Lesso rifatto, ricetta tradizionale toscana

Il lesso rifatto, ricetta tradizionale della cucina contadina toscana, non è altro che – come dice il nome stesso – un modo estremamente gustoso di presentare il bollito che si è utilizzato per preparare il brodo.

I bocconcini di lesso, morbidissimi per la prolungata cottura nel brodo, “rifatti” nella salsa acquistano un gran sapore e si ha l’impressione di mangiare un prelibato spezzatino preparato appositamente…questa facile ricetta di casa richiede l’accompagnamento di una forma di pane, indispensabile per intingere nella saporitissima salsa 😀 …ma anche delle patate cotte in umido sono un ottimo completamento: questa è la ricetta che preparava la mamma di mio marito e che ormai da tempo è entrata anche nella mia cucina. 

Solo qualche anno fa, sul forum di Coquinaria, ho scoperto che questo piatto tipico è conosciuto in alcune zone della Toscana anche con il nome di francesina. 

Lesso rifatto

lesso rifatto

Ingredienti 

  • lesso avanzato, 500 grammi circa
  • cipolle, 800 grammi
  • brodo di carne, un paio di mestoli (circa 200 ml.)
  • pomodori pelati, 400 grammi 
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • salvia, un paio di foglie
  • sale e pepe (o peperoncino)  q.b.

Preparazione

Sbucciare ed affettare le cipolle, quindi farle rosolare a fuoco molto basso in quattro cucchiai d’olio: le cipolle devono ammorbidirsi, quasi disfarsi, senza però prendere colore.

Aggiungere  i pomodori, sale e pepe e far cuocere la salsa per una decina di minuti.

Unire la carne tagliata a cubetti o a fettine sottili, mescolare bene e lasciare insaporire.

Versare il brodo e far cuocere coperto, a fiamma bassa per circa quindici minuti.

Servire ben caldo.

…Ed ecco qualche altra gustosa ricetta tradizionale toscana (cliccare sul nome della ricetta per leggerla):

Zuppa di borlotti e farro

Gnudi di ricotta e spinaci

Crostini con fegatini

Se la ricetta del lesso rifatto ti è piaciuta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook, su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Precedente Gattò di patate, ricetta napoletana Successivo Cassatelle di Pasqua, ricetta siciliana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.