Crea sito

Gallina bollita e il suo brodo

Oggi parliamo di una preparazione di base, che ci permette di avere due portate: la gallina bollita e il suo brodo.

Il brodo di gallina (come quello di pollo) è considerato un rimedio naturale che migliora i sintomi delle malattie da raffreddamento, aiuta a combattere la disidratazione, nutre le articolazioni e la pelle. Insomma, un vero e proprio toccasana che preparo spesso e in tutte le stagioni.

Ottimo in inverno bello caldo così al naturale o con cappelletti e tortellini oppure nel periodo più caldo per preparare dei gustosi risotti o per ricette etniche come il pollo al curry con i ceci.

Anche la gallina bollita è un passpartout. Se ne trovate una ruspante dei contadini ve la consiglio vivamente. Buonissima insieme alla salsa verde, alla giardiniera fatta in casa o ai carciofini sott’olio. Quando ne rimane un po’, soprattutto della parte del petto, ci preparo un ottima insalata con verdure crude.

Se il brodo di gallina avanza, si può conservare in frigo  per due giorni oppure congelare, comodissimo per averlo sempre a disposizione quando vi serve.

Gallina bollita e il suo brodo
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1gallina intera (circa 1 kg)
  • 1gambo di sedano
  • 1cipolla
  • 2carote
  • 2 foglieallora
  • 1 ciuffoprezzemolo
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.grani di pepe
  • q.b.sale grosso
  • 2 lacqua

Strumenti

  • Pentola a pressione o normale
  • Coltello
  • Pelapatate per pelare le carote
  • Carta assorbente
  • Mestolo
  • Colino

Preparazione

  1. Gallina bollita e il suo brodo

    Iniziare a pulire le gallina. Eliminare eventuali piume rimaste attaccate e fiammeggiare sul fuoco le altre per eliminarle definitivamente.

    Sciacquare accuratamente e tamponare con carta assorbente e tenere da parte.

    Pulire le verdure. Sbucciare le carote, privare delle estremità della costa di sedano e tagliarla a metà e, infine, pulire la cipolla, spellandola. Lavare bene il tutto.

    Iniziare con la cottura del brodo.

    Nella pentola a pressione (o pentola normale capiente) adagiare la gallina (o il pollo) e aggiungere sedano, carota, cipolla, prezzemolo, aglio e alloro e il pepe in grani.

    Infine coprire con l’acqua, chiudere con il coperchio e portare a bollore. Abbassare la fiamma cuocere 45 minuti in pentola pressione dal fischio oppure 1 ora e mezza in pentola normale.

    Schiumare il brodo per eliminare impurità e il grasso in eccesso. Aggiustare di sale.

    Lasciare raffreddare in pentola.Tenere da parte la gallina e buttare le verdure. Filtrare il brodo per usarlo nelle vostre preparazioni.

Altre ricette

In molti mi avete chiesto quale pentola a pressione uso. Mi trovo molto bene con la Lagostina Clipso Prefect.

Le carni utili per preparare un buon brodo sono: gallina, pollo, manzo e vitello oppure carni più particolari come tacchino, cappone, anatra e oca. Ottimi sono anche i brodi a base di selvaggina da piuma come fagiano, starne e beccacce. In questo caso meglio utilizzare le carcasse dei volatili e cucinare la carne in piatti più pregiati. La carne di maiale, invece, non è assolutamente adatta ai brodi.

Potete utilizzare il vostro brodo di gallina in varie preparazioni. Io vi consiglio il risotto alla parmigiana e il risotto ai fegatini di pollo. Date un’occhiata anche a brodo di carne.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.