Crea sito

Orata al sale, ricetta leggera

L’ Orata al sale ha un metodo di cottura molto semplice, povero di grassi e molto usato da sempre. Non si aggiungono particolari condimenti, ecco perchè la polpa del pesce è ricca di sapore e gusto, perchè sfrutta il vapore prodotto dall’ umidità del forno. Io ho utilizzato una bella orata molto grande ma la dose che vi lascio può andar bene per due di medie dimensioni, se per caso utilizzate quelle, vedete voi. La ricetta è facile e come già detto non necessita di particolari condimenti. Se avete a disposizioni altri pesci simili vanno benissimo. ci vogliono 2 kili di sale grosso, ma tanto quello costa pochissimo! a vostro piacimento potete mescolare al sale grosso un trito delle vostre erbe aromatiche preferite, io ho provato ma si sente un profumo solo nell’aria, non va ad intaccare la polpa dell’ orata, quindi non l’ho più rimesso. Non vi venga in mente di sostituire il sale grosso, nemmeno in parte, con quello fino perchè ho provato anche quello e poi dopo cotta è difficile da eliminare!

 

  • un’ orata grande ben pulita o 2 da 500 grammi
  • 2 kili di sale grosso
  • 2 rametti di rosmarino
  • uno spicchio d’aglio
  • due fettine di limone
  • sale e olio extra vergine d’ oliva per condire alla fine

Per preparare l’ Orata al sale si comincia prendendo una pirofila grande da contenere il pesce, si cosparge di sale grosso facendo un bel tappetino, sia adagia il pesce e si mettono al suo interno le fettine di limone, il rametto di rosmarino e l’ aglio sbucciato. Adesso si copre con il restante sale grosso cercando di coprire perfettamente. Si inforna a 180° per circa 40 minuti, il sale si compatterà completamente diventando un blocco unico. Sfornate e lasciate freddare l’ orata per qualche minuto. Rompete quindi il blocco di sale creatosi ,eliminatelo completamente e pulite il pesce sfilettandolo e disponendolo su un piatto da portata. Condire con un buon olio extra vergine d’ oliva e sale. La vostra Orata al sale è pronta!!

 

All’ Orata al sale ho abbinato una  Passerina, dal colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso rivela profumi tipici di frutta tropicale e di fiori bianchi, in bocca è sapido e ben strutturato, con una note di freschezza persistenti. Vi invito a visitare il loro sito per scoprire tutta la loro produzione, Cantine leopardi

Se ti piacciono le mie ricette e ti va di essere sempre aggiornato sulle pubblicazioni, seguimi nella mia pagina Fb

Se provate a realizzare questa ricetta mandatemi una foto alla mia pagina Facebook  avrò l’onore di pubblicarla in un album con tutte le ricette  fatte da voi

 

 

(Visited 71 times, 71 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.