Crea sito

ROSA DI BRANZINO AL TIMO

 

Come cucinate il branzino? Al sale, al cartoccio, al forno, in padella. Il branzino, conosciuto anche come spigola, è uno dei pesci bianchi più apprezzati per il gusto delle sue carni, perchè è facile da digerire, è leggero e può essere cucinato in svariati modi. Eppure la ROSA DI BRANZINO mi mancava!

La rosa di branzino è una ricetta leggera e dal sapore delicato, abbastanza semplice da preparare e comodissima per quando si hanno molti ospiti.

Ho scoperto questa ricetta partecipando ad un corso di cucina tenuto dallo Chef Andrea Frizzarin e devo dire che è un’idea geniale perchè semplice, buonissima e poi…incredibilmente pratica! Uno degli aspetti che ho molto apprezzato, oltre a quelli ovvi legati alla bontà della ricetta, è il fatto che le rose di branzino OCCUPANO POCO SPAZIO e possono essere preparate con largo anticipo; sono quindi ideali per inviti a pranzo, anche con numerosi ospiti!

Non mi dite che non vi siete mai trovati in difficoltà a gestire la cottura di pietanze per 8-10-12 persone! Mi vengono in mente i caotici pranzi di Natale!!! 😀 Con questa ricetta potete infornare anche 20 filetti in contemporanea e senza nessuna fatica…che bellezza affrontare questi pranzi senza stress 😀 😀 😀

Esiste una sola piccola difficoltà nella realizzazione di questa ricetta; rimuovere la pelle dai filetti di branzino. Ho provato io stessa per la prima volta durante il corso…ero un po’ timorosa, ma devo dire che lo Chef Andrea Frizzarin ha saputo spiegare alla perfezione la tecnica, tanto che ho replicato la ricetta a casa senza problemi. E’ comunque un lavoro che potete chiedere di fare alla pescheria! 😉

Ho anche introdotto delle piccole personalizzazioni ed ho abbinato il branzino ai pomodorini marinati che sono una vera goduria…freschi, sodi e saporitissimi! Se poi volete sbizzarrirvi potete realizzare anche le ROSE DI ORATA; io invece la prossima volta voglio provare a farle anche con la trota salmonata, più economica e di un bel colore rosato! Se provate prima di me, mi raccomando, mandatemi una foto!!!

branzino al timo
  • Preparazione: 15 + marinatura Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Alto

Ingredienti

  • 4 filetti Branzino (spigola)
  • 20 Pomodorini ciliegino
  • 1/2 Limone
  • Timo limonato
  • Sale
  • Pepe
  • 1 spicchio Aglio
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Cominciate la preparazione dai pomodorini marinati; lavateli e praticate una leggera incisione a croce sul lato opposto al picciolo.

    Portate ad ebollizione una pentola d’acqua ed immergete i pomodorini per non più di 8-10 secondi. Scolateli subito e rimuovete la pelle.

  2. Disponete i pomodorini in una ciotola assieme ad uno spicchio di aglio tagliato a metà; conditeli con sale, pepe, scorza di limone, origano.

    Bagnateli con abbondante olio extravergine di oliva in  modo che siano immersi almeno per metà; mescolate e lasciateli marinare .

  3. pomodori marinati

    Spargete sui filetti delle foglioline fresche di timo limonato quindi coprite i filetti con della pellicola e lasciate marinare almeno 20 minuti.

    io li preparo al mattino e li lascio marinare anche un paio d’ore

  4. Lavate i filetti di branzino sotto l’acqua corrente fredda e tamponateli con della carta da cucina.

    Rimuovete la pelle dai filetti crudi; se non lo avete mai fatto seguite le indicazioni di questo video in cui i passaggi sono spiegati molto bene.

    Disponete i filetti sulla teglia del forno e conditeli con pepe, sale, olio extravergine di olive.

  5. spigola al timo

    Grattugiate direttamente sopra ai filetti della scorza di limone non trattato facendo attenzione a non grattare la parte bianca che risulterebbe amarognola. Irrorate i filetti con il succo di mezzo limone.

  6. Tagliate ore i filetti per il lungo; prendete prima la parte della schiena e cominciate ad arrotolarla partendo dalla coda e lasciando la marinatura all’interno. Proseguite con la parte della pancia. Avete così ottenuto una rosa.

    Avvolgete una striscia di carta stagnola alta circa 5 cm attorno alla rosa di branzino in modo che non si disfi e posizionatela sulla placca del forno. In  alternativa potete usare dei pirottini in alluminio.

    Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti. Rimuovete l’alluminio con delicatezza e decorate la rosa con una rametto fresco di timo ed un filo di olio extravergine di oliva. Accostate qualche pomodorino marinate e servite subito.

  7. BUON APPETITO!

  8. rosa di branzino al timo

Ti piace Profumo di Vaniglia?

Non perdere le NUOVE RICETTE! Se vuoi essere sempre aggiornato seguimi sui social: FacebookInstagramTwitterPinterest

Cibo per la mente

Andando a giro per il mondo a incontrare medici, maghi e maestri avevo certo capito che era inutile continuare a viaggiare, che la cura delle cure non esiste e che la sola cosa da fare è vivere più coscientemente, il più naturalmente possibile, vivere in maniera semplice, mangiando poco e pulito, respirando bene, riducendo i propri bisogni, limitando al massimo i consumi, controllando i propri desideri e allargando così i margini della propria libertà.

Tiziano Terzani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.