Sciroppo ai fiori di sambuco

Lo Sciroppo ai fiori di sambuco è un dono del mese di maggio, profumato dal sapore delicato di moscato, è veloce e facile da preparare.

Da conservare in frigo e utilizzare all’occorrenza per una bibita dissetante: basta aggiungerne uno o due cucchiaini in un bicchiere di acqua liscia o gassata.

Con ghiaccio e foglioline di menta fresca diventa più sfiziosa da offrire, e con il prosecco potrete ottenere un ottimo aperitivo.

Ma non finisce qui! Potete usare lo sciroppo per condire le fragole o i frutti di bosco e anche per aromatizzare torte come quella di mele.

Ringrazio mio marito Mauro per aver insistito nel preparare questa ricetta, per aver raccolto e preparato il tutto seguendo la ricetta di Carmencita Sciroppo di sambuco, sotto la mia supervisione per le dosi (avevamo più fiori a disposizione). Sua è anche la foto dei barattoli di vetro con l’infusione di fiori e limoni.

Se volete realizzare questa ricetta non vi resta che raccogliere i fiori in una zona poco trafficata e poi… seguitemi in cucina che vi spiego come preparare in casa lo Sciroppo ai fiori di sambuco.

Sciroppo ai fiori di sambuco
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo2 Giorni
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni2 litri
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per lo Sciroppo ai fiori di sambuco

Il sambuco nella medicina tradizionale era considerato una vera panacea, in quella tirolese era chiamato “Farmacia degli dei”, e sette volte il contadino si inchinava davanti a quest’albero perché altrettanti erano i doni che si ricavavano da esso:
1 – dai germogli,
2 – dalle foglie,
3 – dai fiori,
4 – dalle bacche,
5 – dalla corteccia,
6 – dalla radice,
7 – dal midollo.
Si curavano le nevralgie, le malattie della pelle, le scottature, le contusioni e piccole ferite.
I fiori depurativi e utili come colluttorio nelle infiammazioni e contro il raffreddore.
Diuretico, lassativo, benefico per il fegato, per curare le emorroidi.
Con le bacche oltre a marmellate, sciroppi e gelatine si può preparare un vino simile al Porto.
Il sambuco inoltre fornisce coloranti verdi, viola e neri.
  • 30 grappoliFiori di sambuco
  • 9limoni biologici
  • 750 mlacqua
  • 2 kgzucchero
  • 1.5 cucchiainiaceto di mele (biologico)

Strumenti per preparare lo Sciroppo ai fiori di sambuco

  • 2 Contenitori a chiusura ermetica in vetro
  • 1 Garza
  • 1 Colino
  • 3 Bottiglie di vetro

Preparazione dello Sciroppo ai fiori di sambuco

  1. sciroppo fiori sambuco - preparazione

    Eliminate dai fiori i rametti verdi più grossi e sciacquateli delicatamente sotto l’acqua.

    Quindi lavate accuratamente i limoni eliminate le estremità e ricavatene fette di 1 cm di spessore.

    Inserite fiori e fettine di limone in uno o due vasi capienti in vetro e coprite con l’acqua.

    Chiudete ermeticamente o con la pellicola e lasciate macerare per due giorni in frigo.

  2. Sciroppo ai fiori di sambuco

    Trascorso il tempo filtrate con una garza appoggiata sopra un colino e poi strizzate bene fiori e fette di limone.

    Versate il liquido ottenuto in una pentola capiente e dopo aver aggiunto lo zucchero e l’aceto portate a ebollizione.

    A questo punto cucinate a fiamma bassa per circa 10 minuti.

    Lasciate raffreddare, trasferite in bottiglie di vetro e conservate in frigo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

2 Risposte a “Sciroppo ai fiori di sambuco”

  1. Bellissima ricetta, il sambuco è una pianta con molte proprietà ma ormai quasi dimenticata. sapevi che del sambuco si può usare tutto (fiori, corteccia, foglie e frutti)?

  2. Grazie Mr. Loto, mi dispiace aver visto solo ora il commento… purtroppo conosco poco il sambuco, sapevo dei frutti che si possono usare per confetture ma non l’ho ancora sperimentato direttamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.