Mini plumcake alle mandorle

Questi mini plumcake alle mandorle sono stati preparati per uno scopo ben preciso: regalare una coccola ad una persona intollerante.

miniplumcake mandorle

La sua intolleranza al latte e alle uova l’aveva demoralizzata, perchè spesso si pensa che un dolce senza latte e senza uova non può essere buono.
Posso garantirvi che non è assolutamente vero.
La ricetta appena sperimentata ha dato un risultato strepitoso, in termini di dolcezza e morbidezza, nonchè di consistenza.
E’ una ricetta facilissima da fare, si sporca solo una ciotola e un cucchiaio e 6 pirottini come qullo della foto oppure 10 di quelli tondi normali.
eccovi la ricetta per mini plumcake alle mandorle in stile vegano

Ingredienti
2 yogurt di soya bianchi
100g di zucchero semolato
50g di olio di semi
60g di fecola di patate
60g di farina di mandorle
130g di farina 00
10g di lievito per dolci
1 cucchiaio di pasta di arance (in alternativa si possono usare arance candite e frullate)
1 mela
FIletti di mandorla e granella di zucchero per decorare

Preparazione
Preriscaldare il forno a 180gradi
Sbucciare la mela e tagliarla a dadini.
In una ciotola mescolare i due yogurt di soya e l’olio di semi.
aggiungere le farine, aromatizzare con il cucchiaio di arancia e mescolare bene
Per ultimo il lievito e i dadini di mela.
Mescolare bene ottenendo un composto cremoso e profumato.
suddividere negli stampini da mini plumcake, decorare la superficie con fogliame di mandorle e granella di zucchero.
Infornare in forno caldo per circa 15 minuti.
Buon appetito.

Biscotti reginelle

Le reginelle, sono dei semplicissimi biscottini siciliani, poveri di ingredienti e ricchi di gusto. Sono come le ciliegie: uno tira l’altro.

reginelle

A palermo si trovano dappertutto: panifici, bar, pasticcerie, le reginelle sono biscotti friabili caratterizzati dalla presenza del sesamo, che in dialetto palermitano viene detto “cimnino”. Ed è da cimino che questi biscotti sono conosciuti come ‘nciminati.
sono perfetti a fine pasto accompagnati da un vino liquoroso, un marsala o con un rosolio di arancia.
La mia ricetta, imparata tanti anni fa ad un corso di pasticceria di base, prevede l’uso dello strutto e dell’ammoniaca, ma nulla vieta di usare anche il burro, anche se il sapore non sarà lo stesso.
Ricetta e procedimento.

500gr. farina 00
175 gr. strutto
175 gr. zucchero
1 uovo intero
50gr di acqua o latte o miele
2gr. di ammoniaca
1/2 bustina di lievito
i semi di una bacca di vaglia
scorza del limone grattugiata
200g di sesamo crudo

Procedimento

L’impasto si può preparare a mano o con l’uso della planetaria, usando la frusta a foglia
L’unica differenza è nei tempi di lavorazione, con la foglia, sicuramente si risparmierà parecchio tempo.
Versare lo zucchero, lo strutto e l’uovo in planetaria e lasciare mescolare finchè si ottiene un composto cremoso. Aggiungere la farina, l’ammoniaca, il lievito e gli aromi.
Lasciare lavorare fino ad ottenere un impasto amalgamato e non troppo morbido.
Avvolgere in pellicola e lasciare riposare in frigo per un paio di ore.

formare dei filoncini grossi un paio di cm, tagliare a distanza di 2/3cm e con le mani umide arrotondare le punte e panare i cilindri nel sesamo. Poggiare in una teglia rivestita di carta forno e cuocere in forno statico a 180 gradi fino a doratura.
buon appetito.

Dolcetti svedesi dammsugare

I Dolcetti svedesi, (dammsugare) fatti in casa? si può.

dolci ikea2

Sono dolcetti molto comuni in Svezia, in particolare a Stoccolma. Il nome è davvero buffo (dammsugare) pare che l’origine di tale nome derivi probabilmente dai vecchi cilindri di aspirapolvere. Dammsugare vuol dire proprio aspirapolvere.
Io li ho visti, anzi, per la verità, mi sono stati descritti dalla mia amica Cristina, che li ha comprati da Ikea e le sono piaciuti tanto che ha incuriosito anche me.
Complice la visita a expo food & wine, una visitina all’Ikea di Catania ce l’ho fatta anche io e non mi sono fatta scappare questi dolcetti.
Assaggiandoli, ho capito che si potevano riprodurre in casa, perchè si tratta di un rotolino di impasto morbido avvolto da un sottile strato di pasta di mandorla e pucciato alle estremità nel cioccolato fuso.
Ci volete provare anche voi? ecco come fare:

per circa mezzo chilo di dolcetti

250g di biscotti secchi o avanzi di una torta
100g di granella mista di nocciole, mandorle e noci
50 g di burro
30g di cacao amaro
30g di zucchero a velo
1 cucchiaio di liquore Strega o amaretto
200g di pasta di mandorla colorata con colore alimentare verde
200g di cioccolato da copertura

in una ciotola sbriciolare bene i biscotti o la torta, aggiungere tutti gli altri ingredienti.
Si dovrà ottenere un impasto morbido ma lavorabile. Pertanto occorrerà giocare con gli ingredienti aumentandoli quel tanto che basta per riuscire ad ottenere un cilindro di circa 1 cm di spessore. Tenerlo da parte.
Stendete la pasta di mandorle sul piano spolverato di zucchero a velo, avvolgete il cilindro con la chiusura rivolta verso il basso. Tagliare a distanza di circa 3 cm
Sciogliere in un bagnomaria o al microonde il cioccolato. Intingere ciascuna estremità dei dolcetti ricavati nel cioccolato fondente e poggiare su una gratella fino a che il cioccolato sarà rappreso.

1 2 3 212