Crea sito

Panettone genovese

Il panettone genovese, ormai  lo faccio ogni anno a Natale da oltre trent’anni. Io calabrese innamorata del panettone genovese! Anni fa per un periodo, con la mia famiglia, abitavamo a Genova. In tutti i forni e pasticceria i banconi e le vetrine erano pieni di questo dolce, basso, friabile, ricco di burro e di uvetta dal colore ambrato dato dal marsala, buonissimo e così gustoso! Ne abbiamo mangiati così tanti piaceva a tutti. Quando siamo tornati a vivere in Calabria la cosa che mancava a tutti di Genova, era proprio il panettone genovese. Un giorno sulla rivista Mani di Fata ho trovato la ricetta e così ho iniziato a farlo. Devo dire che per i miei amici calabresi era una novità, ma quando assaggiavano il panettone genovese, restavano entusiasti. al punto che lo dovevo fare anche per loro. Così che a ogni Natale devo fare tanti panettoni genovesi da regalare a parenti e amici. Mi perdonino i genovesi, se mi sono cimentata in un dolce che nulla a che fare con la Calabria, in effetti, a volte aggiungo dei fichi secchi tagliati a piccoli pezzi o delle gocce di cioccolato.

 

Panettone genovese-ricetta

Il panettone genovese fatto da una calabrese

Ingredienti

  • 500 gr di farina 0
  • 200 gr di zucchero
  • 150 gr di burro
  • 100 gr di uvetta sultanina
  • 50 gr di pinoli
  • 50 gr di cedro candito
  • 1 limone (si usano la buccia grat. e il succo)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1/2 bicchiere di latte
  • 1/2 di marsala
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale.

Procedimento

Mettere a bagno l’uvetta
In una ciotola setacciare la farina, aggiungere lo zucchero, l’uvetta strizzata, i pinoli, i canditi, la buccia del limone grattugiata, il lievito setacciato per evitare grumi, il sale, mescolare e fare un incavo al centro.
Sciogliere il burro a bagnomaria.
Versare il burro, il latte, il marsala, l’uovo, il succo del limone.
Impastare velocemente per pochi minuti, fare la forma come per il pane facendo un taglio a croce sopra. Sistemarlo in una teglia imburrata e infarinata.
Cuocere a 180 gradi per un’ora circa, controllando che non diventi troppo scuro, diminuire la temperatura a 160 dopo che è dorato e lasciandolo nel forno spento per farlo asciugare bene all’interno Dopo cotto deve essere ben asciutto e friabile.

Questa dose è per un panettone grande, ma ne faccio due più piccoli, così hanno una cottura migliore e non restano umidi all’interno.

Qui trovate tutte le mie ricette

Per le foto cliccate Qui

Se vi piacciono le mie ricette venite a trovarmi nella mia pagina Facebook  mettete mi piace e spuntate ricevi le notifiche, mi trovate anche su Twitter. Pinterest  Google + Linkedin

Pubblicato da incucinaconmire

Mi chiamo Mirella, sono una mamma/nonna, calabrese di fatto e nel cuore. Amo la mia terra e mi piace preparare i piatti della tradizione, piatti che mi hanno accompagnato fin dall'infanzia, rivisitati alla mia maniera con gusto e originalità, mi piace condividerli e farli conoscere, sono ricette semplici e facili da rifare, troverete anche ricette attuali, mi piacciono anche le novità.

2 Risposte a “Panettone genovese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.