Risotto ai fegatini di pollo

Il risotto ai fegatini di pollo è considerato un piatto della cucina povera. E’, infatti, un piatto della cultura contadina di tutte le regioni italiane, quando si cercava di non buttare via nulla e di utilizzare tutto ciò che era commestibile.

Le frattaglie degli animali sono state considerate nel tempo del boom economico uno scarto ma un tempo venivano utilizzate in tanti modi diversi: ad esempio, nei ripieni o per preparare dei brodi.

Oggi, molti chef, attenti anche agli aspetti ambientali ed etici della cucina, stanno riscoprendo questi ingredienti e li propongono in molti piatti dei loro menu.

I fegatini di pollo però, sono una vera prelibatezza. Hanno un sapore più delicato rispetto al fegato di manzo, di vitello o di maiale. Si possono cucinare in vari modi: come paté per i crostini, stufati in casseruola oppure nel risotto.

Bisogna però comprare da produttori che hanno allevamenti biologici o di cui si conosce la serietà per evitare che i fegatini siano pieni di antibiotici e sostanze che non fanno bene alla nostra salute. Io, ad esempio, compro in un mercatino biologico a Genova.

Iniziamo con quest’ultima ricetta davvero molto gustosa e nutriente tanto che io la considero quasi un piatto unico. Basta aggiungere dopo una buona insalata e il pasto è perfetto 🙂

Risotto ai fegatini di pollo
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 320 gRiso per risotti
  • 350 gFegatini di pollo
  • 1Scalogno
  • q.b.Foglie di salvia
  • Mezzo bicchiereVino bianco
  • 1 lBrodo di pollo
  • q.b.Sale fino
  • 50 gParmigiano grattugiato
  • q.b.Olio EVO

Strumenti

  • Risottiera
  • Tagliere
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno
  • Colino / Scolapasta

Preparazione

  1. Risotto fegatini

    Lavare bene i fegatini e tagliarli a pezzettini. Scaldare il brodo.

    Tritare lo scalogno e la salvia e metterli a rosolare un minuto con l’olio nella risottiera. Aggiungere i fegatini e dopo due minuti il riso, sempre mescolando perché non si attacchi niente sul fondo. Far tostare il riso un minuto aggiungendo poco sale. Sfumare con il vino.

    Quando l’alcool è evaporato iniziare a bagnare poco alla volta con il brodo bollente e far cuocere, mescolando spesso, per circa 13/14 minuti.

    Spegnere il fuoco lasciando il riso all’onda e mantecare con il parmigiano. Lasciare riposare due minuti e servire.

10 regole per un buon risotto

Se siete interessati ho scritto questo articolo che riassume 10 regole fondamentali per preparare un buon risotto.

Io vi consiglio di leggere anche la ricetta del  risotto alla parmigiana.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTubeFacebookInstagramPinterestTwitter Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.