metodo Classico Brut è più indicato con crostacei, salmone affumicato, vitello tonnato e paté.

Spumante per i primi piatti

Per i primi piatti un occhio di riguardo va dato ai condimenti. Paste e risotti a base di verdure possono essere serviti con il medesimo Brut utilizzato per gli antipasti, mentre in presenza di sughi è meglio passare a un vino più strutturato ma non eccessivamente impegnativo, per esempio un Rosé.

Spumante, secondi e formaggi

Lo stesso Rosé è indicato anche con i secondi di pesce, mentre le pietanze di carne necessitano di bollicine più mature. Ideale è un Metodo Classico Extra Brut.
Con i formaggi stagionati si può optare per i Franciacorta Brut e i Trento Doc, per i caprini freschi un Valdobbiadene Superiore Dry, per i formaggi molli si può azzardare anche un Asti Spumante.

Spumante e dessert

Nel dessert la regola, spesso trascurata, vuole che non si servano Spumanti secchi, quindi largo ai Dry, ai Demi-Sec e ai Dolci.

Gli abbinamenti con lo Champagne

Per l’aperitivo va bene uno Champagne blanc de blancs, leggero e fresco. Per gamberetti, scampi e crostacei in genere, uno Champagne Brut. Per il pesce alla griglia, uno Champagne a base Chardonnay. Uno Champagne Blanc de Noirs può essere abbinato a primi piatti di carne. Un millesimato, a secondi piatti agnello o selvaggina. Ci sono poi gli abbinamenti classici: ostriche, caviale e fragole. Con i dolci, un Demi Sec. Anche qui, se per caso avanza del vino, lo si può riutilizzare come base per il risotto allo Champagne o con le fragole e per piatti a base di pesce (sogliole, gamberi, aragosta, scampi…).

I prezzi dello Spumante e degli Champagne

Per consumare un vino di qualità non significa necessariamente spendere tanto. Ci sono Spumanti e Champagne per tutti gusti e per tutte le tasche.

Qualche prezzo indicativo per lo Champagne:

  • Château Pierre Launay Brut, 21 euro
  • Mathieu, 35-40 euro
  • Moët & ChandonRéserve Impériale, 35 euro
  • Blanc de Blancs Summertime Pommery, 40 euro
  • Bollinger Special Cuvée, 50 euro
  • Paul Barat, 60 euro
  • Gosset Millésime 2000, 70 euro
  • Ruinart blanc de blancs, 80 euro
  • Dom Pérignon Vintage 2000, 130 euro
  • Dom Pérignon Enothèque 1996, 300 euro.

Per gli Spumanti ( solo qualche esempio indicativo):

  • Asti Spumante Martini, 7 euro
  • Ferrari Maximum Brut, 18 euro
  • Barone Pizzini Franciacorta Brut, 19 euro
  • Berlucchi Franciacorta Brut Storica 61, 19 euro
  • Ca’ del Bosco Cuvée Prestige, 23 euro
  • Cartizze, 24 euro
  • Prosecco Millesimato Extra Dry Val D’Oca 11 euro
  • Ferrari Perlè nero, 35 euro

Dove acquistare Spumanti e Champagne

Al supermercato, nella corsia dei vini, si trovano spumanti e champagne di tutte le case e di tutti i prezzi. Per i vini più ricercati, resta l’enoteca o la ricerca online, dove tra offerte e spedizioni gratuite, si possono fare ottimi affari.
Tra i siti più conosciuti:

  1. solobollicine.it
  2. italianwineselection
  3. champagneonline.it
  4. enopolis
  5. venditachampagne.it.

 

Ecco altri articoli interessanti:

 

Mara Toscani

Photo Credits: flickr.com/photos/angelocesare/5417786449/

Precedente Torta di mele cremosa, con pesche sciroppate e ricotta Successivo Monkey bread al formaggio in versione salata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.