Crea sito

Zucca impanata al forno

La Zucca impanata al forno è un delizioso modo di gustare questo prodotto della natura apparentemente povero…ma che  con poche mosse si presta ad essere una vera regina della tavola…testimoni ne sono gli ottimi risotti…i dolci…i tortini…i ravioli…i contorni…quindi perché non riproporla in ogni modo ora che se ne trovano tante e buone!!!!

Fatta poi così, impanata, si presta ad essere presentata non solo come contorno ma in un pranzo abbastanza impegnativo di portate anche come secondo…guardate…sembrano delle cotolette 🙂 .

E ovviamente inutile aggiungere che farla è di una semplicità unica…non solo…ma volendo si può preparare benissimo prima per poi essere infornata poco prima di essere presentata.

E allora che ne dite di vedere insieme la semplice e veloce ricettina?

Zucca Impanata al forno

Zucca impanata al forno

  • Zucca
  • uovo
  • pangrattato
  • sale
  • pepe

Fare la Zucca impanata al forno è semplice e veloce.

Puliamo la zucca dai filamenti interni, togliamo la buccia e ricaviamone delle fettine spesse 1 cm circa… e su ciascuna fetta mettiamo un pizzico di sale e uno di pepe

Battiamo in un piatto le uova (ovviamente regolatevi voi quante uova necessitano…dipende dal numero di fette di zucca) e aggiustiamole di sale e pepe.

In un altro recipiente mettiamo ora del pangrattato.

Prendiamo ciascuna fetta di zucca,  passiamola nel pangrattato, poi nell’uovo e poi di nuovo nel pangrattato.

Questa doppia impanatura renderà la nostra Zucca impanata al forno molto più croccante.

Adagiamo le fette di zucca su una placca ricoperta da carta da forno leggermente unta e irroriamole con pochissimo olio in superficie.

Trasferiamo quindi la teglia in forno a 180 gradi e lasciamo cuocere la deliziosa Zucca impanata al forno per circa 20 minuti o fino a quando non si sarà formata una golosa crosticina esterna.

Sforniamo e presentiamo magari con una bella insalatina mista.

Che ne dite? Prima che finiscano non possiamo non provarla.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

 

Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi

Il Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli è una deliziosa rivisitazione della classica torta di grano saraceno farcita con una golosa marmellata di mirtilli rossi.

La farina di Grano Saraceno è particolare per essere priva di glutine e per il suo sapore molto forte, l’ apporto calorico è lo stesso delle altre farine  ma  è molto più ricca di vitamine.

Ci sono cose che si fanno con questa farina e che sono il cardine della cucina italiana, tipo i pizzoccheri ad esempio o appunto questa torta.

Fare una Torta al 100% con la farina di Grano Saraceno non è rischioso visto che poi tutto va a finire in una tortiera ma l’azzardo è stato proprio farne una versione rivisitata con il rotolo di Pasta Biscuit.

Come vedete dalla foto, l’esperimento è ben riuscito e il Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi è un dolce davvero goloso, leggero, senza grassi e senza lievito e perfetto sia per la colazione che per un fine pasto.

Che ne dite allora di vedere insieme a me la semplice e veloce ricettina?

Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi

Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi, dose per 6/8 persone.

  • 4 uova
  • 100 gr di zucchero
  • 100 gr di farina di grano saraceno
  • 125 gr di yogurt
  • 1 pizzico di sale
  • 200 gr di marmellata di mirtilli rossi

Fare il Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi è molto semplice, nulla che non possa fare chiunque.

In una terrina montiamo per circa 10 minuti le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco, spumoso e molto corposo.

Uniamo quindi lo yogurt, un pizzico di sale e la farina di grano saraceno.

Prendiamo la placca da forno

Foderiamola con della carta da forno bagnata e strizzata, spargiamo un po’ di zucchero e poi versiamo il nostro composto livellandolo bene con una spatola.

Passiamo la teglia in forno caldo e lasciamo cuocere la pasta biscotto per 10 minuti a 170 gradi.

Nel frattempo prepariamo un altro foglio di carta da forno bagnato e strizzato di egual misura.

Sforniamo la base per il rotolo e rovesciamola sopra il foglio preparato.

Tamponiamo con un canavaccio bagnato,stacchiamo quindi la carta da forno che ci è servita per la cottura e con l’aiuto di quella messa alla base iniziamo ad arrotolare la nostra base stringendola nella carta stessa carta.

Sembra difficile ma non lo è affatto!!!.

Passiamo il rotolo in frigo un’oretta per dargli forma.

A questo punto possiamo riprenderlo, farcirlo con abbondante marmellata e richiuderlo.

Bene, il nostro Rotolo al grano saraceno e marmellata di mirtilli rossi è pronto, non resta che farlo riposare di nuovo un pò sempre avvolto nella stessa carta e poi servirlo.

Buon dessert!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Involtini di carpaccio con speck e carciofi.

 

Gli Involtini di carpaccio con speck e carciofi sono dei deliziosi fagottini di carne che pero’ ho fatto comprando le sottili fettine di manzo utilizzate per fare il carpaccio…sono molto pratiche in primis per la tenerezza…poi essendo sottili si cuociono in fretta permettendo al ripieno di restare corposo.

In genere infatti quando faccio i classici involtini di carne a furia di farli cuocere il ripieno scompare 🙂 , si certo resta ovviamente il sapore…ma cosi’ e’ tutta un’altra storia.

Una volta fatti è poi un attimo…come se si stesse facendo una bistecca ai ferri.

Sono poi piccolini e quindi si prestano molto bene ad una cena anche importante dove si inizia dall’antipasto e si finisce con il dolce!!!! Vi assicuro che vi faranno fare una gran bella figura.

Che ne dite allora di vedere insieme la semplice ricettina?

Involtini di carpaccio con speck e carciofi .

Involtini di carpaccio con speck e carciofi, dose per due persone:
  • 6 fettine di carpaccio di manzo..(nulla vieta di utilizzare il petto di pollo)
  • 2 carciofi medi
  • 3 fettine di speck
  • sale
  • olio
  • vino

Fare gli Involtini di carpaccio con speck e carciofi  è molto semplice

Iniziamo col mondare i carciofi. Spacchiamoli a meta’…tagliamoli a fettine sottili e mettiamoli per una mezz’oretta in acqua e limone in modo tale che perdano un po’ del loro gusto amaro.

Dopodiche’ mettiamoli in un padellino, aggiungiamo appena un cucchiaio di olio, un pizzico di sale, pepe, copriamo e lasciamo cuocere fin quando non diventano ben teneri aggiungendo eventualmente una tazzina di acqua.

Lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo prendiamo la carne per iniziare a preparare i nostri golosi Involtini di carpaccio con speck e carciofi.

Su ciascuna fetta mettiamo mezza fettina di speck e alcuni spicchietti di carciofo.

Arrotoliamo e sigilliamo con uno stecchino.

Passiamo ora alla cottura.

Prendiamo un tegamino antiaderente nel quale andremo a scaldare due cucchiai di olio senza farlo soffrigere.

Aggiungiamo gli involtini,aggiustiamo di sale, di pepe , copriamo il padellino  lasciandoli cuocere 5 minuti per parte  a fuoco moderato.

Aggiungiamo mezzo bicchiere di vino bianco e continuiamo la cottura a fiamma vivace fino a quando il vino non sarà del tutto evaporato.

I nostri Involtini di carpaccio con speck e carciofi  sono pronti per essere serviti e gustati caldi!!!

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Tagliatelle con zucca e mandorle

Le Tagliatelle con zucca e mandorle è il primo perfetto per aprire le porte all’autunno o anche per salutare una stagione invernale che ormai volge al termine.

Eh si…la zucca di certo è l’ortaggio per eccellenza autunnale e poi è così buona e versatile.

La pasta o il risotto alla zucca è di per sé ottimo ma questo…questo vi assicuro che è uno spettacolo per il palato.

Infatti anche se con pochissimo condimento questo delizioso primo piatto è reso eccezionale dalle mandorle in lamelle.

Un piatto quindi decisamente completo e velocissimo.

 

Ho usato come tipo di pasta le tagliatelle di tipo rustico che attirano il condimento e se preferite una consistenza più cremosa potete sempre schiacciare parte della zucca

Ma poche chiacchiere e veniamo alla ricettina.

Tagliatelle con zucca e mandorle

 

Tagliatelle con zucca e mandorle, dose per due persone.

  • 180 gr di tagliatelle
  • 300 gr di zucca pulita
  • 2 cucchiai di mandorle in lamelle
  • 1 scalogno
  • sale
  • noce moscata
  • olio

Preparare le Tagliatelle con zucca e mandorle è molto semplice.

Puliamo la zucca eliminando la buccia e i filamenti interni e facciamo la polpa a dadini.

Se vi sembra poca potete anche aggiungerne altra…più è ricca e più è buona!!!

Mettiamo i dadini di zucca in un capiete tegame, aggiugiamo uno scalogno tagliato sottile, due cucchiai di olio, un pizzico di noce moscata e uno di sale grosso.

Copriamo il tegame e facciamo cuocere la zucca a fuoco lento in modo tale che sprigioni del liquido di cottura.

Evitiamo di girarla…possiamo limitarci a scuotere il tegame.

Ci vorranno circa 15 minuti…quando i dadini sono teneri uniamo le mandorel a lamelle, insaporiamole e spengiamo.

Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata e una volta cotta saltiamola nel tegame con la zucca e le mandorle

Il nostro spettacolare primo piatto è pronto, non resta che servirlo caldo arricchendolo con altre mandorle!!

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora segui i miei aggiornamenti sulla pagina Facebook Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Polpette di finocchi

Le polpette di finocchi sono dei deliziosi bocconcini dove, avete ben capito, l’ingrediente principale sono proprio i finocchi.

Le ho improvvisate a modo mio e devo dire che quando le abbiamo assaggiate io e mio marito siamo rimasti entusiasti dal loro sapore dolce e delicato.

Le polpette di finocchi possono essere messe in un antipasto ma sono anche un secondo perfetto….leggere, facili, con la cottura rigorosamente fatta al forno ed è un altro modo per far mangiare la verdura ai bambini.

Non dimentichiamoci poi le proprietà depurative di questi ortaggi…e allora che ne dite di vedere insieme questa deliziosa ricettina?

 

Polpette di finocchi, dose per due persone

  • 3 finocchi
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 50 gr di prosciutto cotto
  • 50 gr di pane
  • 2 cucchiai di pangrattato ( + quello per l’impanatura)
  • sale

Fare le Polpette di finocchi è molto semplice e veloce

Iniziamo a pulire i finocchi togliendo il primo strato più duro, quindi tagliamoli a spicchi, laviamoli e mettiamoli in un tegame, aggiungiamo un pizzico di sale grosso, chiudiamo con il coperchio e lasciamoli cuocere a fuoco lento fin quando non saranno abbastanza morbidi, non scotti, se necessita aggiungere un pochino di acqua ma io non la metto mai…basta avere l’accortezza di non aprirli durante la cottura e si cuoceranno bene.

Quindi spengiamoli e lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo mettiamo il pane in ammollo.

Prendiamo ora un tritatutto.

Mettiamoci dentro i finocchi ben strizzati (altrimenti le polpette risulteranno troppo acquose) e tritiamoli grossolanamente. Trasferiamoli in una terrina. Tritiamo anche il prosciutto cotto insieme al pane e uniamo il tutto ai finocchi. A questo punto amalgamiamo bene insieme ad un uovo, due cucchiai di parmigiano e due di pangrattato. Non serve aggiungere altro sale!!!!

Ora non ci resta che formare le polpette di finocchi, passarle nel pangrattato e adagiarle su una placca foderata con carta da forno leggermente unta.

Inforniamo a 180 gradi per circa 20 minuti…saranno pronte una volta che si sarà formata una colorata crosticina esterna.

Sforniamo le nostre polpette di finocchi e gustiamole calde o tiepide.

Oltre che buone sono anche molto profumate…insomma non si possono non provare.

Se la mia ricetta vi è piaciuta allora potete seguirmi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Roveja decorticata con verdure al forno

La Roveja decorticata con verdure al forno è un piatto completo al 100%.

Se i legumi in generale sono apprezzati per il grande apporto proteico di origine animale che possono darci, la Roveja decorticata di queste proteine ne è particolarmente ricca.

Già ho avuto modo di avvicinarmi a questo legume grazie alla mia amica Alessandra nel cui negozio La Dispensa del Lago troviamo di tutto.

La prima però che ho provato non era decorticata e quindi per forza necessitava del classico preammollo ma il suo sapore mi aveva talmente entusiasmata che successivamente l’ho ripresa.

Quella decorticata invece basta lavarla, metterla in una pentola e portare a bollore per circa 20 minuti.

Direi super pratica e il sapore è lo stesso!!!!

Ero un pò indecisa di come valorizzarla e non volendo fare la classica zuppa ho deciso di realizzare un primo piatto alternativo mischiando questo spettacolare legume ad un misto di verdure cotte rigorosamente al forno.

Decisamente un piatto super buono, lggero, saziante!!!

Detto ciò che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

Roveja decorticata con verdure al forno

Roveja decorticata con verdure al forno, dose per due persone.

  • 150 gr di roveja decorticata cruda
  •  1 zucchina
  • 1/4 peperone rosso
  • 1/4 di peperone giallo
  • 1/2 melanzana
  • 1 carota
  • 100 gr di cavolfiore bianco
  • 100 gr di broccoletti siciliani
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • origano

Fare la Roveja decorticata con verdure al forno è molto semplice.

Laviamo la Roveja, mettiamola in una pentola con dell’acqua fredda e poniamola sul fuoco.

Dall’inizio del bollore lasciamola cuocere all’incirca 20 minuti,quindi insaporiamola con un pizzico di sale grosso e spengiamola,

Laviamo tutte le verdure , puliamo bene e tagliamole a tocchetti piccoli.

Trasferiamole su una placca ricoperta da carta da forno lasciandole “comode”.

Insaporiamole con abbondante origano, un pizzico di sale e due cucchiai di olio.

Passiamo in forno ventilato a 180 gradi per circa 20 minuti e tiriamole fuori una volta che le sentiamo ben morbide.

Coliamo la Roveja e trasferiamola in un piatto da portata, uniamo le nostre verdure cotte in forno e se necessario aggiustiamo con un filo di olio.

Per una presentazione piu elegante possiamo prima condire la Roveja e poi riempire dei pirottini di alluminio con questo legume e lasciarli riposare per un’oretta .

Sformiamoli poi nei singoli piatti e arricchiamo questi pseudo tortini con le nostre verdure.

Non è un’idea deliziosa???

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

 

Plumcake all’acqua e cacao

 

Il Plumcake all’acqua e cacao e’ un delizioso…anzi no…e’ un ottimo plumcake che appunto non contiene ne’ latte, ne’ uova, ne’ burro e che quindi puo’ essere davvero mangiato senza tanti rimorsi.

Quando ho visto la ricetta…devo essere sincera sono rimasta perplessa ma una sera dovendo fare un dolce in un me che non si dica mi sono decisa a provarlo e…caspita che bonta’…ve lo assicuro.

Resta leggerissimo, morbido e si mantiene per giorni…ammesso e non concesso che duri dei giorni   🙂

Ormai e’ diventato un po’ il mio cavallo di battaglia quando voglio fare un dolce veloce…infatti non contenendo uova si salta tutta quella parte iniziale che comunque porta via un po’ di tempo.

E allora che ne ditedi vedere insieme a me la veloce ricettina?

Plumcake all'acqua e cacao

Plumcake all’acqua e cacao, dose per uno stampo medio. 

  • 250 gr di acqua
  • 120 gr di farina 00
  • 60 gr di fecola
  • 60 gr di cacao amaro
  • 50 gr di olio di riso
  • 120 gr di zucchero
  • aroma vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci 

Fare il Plumcake all’acqua e cacao è semplice e veloce.

In una terrina versiamo l’acqua, aggiungiamo lo zucchero e giriamo fino a quando lo zucchero non si sara’ del tutto sciolto.

Uniamo quindi l’olio e la vaniglia.

In un altro recipiente  mescolare insieme la farina setacciata, lo zucchero, il cacao e il lievito.

Man mano andiamo a versare questo mix nella terrina con i liquidi aiutandoci con una frusta elettrica per evitare il formarsi di grumi.  Foderiamo uno stampo da plumcake con carta da forno,versiamoci dentro il nostro impasto  ed inforniamo a 170 gradi per circa 1/2 ora a forno ventilato.

Superata la prova  stecchino possiamo spengere il forno e lasciare raffreddare il dolce a temperatura ambiente prima di impreziosirlo con abbondante zucchero a velo.

Se non lo avete mai provato vi consiglio di farlo…pochi ingredienti…poco tempo…poche calorie…ma una montagna di gusto!!!!

Buon dolce!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Zucca al naturale al forno

La Zucca al naturale al forno è un contorno che davvero mi ha sorpreso non pensando fosse così buona.

La zucca è tra gli ortaggi invernali che più preferisco e la mangio fino alla fine..da ottobre ad aprile!!!!

E poi vogliamo parlare delle sue proprietà???

Depurative, lassative, nutrienti e diuretiche.

In genere la faccio o al pomodoro oppure al forno con il pangrattato…ora però mentre la stavo preparando per cena mi sono accorta di non avere il pangrattato e non sapevo che fare…così  l’ho sperimentata in questo modo e devo dire che è decisamente una buona alternativa veloce e gradevole.

Sembra quasi al vapore ma con un gusto in più dato dalla cottura in forno.

Il condimento poi di spezie , olio e qualche goccia di aceto balsamico rende il piatto un contorno eccellente.

Che ne dite allora di vedere insieme i pochi e semplici passaggi???

Zucca naturale al forno

 

Zucca naturale al forno, dose per due persone

  • 500 gr diZucca
  • sale
  • olio
  • prezzemolo
  • origano
  • aceto balsamico

Fare la  Zucca naturale al forno è semplice e richiede davvero poco tempo.

Prendiamo la zucca, tagliamole a fettine spesse 1 cm, eliminiamo la buccia esterna e laviamola tuffandola dentro una bacinella piena di acqua.

Trasferiamola su una placca foderata con carta da forno leggermente unta , condiamo con un pizzico di sale, abbondante origano e altre spezie che possono piacerci.

Inforniamo a 200 gradi modalità ventilata per circa 20 minuti, girandola da ambo le parti.

Quando sentiamo che si è ammorbidita abbastanza spengiamola e lasciamola raffreddare.

Mettiamo ora le fettine su un piatto da portata e terminiamo il condimento con un filo di olio e qualche goccia di aceto balsamico.

La nostra Zucca naturale al forno è pronta per essere gustata.

Lasciamola anzi insaporire una mezz’oretta prima di servire…sarà ancora più buona.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Farro con zucchine e salmone

Il Farro con zucchine e salmone rientra tra i primi piatti a base di farro che non posso far mancare sulla mia tavola considerando innanzitutto quanto sia buono, leggero, nutriente e ricco comunque di vitamine.

Mi piace farlo sia d’estate che d’inverno…insalate, zuppe, piatti caldi, insomma con il farro davvero possiamo sbizzarrirci come vogliamo,

Ho iniziato a cucinarlo più frequentemente da quando lo trovo in bella vista nel supermerato dove di solito faccio spesa, ed è diventato ormai parte integrante della mia dispensa.

E poi ripeto…non ha bisogno né di particolare pre trattamento prima di essere cucinato, né tantomeno di ingredienti introvabili…qualsiasi cosa va bene per renderlo gustoso…anche solo un filo di olio.

Ad esempio se cliccate QUI  potete leggere come si fa in pochissimo tempo una bella insalata calda di farro con verdurine.

Anche il Farro con zucchine e salmone è un’altra ricetta semplice, ma chi mi conosce di sicuro non deve avere dubbi al riguardo…cucino improvvisando e questo delizioso primo piatto l’ho fatto una sera che davvero…era tardi…ero stanca e non avevo voglia di stare troppo intorno ai fornelli.

Ho aperto il frigo…zucchine…salmone…perfetto…proviamo Farro con zucchine e salmone.

Buonissimo!!! Leggero perché senza aggiunta di grassi…e ho avuto anche il tempo di riposare. Ma veniamo alla ricettina.

Farro con zucchine e salmone

Farro zucchine e salmone, dose per due persone

  • 200 gr di Farro
  • 100 gr di salmone
  • 2 zucchine medie
  • 1 scalogno
  • sale
  • noce moscata
  • olio

Fare il Farro con zucchine e salmone è semplice e veloce.

Dopo averlo solo lavato, facciamo lessare il farro in abbondante acqua salata o insaporita con del dado vegetale…(io ho usato quello fatto home made…la cui ricetta trovate QUI  )per circa 20 minuti.

Nel frattempo prepariamo il condimento.

Laviamo le zucchine, se sono troppo grosse tagliamole in 4 per togliere un po’ di anima e dopodiché facciamole  a tocchetti piccoli e  trasferiamole in un tegame antiaderente, aggiustiamole di sale, di pepe e saltiamole velocemente a fiamma vivace facendo in modo che restino croccanti.

Nel frattempo tagliamo il salmone a listarelle.

Trasferiamo il farro cotto nel tegame con le zucchine, aggiungiamo il salmone e mantechiamo per qualche minuto aggiungendo ora anche un filo di olio .

Perfetto, il nostro Farro con zucchine e salmone è pronto, caldo…gustoso…delicato…che ne dite?

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Se vi è piaciuta questa semplice ricetta vi aspetto anche sulla mia paginaTi è  Facebook! 

 

 

 

Frappe o chiacchiere

Le Frappe o chiacchiere sono dei semplici dolcetto che non possono mancare su tutte le tavole durante il periodo di carnevale.

In effetti insieme alle castagnole risolvono un pò il dessert della domenica…in fondo chi non accetta una frappa o una castagnola?

C’è chi le chiama crostoli, chi bugie…alla fine però il risultato è lo stesso…quello di portare a tavola queste frittelle di pasta tirata sottile e fritta.

Come per ogni dolce ne esistono tantissime varietà, al cacao, ripiene, senza uova, al forno e piano piano mi sto dilettando a provarle tutte.

Che ne dite allora di vedere insieme la semplice ricettina?

Le ho sperimentate al forno…le ho fatte senza uova…oggi vi propongo le Frappe o chiacchiere classiche anche se senza burro ma con pochissimo olio.

Frappe o chiacchiere,dose per 6/8 persone

  • 250 gr di farina
  • 2 uova
  • 30 gr di zucchero
  • 10 ml di olio
  • 1 pizzico di sale
  • buccia grattugiata di un agrume
  • 4 cucchiai di vino bianco o grappa

Fare le Frappe o chiacchiere è molto semplice e veloce

Innanzitutto grattugiamo la buccia o del limone o di un’arancia…a vostro piacimento.

Setacciamo la farina su di un piano infarinato, facciamo il classico buco centrale e andiamo a romperci le uova.

Aggiungiamo quindi lo zucchero, la buccia grattugiata dell’agrume, un pizzico di sale e battiamo per qualche minuto.

Versiamo a filo l’olio e per ultimo il vino o la grappa.

Impastiamo il tutto fino ad ottenere una palla morbida ma non appiccicosa che andremo a far riposare una mezz’oretta dentro la classica bustina del surgelatore.

Riprendiamo l’impasto per le nostre Frappe o chiacchiere e aiutandoci con della farina…ma pochissima, stendiamolo molto ma molto sottile.

Io ho utilizzato la macchina per stendere la pasta e ho fatto 3 passaggi…2/4/5.

Con l’aiuto di una rotella formiamo le frappe nelle forme che vogliamo.

In un capiente tegame portiamo a temperatura abbondante olio di semi per friggere .

Non resta che tuffare le nostre Frappe o Chiacchiere nell’olio e friggerle pochissimi minuti per lato.

Facciamo attenzione perchè ci vorrà davvero poco!!!

Una volta pronte trasferiamole in un vassoio con della carta assorbente e solo quando ben fredde possiamo arricchirle con abbondante zucchero a velo.

Le nostre Frappe o chiacchiere sono pronte per essere gustate.

Buon Carnevale!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.