Plumcake allo yogurt (ricetta light senza burro e senza olio)

Il plumcake allo yogurt è un dolce leggero e soffice, ideale da servire a colazione oppure a merenda, accompagnato magari da un tè o una cioccolata calda. Con la sua morbidezza e il suo profumo leggermente agrumato, il plumcake allo yogurt è perfetto per iniziare la giornata con dolcezza ma senza troppe calorie. Il plumcake allo yogurt che vi propongo oggi, infatti, è una ricetta light, senza burro e senza olio, molto facile da preparare e vi conquisterà con la sua semplice bontà. Se desiderate un plumcake allo yogurt ancor più dietetico potete sostituire lo yogurt intero con yogurt magro e diminuire la quantità di zucchero di 20-30 g. Una volta raffreddato, il plumcake allo yogurt può essere servito leggermente spolverizzato di zucchero a velo.

Plumcake allo yogurt ricetta light senza burro e senza olio il chicco di mais

Ricetta del plumcake allo yogurt

Ingredienti per un plumcake allo yogurt 24×10 cm:

  • 3 uova intere
  • 120 g  di zucchero semolato
  • ½ limone (solo la scorza)
  • 230 g di yogurt bianco (2 vasetti)
  • 180 g di farina (per la versione senza glutine ho usato il mix C per dolci Schar)
  • 60 g di fecola di patate
  • 1 bustina (16 g) di lievito per dolci (controllate sul prontuario AIC le marche senza glutine, io uso quello Auchan)
  • Zucchero a velo qb (controllate sul prontuario AIC le marche senza glutine, io uso quello Auchan)
  • Una noce di burro e un cucchiaio di farina per la teglia

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 45 min.)

Per preparare il plumcake allo yogurt iniziate sgusciando le uova in una ciotola; aggiungetevi lo zucchero semolato e la scorza grattugiata di mezzo limone, facendo attenzione a non intaccare la parte bianca della buccia, piuttosto amara (1). Sbattete con una frusta elettrica per 2-3 minuti, fino ad ottenere un composto gonfio, quindi unite lo yogurt (2). Sbattete ancora per qualche minuto, per far amalgamare bene gli ingredienti. In una ciotola a parte setacciate insieme la farina con la fecola e mescolatevi il lievito (3).

Plumcake allo yogurt ricetta light senza burro e senza olio il chicco di mais 1Unite quindi questo mix al composto di uova (4). Sbattete con la frusta elettrica per 2-3 minuti, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo (5). Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake di circa 24×10 cm (in alternativa potete usare la carta da forno o uno stampo di silicone) (6) e versatevi dentro l’impasto, distribuendolo bene su tutta la teglia (7).

Plumcake allo yogurt ricetta light senza burro e senza olio il chicco di mais 2Cuocete nel forno già caldo a 180° (statico) per 45 minuti; se dopo 30 minuti la superficie vi sembra già colorita, spostate la funzione del forno in modo che eroghi calore solo sotto. Trascorso il tempo verificate la cottura punzecchiando il plumcake con uno stuzzicadenti (8), che dovrà rimanere asciutto. Sfornatelo e fatelo raffreddare completamente prima di sformarlo (9).

Plumcake allo yogurt ricetta light senza burro e senza olio il chicco di mais 3Servite il plumcake allo yogurt per colazione o per merenda, se volete spolverizzato con un po’ di zucchero a velo.

Se ti è piaciuta la ricetta del plumcake allo yogurt segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+!

Precedente Pasta alla carrettiera (ricetta romana) Successivo Risotto allo zafferano e salsiccia (ricetta primo)

46 commenti su “Plumcake allo yogurt (ricetta light senza burro e senza olio)

  1. Sembra buonissimo! *-* complimenti!
    Una domanda: poichè al momento sono intollerante allo yogurt, con cosa si potrebbe sostituirlo? Andrebbe bene il latte di soia o di riso?

    • ilchiccodimais il said:

      Se sei intollerante al lattosio userei della margarina vegetale, dopo averla fatta ammorbidire un bel po’. Probabilmente va bene anche il latte di soia o di riso, ma non saprei dirti in che quntità. Puoi provare ad aggiungerne un po’ per volta dopo aver messo la farina, fino ad ottenere un composto fluido come quello che si vede nella foto 5

    • ilchiccodimais il said:

      Uno stampo rotondo di 23 cm di diametro dovrebbe andar bene, altrimenti puoi provare con una decina di stampini da muffin!

  2. sandra il said:

    Carissima ho provato a farlo il sapore è davvero ottimo ma non è soffice anzi…un po’ troppo compatto (si mangia a fatica :((( ) che mi dici? Grazie mille

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Sandra, mi spiace, qualcosa forse è andato storto con la lievitazione? Io l’ho fatto diverse volte e mi è sempre riuscito bene, il plumcake rimane asciutto senza dubbio come tutti i plumcake, ma lo stesso soffice. L’impasto aveva la consistenza della foto 5?

  3. Ho provato a farlo oggi, ma al momento di infornare mi sono accorta di non avere più stampi per plumcake, così ho ripiegato sul formato muffin! Il risultato è ottimo! L’impasto è molto soffice e profumatissimo, ricetta fantastica 😀

  4. Un’altra ottima ricetta! Grande!
    Io non uso dietoterapici ( anche perchè non li trovo dove vivo adesso) pertanto per la farina ho usato 90 gr di farina di riso e 90 gr di farina di mais (me lo vendono come cornmeal, è una farina di mais fine non grossa come la polenta).
    Poi fantastico che non ci sia quella mezza chilata di burro che in genere si usa nei plumcake! Buonissimo e supersoffice!
    un abbraccio
    pf

    • ilchiccodimais il said:

      Grazie per la dritta pf, in effetti non avevo ancora provato questa ricetta con le farine naturali, lo farò al più presto! La farina di mais di cui parli è probabilmente quella che qui si chiama “fumetto”, ed ha la consistenza di una polvere, non è quindi granulosa come quella per la polenta

    • ilchiccodimais il said:

      Non ho mai provato con questa ricetta, ma penso si possa fare senza problemi. Userei 20 g di cacao amaro e abbasserei la quantità di farina a 160 g. Durante la preparazione però, quando dovrai aggiungere la farina alle uova, mettine solo 140 g e tienine da parte 20 g. Poi dividi l’impasto in due ciotole e aggiungi in una il cacao e nell’altra gli altri 20 g di farina. Versa poi l’impasto a cucchiaiate nello stampo, alternando i due tipi, come in questa ricetta del ciambellone variegato: https://blog.giallozafferano.it/ilchiccodimais/ciambella-variegata-al-cacao-ricetta-colazione/
      Se provi, fammi sapere come viene 😉

  5. Azzurra il said:

    Ciao! Secondo te se aggiungo una bustina di vanillina a questa ricetta per dare un po di aroma e sostituisco lo yogurt bianco con quello alla vaniglia viene comunque bene?

  6. Schoony il said:

    Ciao, ho visto questa ricetta e nn mi sembrava vero un dolce senza ne’ olio ne’ burro… Purtroppo nn avevo rutti e 60 gr di fecola così ho usato la farina… Ad ogni modo… Ho buttato tutto, il dolce era un mattoncino ed in più dopo circa 1 h di cottura era ancora crudo internamente!!!! Che peccato

    • ilchiccodimais il said:

      Strano Schoony, questo plumcake dovrebbe riuscire invece molto soffice. Non credo sia stato un problema di fecola, piuttosto hai montato bene le uova con lo zucchero? Alla fine l’impasto aveva una consistenza piuttosto liquida come appare in figura 5?

  7. Daniela il said:

    Carissima “chicco di mais”, il nome è delizioso 🙂 anch’io vorrei chiederti un consiglio: ho provato per due volte a preparare il dolce, non ho problemi di celiachia per cui ho usato farina tradizionale per dolci soffici e fecola nelle quantità da te indicate ma purtroppo mi viene un mattone mal cotto e non mi lievita. L’aspetto è quello della foto 5 come hai già indicato anche all’altro utente che ha problemi con la cottura ma niente. È immangiabile e mi dispiace immensamente perché sento che la ricetta viene bene a tutti e inoltre è geniale l’idea e l’aspetto che ha è stupendo. Puoi darmi qualche consiglio? Pensavo la prossima volta di montare benissimo uova e zucchero e poi il resto degli ingredienti di unirli a mano e non con le fruste elettriche, mettendo lo yogurt alla fine perché mi smonta le uova e le fa diventare molto liquide. Che dici? Grazie per i tuoi consigli.

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Daniela, vedo che non sei la sola ad aver riscontrato questo problema, è strano perché questa ricetta la faccio da tempo, prima con farine glutinose e ora con quelle senza glutine. Ad ogni modo mi spiace, sicuramente l’idea di montare uova e zucchero e poi amalgamare il resto a mano può essere buona, ti consiglio anche, se vuoi riprovare a farlo, di diminuire la quantità di farina e fecola usando 170 g di farina e 50 di fecola.

  8. Roberta il said:

    Io ho provato a farlo ieri sera ed è venuto buonissimo e morbidissimo. Non avendo la fecola, ho messo 240 gr. di farina e poi ho voluto aggiungere all’impasto anche una bustina di vanillina perchè a me piace molto. Da rifare assolutamente! Grazie per la ricetta!!!

  9. Daniela il said:

    Ho riprovato stasera a prepararla ed è venuta benissimo. Ho aumentato le dosi del lievito e ho aggiunto lo yogurt alla fine per non smontare le uova con lo zucchero. Risultato buonissimo davvero. Grazie mille per il supporto.

  10. Daniela il said:

    Carissima vorrei chiederti un consiglio: come ti dicevo ho messo una bustina intera di lievito che ha permesso la riuscita del dolce oltre ai piccoli accorgimenti di cui ti ho detto. Però, come a volte accade, il lievito in bustina lascia nel dolce un sapore metallico molto poco gradevole. Hai dei suggerimenti da darmi per risolvere questo inconveniente ma permettere un’ottima lievitazione? Grazie per i tuoi preziosi consigli e la tua presenza assidua sul blog.

    • ilchiccodimais il said:

      Mmm hai messo qualche aroma tipo scorza di limone o vanillina per coprire un po’ questo sapore? Ora che riguardo con più attenzione la ricetta, però, mi accorgo che 1 bustina intera è la quantità che metto sempre anch’io e no ho riscontrato mai questo retrogusto di cui parli. Può essere la marca usata? Prova magari con il lievito vanigliato…

  11. Daniela il said:

    Ho messo sia vaniglia che scorza di limone. Proverò a cambiare marca di lievito e a vedere se, scegliendolo vanigliato, magari non me lo fa. Grazie ancora.

    • ilchiccodimais il said:

      Così, per ipotesi, non è che hai grattugiato anche la parte bianca della scorza di limone? A volte quella dà un sapore amarognolo alle preparazioni

  12. Stefania il said:

    Ciao a tutte! Vorrei provare il plum cake oggi, quando finisce di cuocere lo tiri subio fuori dal forno o lo lasci raffreddare in forno? Grazie!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.