Crea sito

Formaggio fresco senza caglio

Fare del formaggio fresco in casa è stato uno dei miei desideri da un bel po’… ed ecco che sono riuscita a realizzarlo.

Questa ricetta in particolare non prevede l’uso di caglio, facilmente trovabile comunque in farmacia, ma dell’ acido citrico, ovvero succo di limone!

La difficoltà maggiore è stata capire dove reperire i cestini , ma fortunatamente li ho trovati in un angolo un pochino nascosto di un negozio di Pescara….

Alcuni suggerimenti: potete utilizzare sia latte già pastorizzato che latte crudo, come ho fatto io…

In questo caso qui di seguito, vi spiegherò come procedere…..

 La pastorizzazione (sufficiente per uccidere i germi patogeni del latte) avviene portando il latte ad una temperatura di 72 gradi per 15 secondi. Un consiglio è di utilizzare una pentola con il fondo spesso in modo tale da evitare che il latte bruci sul fondo e quindi superi i 72 gradi. Le fasi di pastorizzazione sono quattro. La 1° è portare il latte a 50 gradi a fuoco alto; 2° è portare il latte da 50 a  70 gradi a fuoco medio; 3° portare il latte da 70 a 72 gradi a fuoco bassissimo e sempre mescolando con un cucchiaio; 4° far raffreddare il latte più velocemente possibile immergendo la pentola in acqua fredda e mescolando sempre. 

Se invece procederete direttamente all’ebollizione attenti a non far attaccare il latte al fondo della pentola….

 

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 cestini
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 1 l latte crudo (o intero pastorizzato)
  • 50 g Succo di limone
  • 3 g Sale fino

Preparazione

  1. Mettere il latte in una pentola e portarlo ad ebollizione.

  2. Aggiungere il succo di limone prima ed il sale poi.

  3. Mescolare.

    Piano piano si formeranno dei grumi.

    Continuare la cottura per 5 minuti.

     

  4. Spegnere il fuoco e far riposare 10 minuti.

    Preparare i cestini ben lavati ed asciugati.

     

  5. Con una schiumarola tirare fuori i grumi ed adagiarli nei cestini comprimendoli.

  6. Coprire con una pellicola o carta forno la formaggetta ed adagiarvi un peso sopra.

     

  7. Ripetere per l’altra formaggetta.

    Far riposare.

    Già dopo qualche minuto avrete il vostro formaggio pronto da sformare.

    Un’ accortezza:non buttate il siero e conservatelo in frigo qualche giorno….potreste riutilizzarlo per una ricotta morbida e profumata!!!

Note

4,0 / 5
Grazie per aver votato!

 3,715 total views,  1 views today

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da emanuela

classe 1974, una vita divisa tra sport e cucina ma in realtà interamente dedicata ai miei tre figli...stato attuale : In piena rivoluzione !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.