Pollo allo scarpariello

La cucina tradizionale napoletana è una sinfonia di sapori, con piatti genuini che si sono tramandati di generazione in generazione, come il pollo allo scarpariello. In molti conoscono la pasta allo scarpariello, un primo piatto delizioso a base di pomodoro fresco e formaggio, ingredienti che un tempo difficilmente potevano mancare nella casa anche del più umile degli artigiani: lo scarpariello appunto, vale a dire il calzolaio.
Il pollo allo scarpariello ha la medesima origine povera: pollo a pezzi cotto al tegame e insaporito con pomodoro, cipolla e un pizzico di peperoncino. Come per altri piatti della tradizione partenopea – penso ad esempio al classico ragù napoletano – il pollo allo scarpariello consentiva di racchiudere in un’unica preparazione un pasto intero: con il sugo di cottura, infatti, si condiva la pasta, in modo da sfruttare al massimo il sapore e il nutrimento della carne.
Il pollo allo scarpariello rappresenta l’eccellenza della cucina italiana: ingredienti di qualità, preparazione semplice e un risultato di gusto straordinario. Non esitate a condividere questo piatto con la vostra famiglia e gli amici per un’esperienza gastronomica indimenticabile.
Ti potrebbero interessare anche:

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaRegionale Italiana
  • StagionalitàTutte le stagioni
  • RegioneCampania

Ingredienti per il pollo allo scarpariello

1 kg pollo (a pezzi)
q.b. farina 00 (facoltativa; per la versione senza glutine ho usato farina di riso)
250 g pomodorini (oppure San Marzano)
1/2 cipolla
5 foglie basilico
1 ciuffo prezzemolo
3 cucchiai olio extravergine d’oliva
1 peperoncino
q.b. sale
q.b. pepe

Come preparare il pollo allo scarpariello

Per preparare il pollo allo scarpariello per prima cosa tagliate il pollo in pezzi non troppo grandi. Se volete un piatto più light potete togliere in tutto o in parte la pelle, io l’ho lasciata.

Se usate i pomodorini tagliateli a metà (1); se usate invece pomodori ramati o San Marzano sbollentateli per qualche secondo e spellateli, quindi tagliateli a cubetti. Affettate la cipolla sottile (2).

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais 1 tagliare pomodori e cipolla

In un piatto o in una ciotola versate poca farina (io ho usato farina di riso senza glutine) e infarinate leggermente i pezzi di pollo uno alla volta (3). Questo passaggio è facoltativo – serve per rendere il sughetto un po’ più denso e cremoso – ma vivamente consigliato se usate pollo senza pelle: in questo modo eviterà di seccarsi eccessivamente quando lo rosolate.

In una pentola di ghisa o un tegame dal fondo spesso – se ne avete uno di terracotta è perfetto per questa ricetta – fate scaldare bene un po’ di olio con un peperoncino piccante tritato (4).

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais 2 infarinare il pollo

Adagiatevi quindi i pezzi di pollo uno accanto all’altro (5) e fateli rosolare a fiamma dolce per 2-3 minuti, quindi girateli e fateli rosolare anche dall’altro lato; salate abbondantemente e pepate (6).

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais 3 rosolare il pollo

Aggiungete a questo punto i pomodori e le cipolle (7), un pizzico di sale e mescolate bene (8). Coprite il tegame con un coperchio e fate cuocere a fiamma dolce per circa 30 minuti.

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais 4 unire pomodori

Trascorso il tempo di cottura togliete il coperchio (9) e controllate che il pollo sia ben cotto (i tempi possono variare in base alla grandezza dei pezzi di pollo). Quindi proseguite la cottura per un paio di minuti senza coperchio, giusto il tempo di far addensare leggermente il sugo (10).

pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais 5 cuocere coperto

Spegnete il fuoco e completate il piatto con abbondante prezzemolo tritato e basilico spezzettato. Potete servire il pollo allo scarpariello guarnito con un po’ della sua salsa e usare il resto per condire un bel piatto di spaghetti, oppure per fare una goduriosa scarpetta.

v_ pollo allo scarpariello ricetta napoletana pollo al tegame con pomodoro cipolla secondo + sugo per la pasta il chicco di mais

Conservazione

Il pollo allo scarpariello può essere cucinato in anticipo e conservato a temperatura ambiente per 4-6 ore. Più a lungo è meglio conservarlo in frigorifero, dove si mantiene bene per 3 giorni.

Consigli e varianti

Trattandosi di un piatto antico e casalingo è difficile stabilire quale sia la ricetta originale del pollo allo scarpariello, poiché veniva preparato con quello che c’era in casa. In alcune ricette, ad esempio, si utilizzano dei peperoncini dolci anziché il peperoncino piccante, in altre il pollo viene sfumato con un po’ di vino bianco prima di aggiungere il pomodoro. In inverno, quando i pomodori non sono nel pieno della loro stagione, potete optare per dei buoni pelati.

Non perderti le nuove ricette del Chicco di Mais, seguimi su FacebookInstagram e Pinterest!

In questo articolo sono presenti link di affiliazione

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.