Stracciatella in brodo dalle Marche

La stracciatella in brodo dalle Marche è un piatto della tradizione contadina, una ricetta che nella mia famiglia si preparava spesso con il brodo di cappone come primo delle feste.
Ma anche nelle giornate fredde per alleviare i sintomi del raffreddore o come ricostituente durante o dopo l’influenza.
Insomma la stracciatella in brodo è quella coccola che cura anima e corpo: il suo profumo di buono si diffonde nella casa e ti riscalda il cuore.
Mi sono accorta, ahimè, di averla trascurata quindi rimedio subito e la inserisco tra le mie amate ricette di famiglia.
Online trovate versioni che differiscono per quantità e ingredienti, io la preparo esclusivamente con il pane secco grattugiato in casa perché mi piace che sia di grana irregolare. I caratteristici straccetti che si formano nel brodo devono essere evidenti.

Nel libro Antiche ricette – Cultura, Tradizione, Salute ho trovato la ricetta di Alessandro Pazzaglia con il nome dialettale “li straccetti”. Il magnifico libro mi è stato donato da Massimiliano Petrelli, compagno di mille uscite culinarie e co-autore del libro.
Mia madre, come spesso accade per queste ricette di un tempo, non ha le dosi precise per cui ho ricostruito io in base alla mia memoria visiva e olfattiva.

Stracciatella in brodo dalle Marche
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura2 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 lBrodo di gallina (o di cappone)
  • 100 gFormaggio grattugiato
  • 100 gPane grattugiato
  • 4Uova
  • q.b.Buccia di limone (grattugiata)
  • q.b.Noce moscata (grattugiata)
  • 4 pizzichiSale

Strumenti

  • Frusta

Preparazione della Stracciatella in brodo dalle Marche

La Stracciatella in brodo dalle Marche, come tradizione comanda, si prepara partendo da un buon brodo di gallina o di cappone. Ma ciò non toglie che potete utilizzare un brodo vegetale o di carne di manzo.
  1. Stracciatella in brodo dalle Marche

    Preparate il brodo in una pentola e portate a ebollizione.

    Nel frattempo sbattete le uova in una ciotola con 4 pizzichi di sale. Unite il parmigiano continuando a mescolare, il pangrattato, la buccia grattugiata del limone e la noce moscata grattugiata.

    Il composto dovrà risultare abbastanza cremoso.

    Versatelo nel brodo in ebollizione e mescolate un po’ con la frusta.

    Lasciate cucinare per 2-3 minuti quindi servite subito.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

2 Risposte a “Stracciatella in brodo dalle Marche”

  1. “Insomma la stracciatella in brodo è quella coccola che cura anima e corpo”, giusto, verissimo, da marchigiano in esilio a Barcellona, con il frigorofero vuoto, ho appena fatto una stracciatella e gía mi sento meglio. Mi leggero qualcuna delle tue ricette, che domani faccio la spesa

  2. Spero di esserti stata utile per la tua spesa con altre mie ricette
    . Grazie per il commento che ho visualizzato solo oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.