Crea sito

Pappardelle alla zucca fatte in casa

Le pappardelle alla zucca fatte in casa sono l’ideale per preparare un gustoso ed appetitoso primo piatto di pasta fresca da condire con un buon sugo di funghi, di carne o di selvaggina (vedi note).

Fare la pasta fresca in casa è un’arte antica ed è un peccato che ai giorni nostri si stia perdendo questa magnifica tradizione. Le nostre mamme e nonne la preparavano soprattutto nei giorni di festa mentre il sugo cuoceva lentamente sul fuoco con il profumo che invadeva l’aria. Che bei ricordi!

Per questo motivo, una delle cose che mi piace fare di più in cucina è impastare e tirare la sfoglia con il mattarello per ricavare tagliolini, tagliatelle, lasagne, ravioli e tortellini. Oggi vi propongo di preparare queste pappardelle dove nell’impasto tradizionale a base di farina e uova metteremo anche un po’ di zucca e di parmigiano grattugiato.

Come sempre ci vuole una buona farina. Vi consiglio di utilizzare quella del Mulino della Riviera di Dronero che viene realizzata attraverso la molitura lenta con macine di pietra naturale, con prodotti cerealicoli coltivati in modo tradizionale ed ecologico. Miscelando il 30% di Senatore Cappelli con il 70% di farina Tipo 1 di Grano Tenero si ottiene una pasta molto stendibile che però non scuoce in cottura.

Mettiamoci al lavoro… in circa un’ora sono pronte le pappardelle e nel frattempo cuoce anche il condimento!

Sponsorizzato da Biscotti Cavanna

Pappardelle alla zucca fatte in casa
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 210 gfarina Tipo 1 di Grano Tenero
  • 90 gfarina di grano duro Senatore Cappelli
  • 100 gpurea di zucca
  • 2uova
  • 30 gparmigiano grattugiato
  • 1 pizzicosale

Strumenti

  • Spianatoia
  • Mattarello
  • Rotella
  • Vaporiera
  • Schiacciapatate o forchetta
  • Spatola
  • Frusta a mano
  • Ciotola

Preparazione

Se volete ho pubblicato per voi un video che illustra le fasi principali di preparazione della pasta fresca tradizionale che sarà di aiuto anche per questa variante. Se vi piace, seguitemi sul mio canale You tube.
  1. Pasta a mano 2

    Cuocere a vapore per pochi minuti la zucca tagliata a dadini e poi lasciarla intiepidire e schiacciarla con una forchetta o con lo schiacciapatate.

    Mettere sulla spianatoia le farine miscelate e fare con le mani un buco al centro. Tipo un vulcano! 😉

    All’interno del buco mettere le uova, il parmigiano, il sale e la purea di zucca.

    Con una frusta o due forchette sbattere le uova con il parmigiano e la zucca facendo attenzione a non rompere il bordo di farina che le tiene al centro e non le fa uscire sulla spianatoia.

    Rompere bene gli albumi. Poi cominciare a far scendere al centro un po’ di farina, sempre senza rompere i bordi ma muovendo la frusta o le forchette dal bordo interno verso il centro.

  2. pasta a mano 3

    Con la spatola, togliere un po’ di farina dal bordo. Servirà dopo per infarinare la pasta.

    Iniziare ad impastare a mano.

    Continuare ad impastare fino a che non avrete un panetto liscio. Mentre impastate pulite la spianatoia con la spatola e infilate all’interno della pasta eventuali briciole in modo da non sprecare nulla e lavorare nel pulito.

    Questa fase necessita di olio di gomito e pazienza. Fate finta di danzare sulla spianatoia ;-).

    Dopo almeno 5 minuti inizierete ad avere un impasto sempre più liscio.

    Creare un panetto tondo chiudendolo nella parte inferiore e metterlo a riposare leggermente infarinato sulla spianatoia ricoperto da una ciotola rovesciata (circa 30 minuti).

  3. pasta a mano 5

    Trascorso il tempo di riposo in cui l’impasto si rilassa, tagliarlo in due e comiciare a tirarlo con il mattarello fino a raggiungere lo spessore voluto. Fare ruotare l’impasto e stirarlo da tutti i lati. Ogni tanto allungare i bordi che tendono a rimanere più spessi e poi arrotolare l’impasto sul mattarello per allungarlo bene.

    Se volete nel video potete vedere come si fa.

    Ripetere l’operazione per l’altra metà di pasta.

    Attenzione: non occorre esercitare troppa pressione altrimenti l’impasto si attaccherà al mattarello.

  4. Pappardelle alla zucca fatte in casa

    Quando la sfoglia è pronta bisogna farla asciugare lasciandola infarinata sulla spianatoia per 10 minuti.

    Con la rotella o con un coltello tagliare a strisce di un cm di larghezza.

    Se vi risulta più facile e volete essere più precisi, ripiegare l’impasto da un lato verso il centro fino a metà e poi dall’altro lato. Creare un rotolo piatto e poi con un coltello tagliare la pasta della larghezza voluta.

    Cuocere le pappardelle in acqua bollente salata per qualche minuto, poi scolare e condire con un buon sugo (vedi note)

Idee per condire le pappardelle

La sfoglia si può tirare anche con la sfogliatrice. Io uso la Imperia PastaPresto Macchina per Pasta Elettrica con Motore 230V.

Per condire queste pappardelle vi consiglio il ragù alla bolognese, il tocco alla genovese, il toccu de funzi, il ragù di lenticchie rosse, il sugo di cinghiale, il sugo di funghi e salsiccia.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su  YouTube,   Facebook,   Instagram,   Pinterest,   Twitter Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.