Arrosto in pentola a pressione (ricetta veloce)

Preparare l’ arrosto in pentola a pressione è non solo un modo veloce ottenere un secondo piatto gustoso e perfetto per le grandi occasioni, ma anche una ricetta che vi permetterà di ottenere un arrosto tenero e succulento, cosa che a volte non accade con l’arrosto cotto in forno. L’ arrosto in pentola a pressione, invece, rimane generalmente più morbido e rilascia un fondo di cottura saporito e invitante. Potete preparare l’ arrosto in pentola a pressione con il tipo di carne che preferite: ovviamente ci sono tagli più teneri e pregiati, come il girello di vitello, ma anche buoni tagli meno costosi, come la pezza o la rosa. L’ arrosto in pentola a pressione viene benissimo anche con il filetto di maiale o l’arista: in tal caso suggerisco di aggiungere agli aromi anche qualche seme di finocchio. Come dicevo l’ arrosto in pentola a pressione ha il notevole vantaggio di cuocere molto più in fretta di quello al forno: per ogni chilo di carne basteranno 30 minuti dal fischio, più un’altra decina per far addensare il sughetto. La ricetta che seguo io me l’ha insegnata mia madre, il cui arrosto in pentola a pressione è uno dei cavalli di battaglia ormai da anni. E da adesso anche il mio 😉

Arrosto in pentola a pressione ricetta veloce il chicco di mais

Ricetta dell’ arrosto in pentola a pressione

Ingredienti per 6 persone:

  • 1,3 kg di girello di vitello
  • 30 g di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino circa di sale
  • Pepe qb
  • Qualche rametto di rosmarino
  • Qualche foglia di salvia
  • 2 spicchi di aglio
  • 15 g di burro
  • ½ bicchiere di vino bianco

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 45 min.)

Per preparare l’ arrosto in pentola a pressione innanzitutto valutate se la vostra pentola a pressione è sufficientemente larga per ospitare il pezzo di arrosto: in caso contrario potete dividerlo in due pezzi. Salatelo abbondantemente e insaporitelo con il pepe; se volete potete anche legarlo o metterlo nelle apposite retine (1). Versate l’olio sul fondo della pentola e mettetevi gli spicchi di aglio sbucciato e metà della salvia e del rosmarino (2). Sistematevi l’arrosto, cercando di fare in modo che tocchi per intero il fondo della pentola (3).

Arrosto in pentola a pressione ricetta veloce il chicco di mais 1

Versatevi tanta acqua quanto basta ad arrivare a metà della carne (4). Sistemate sopra alla carne qualche fetta molto sottile di burro (5) e adagiatevi sopra il rosmarino e la salvia rimasti (6). Il burro, sciogliendosi, renderà la carne più tenera e saporita. Chiudete la pentola a pressione ermeticamente e mettetela sul fuoco; appena inizia a fischiare calcolate 40 minuti per un arrosto da 1 chilo e 300 g (in generale 30 minuti a chilo).

Arrosto in pentola a pressione ricetta veloce il chicco di mais 2

Trascorso il tempo di cottura, aprite la valvola per far uscire il vapore e, quando è fuoriuscito del tutto, aprite la pentola a pressione (7). L’arrosto avrà ancora un aspetto piuttosto lesso e il sughetto sarà molto annacquato. Con l’aiuto di un cucchiaio giratelo e punzecchiatelo per controllare che sia cotto (8) (non deve uscire sangue).

Arrosto in pentola a pressione ricetta veloce il chicco di mais 3

Riaccendete la fiamma e fatelo rosolare a fuoco vivace per un paio di minuti, quindi sfumate con il vino bianco (9) e fate cuocere ancora per 6-7 minuti, in modo che il sughetto si addensi e la carne prenda colore (10). Tiratela quindi fuori dalla pentola e filtrate il sughetto (11). Fate intiepidire l’arrosto prima di tagliarlo, in modo che non si sbricioli. Potrete poi riscaldarlo in padella o al forno insieme al suo sughetto, oppure riscaldare solo il sugo e servire l’arrosto tiepido.

Arrosto in pentola a pressione ricetta veloce il chicco di mais 4

Servite l’ arrosto in pentola a pressione per una cena speciale o per il pranzo della domenica.

Se ti è piaciuta la ricetta dell’ arrosto in pentola a pressione segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ e consulta qui la sezione dedicata alle ricette con pentola a pressione.

Precedente Indivia al forno con salsa alla senape Successivo Caccavelle ripiene di salsiccia e funghi (ricetta al forno)

14 commenti su “Arrosto in pentola a pressione (ricetta veloce)

  1. io la pentola a pressione non la uso mai!!so che è comoda,ma non ricordo prorpiodi averla e quindi non la uso :-)!!
    però adoro l’arrosto,quelle belel fettine sottili,tenere che si sciolgono in bocca….bravissima è buonidssimo e si vede!!
    baci fra…buona serata

    • ilchiccodimais il said:

      C’è, è il terzo ingrediente in elenco (1 cucchiaino circa) e va aggiunto all’inizio della preparazione (“Salatelo abbondantemente e insaporitelo con il pepe”)

    • Maria il said:

      Ho cucinato l’arrosto ieri sera, poi raffreddato l’ho conservato in frigo. Oggi l’ho affettato sottile, ma era proprio tanto. La mia domanda è: posso congelarlo anche se è il giorno dopo?
      Per piacere rispondete, grazie

      • ilchiccodimais il said:

        Ciao Maria, non credo ci siano controindicazioni di tipo igienico a congelarlo, solo probabilmente una volta scongelato risulterà un pochino meno tenero

  2. daniel il said:

    Ciao,

    e’ possibile che il mio arrosto (che una volta punzecchiato non ha lasciato fuoriuscire nulla) era un po’ “gommoso”?. Premessa: e’ la prima volta che lo faccio.

    Grazie!

  3. Sabrina il said:

    Ciao devo abbassare la fiamma quando sento il fischio? Uso poco la pentola a pressione ma sto cercando di imparare di usarlo.

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Sabrina, sì geberalmente si tiene la fiamma alta all’inizio, finché non giunge a pressione. Poi la si abbassa leggermente, cercando di fare in modo che il fischio sia costante per avere una cottura migliore

  4. scusate , ma la pentola a pressione a che temperatura di fiamma va messa ?? io con gli arrosti brucio sempre tutto , forse perche’ chiudo e alzo la fiamma ???

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Flora, di norma si tiene la fiamma alta finché la pentola non inizia a fischiare, poi si regola a fiamma medio-bassa, in modo che il rumore del fischio rimanga costante. Se ti si brucia l’arrosto forse devi aggiungere un po’ più di liquido oppure farlo cuocere un po’ meno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.