Crea sito

RISOTTO AL TONNO e parmigiano

 

La ricetta che vi propongo oggi è il RISOTTO AL TONNO mantecato al Parmigiano, un primo semplice e veloce da preparare senza rinunciare al gusto!

Il risotto al tonno è un piatto molto gustoso e saporito nella sua semplicità. Ho utilizzato i filetti di tonno bio della Rizzoli, così sodi che non ho voluto spezzettarli completamente, ma ho preferito guarnire il risotto con il filetto intero per valorizzare maggiormente la qualità del tonno utilizzato.

Volete dare un tocco di freschezza in più? Al momento di mantecare aggiungete della scorza del limone grattugiata.

Sponsorizzato da Rizzoli Emanuelli

ricetta risotto al tonno
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Preparazione

  1. Sgocciolate i filetti di tonno conservando un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

    Mettete l’olio in una pentola assieme alla cipolla e fatela stufare a fuoco medio basso con un paio di cucchiai d’acqua finchè per qualche minuto, finchè diventa traslucida.

  2. Aggiungete il riso e fatelo tostare; sfumate con un goccio di vino bianco quindi proseguite la cottura aggiungendo gradualmente il brodo vegetale man mano che viene assorbito.

  3. Spezzettate finemente il tonno conservando due filetti per l’impiattamento finale.

    Mettete il tonno spezzettato nel risotto e portate a termine la cottura.

  4. Mantecate con il parmigiano grattugiato, regolate di sale e impiattate.

    Completate con i filetti di tonno intero.

  5. risotto al tonno

Cibo per la mente

L’economia tradizionale è chiamata “economia lineare”. Crea prodotti utilizzando risorse non rinnovabili come carbone e altri carburanti fossili che poi sono consumati. Quanto rimane è buttato come rifiuto, con grande spreco di materie prime che sarebbero ancora preziose, e spesso causa gravi problemi di stoccaggio e smaltimento.
 
L’economia circolare invece è sostenibile, usa fonti energetiche rinnovabili come energia solare, eolica e geotermica nella produzione di un bene, dalle sue origini al suo consumo, fino alla fine della sua esistenza, riduce al minimo gli scarti.
Tratto da “Cucina a impatto zero” di Manuela Vanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.