Gnocchi di patate al forno

gnocchi_fornoGli gnocchi di patate al forno sono un primo da preparare per un evento speciale. Questa è la ricetta di famiglia per preparare gli gnocchi di patate, quella che mi ha passato mia madre, anche se io a dire la verità mi ci sono cimentata raramente. Comodi quelli già pronti solo da cuocere, anche se mi sono distratta giusto l’attimo che dovevano essere tirati su e, con amara sorpresa non ho trovato più niente nella pentola. Si erano sciolti e dissolti nell’acqua. 🙁 Ora, alla luce di quell’esperienza non mi sposto, mi piazzo davanti al fornello sorvegliando il momento in cui salgono a galla per scolarli e condirli.

Prepararli con sugo al pomodoro, basilico e mozzarella per passarli al forno è una trovata geniale per quando si hanno ospiti e si vuole stare tranquilli a conversare senza ansia, facendo bella figura con poco impegno.

Questo piatto si chiama in realtà gnocchi alla sorrentina, ma a me che sono marchigiana, ma soprattutto di scarsa memoria, piace chiamarli gnocchi di patate al forno per imprimermi nella mente che sono di patate (in effetti ce ne sono tanti tipi: semolino, polenta, pane, verdure) e vanno cotti al forno.

Ognuno ha la sua logica, l’importante è esserne consapevoli! 😉

Ma se volete stare proprio tranquilli potete anche passare a vedere su Giallo Zafferano la ricetta e il video di Sonia Peronaci, così non avrete più scuse e potrete preparare un piatto perfetto per i vostri ospiti.

Dalle mie parti gli gnocchi con la papera o con il ragù di carne sono i classici preferiti dai nostri genitori, ma graditi a tutti quando si vuole eccedere senza considerare i grassi…

Attenzione! La dose è per 4 persone, ma secondo me è abbondante. Potete pesarli una volta pronti prima di cucinarli e considerare 160-200 g a persona.

Ingredienti per 4 persone:

  • 900 g di patate,
  • 200 g di farina 0,
  • 1 uovo.

Preparazione: lessate le patate con la buccia, dopo averle lavate, in acqua bollente fino a quando punzecchiandole con la forchetta risulteranno tenere, ma non troppo. Pelatele e passatele ancora calde nello schiacciapatate. Lasciatele raffreddare, quindi aggiungete un uovo e la farina, dapprima mescolando con una forchetta poi impastando con le mani. Quando avrete ottenuto un composto di consistenza morbida, ma che non si appiccica alle mani, potete iniziare a fare dei bastoncini, arrotolandoli sul piano di lavoro infarinato, fino ad ottenere uno spessore di 1,5 cm. Poi tagliate a tronchetti di 2 cm circa e se avete tempo, scavate ognuno facendo una leggera pressione con l’indice. In questo modo gli gnocchi accoglieranno meglio il condimento che vorrete usare. Quindi lessateli in acqua bollente salata e scolate un minuto circa dopo che sono affiorati. A questo punto potete condirli come preferite e portarli in tavola oppure condirli con sugo di pomodoro e basilico, inserirli in una pirofila, cospargerli di mozzarella e parmigiano, un filo d’olio e al forno in modalità grill a 250° per 5 minuti.

patate_schiacciapatate

 

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

7 Risposte a “Gnocchi di patate al forno”

  1. peccato che il titolo dica ‘gnocchi di patate al forno’ e invece questa è la classica ricetta in cui le patate sono lessate: per fare gli gnocchi di patate al forno è necessario cuocere le patate nel forno, avvolte nella stagnola (meglio ancora sotto le ceneri del caminetto) per circa 40 minuti a 180 gradi testando con la forchetta verso fine cottura. Poi si sbucciano e si procede come solito per gli gnocchi. Andrebbe credo cambiato il titolo del thread in ‘Gnocchi alla sorrentina’ 🙂

    1. ah ma in un altro senso sono al forno pure questi, non avevo finito di leggere (io cercavo l’altra ricetta) questi si infornano dopo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.