Crea sito

Gamberi in pasta kataifi

In vista delle prossime festività natalizie ho pensato che i gamberi in pasta kataifi potrebbero proprio fare una spettacolare figura sulle nostre tavole! La kataifi o kadaifi è un’antichissima pasta di origine ottomana, divisa un po’ tra le popolazioni greche, turche e dei balcani. Ha una forma di strisce sottilissime, tipo i capelli d’angelo, e si presta benissimo per le preparazioni dolci quanto per quelle salate, come in questo caso.

Anziché i tradizionali piatti di gamberi nelle versioni al forno, in padella o fritti quest’anno volevo proprio la novità! Così mi sono procurato questa pasta in un negozio etnico, si trova nel banco gelo in genere, e ho potuto preparare i gamberi in pasta kataifi. Non ci sono particolari indicazioni di utilizzo, se non coprire la pasta inutilizzata per non farla asciugare, e la resa è davvero straordinaria: protegge l’interno lasciandolo morbido e diventa croccante all’esterno, spettacolo!
Sono sicuro che grazie alla ricetta dei gamberi in pasta kataifi potrai sbalordire tutti servendo un antipasto super originale per il cenone o per uno sfizioso aperitivo.

Intanto ti ho parlato della mia ricetta dei gamberi in pasta kataifi, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram Tiktok utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!
Gio’

ricetta gamberi in pasta kataifi peccato di gola di giovanni castaldi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • PorzioniDosi per 12 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 12 pezzi

  • 12gamberoni
  • 250 gpasta kataifi
  • q.b.olio di semi
  • q.b.sale fino

Preparazione dei gamberi in pasta kataifi

  1. gamberi in pasta kataifi peccato di gola di giovanni castaldi 1

    Per preparare i gamberi in pasta kataifi cominciamo dalla pulizia: bisogna cominciare staccando le zampette, dopodiché procedi con la corazza sulla coda; se riesci tieni attaccato il codino. Infine incidi la superficie della coda, scorgerai un filo nero.

  2. gamberi in pasta kataifi peccato di gola di giovanni castaldi 2

    Si tratta dell’intestino, strappalo delicatamente con il coltello o anche con uno stuzzicadenti. Ora che hai pulito tutti i gamberi prendi la pasta kataifi. Stendila sul tagliere e abbi cura di coprirla con della pellicola altrimenti seccherà subito a contatto con l’aria.

  3. gamberi in pasta kataifi peccato di gola di giovanni castaldi 3

    Preleva 12 porzioni e avvolgi ciascun gambero con la kataifi, rivesti soltanto la coda, e ripeti per tutti. Immergi ciascun gambero in abbondante olio di semi caldo a 180°: ti consiglio di misurare la temperatura con il termometro. Vedrai che in circa 1 – 2 minuti ciascun pezzo sarà dorato quindi scola su carta assorbente e procedi con la cottura di tutti.

  4. ricetta gamberi in pasta kataifi peccato di gola di giovanni castaldi 2

    Sistema i tuoi gamberi in pasta kataifi sul piatto da portata, sala un pochino in superficie e buon appetito!

I consigli di Giovanni

·      Se vuoi puoi aggiungere un pizzico di pepe nero sulle code prima di avvolgerle nella pasta;

·      Puoi utilizzare dei gamberi freschi, l’importante è lasciarli scongelare per bene e asciugarli prima della cottura;

·      Anche le code di gambero vanno bene al posto dei gamberoni;

·      Accompagna i tuoi gamberi in pasta kataifi con qualche salsina affumicata o agrodolce se preferisci.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.