Crea sito

Pipindun e ove ( peperoni e uova)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pipindun e ove ( peperoni e uova), l’ Abruzzo servito a regola d’arte, in un piatto legato alla cucina contadina carica di profumi e ricordi, quando in tavola si portava quello che c’era e le uniche condivisioni erano il pane appena sfornato e il fiasco di vino. Generosa come tante altre cucine povere, quella abruzzese resta ancora un punto fermo su tante tavole, si tramanda da nonne a nipoti, quasi rimanendo fedele alle sue origini. Se ami cercare tra le tradizioni della buona tavola, ti lascio la mia ricetta delle Pallotte cace e ove, una vera squisitezza, ottima per riciclare del pane raffermo.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gpeperoni (rossi e gialli)
  • 3uova
  • q.b.sale
  • 100 golio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Padella
  • Ciotola
  • Spatola

Preparazione

  1. Per realizzare pipindun e ove, lavare e asciugare i peperoni. Tagliarli a listarelle piuttosto sottili, per il senso della lunghezza e unirli all’olio (che dovrà essere piuttosto abbondante) in una padella capiente. Salare e cucinare a fuoco vivo. In una ciotola lavorare le uova con il sale, come per una frittata, sbattendole con una forchetta. Appena i peperoni risulteranno cotti, versare l’uovo e mescolarlo velocemente fino a quando si rapprenderà, facendo attenzione a lasciarlo morbido e umido. Ottimo per farcire delle ghiotte fette di pane casereccio, in gita come a casa, è un piatto adatto a qualsiasi periodo dell’anno. Potete infatti prepararlo in anticipo e servirlo anche in comode ciotoline, per una cena tra amici, come finger food.

  2. Pipindun e ove ( peperoni e uova)

Note

C’è chi a pipindun e ove ama aggiungere delle patate,tagliate grossolanamente a cubetti, magari leggermente rosolate in precedenza per poi unirle ai restanti ingredienti. Daranno quel tocco in più alla ricetta, senza distaccarsi troppo dalla tradizione.

/ 5
Grazie per aver votato!

 144 total views,  1 views today

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da emanuela

classe 1974, una vita divisa tra sport e cucina ma in realtà interamente dedicata ai miei tre figli...stato attuale : In piena rivoluzione !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.