Crea sito

Nzuddi

Buoni e friabili i nzuddi messinesi, avevo avuto modo di conoscere questi dolci nel lontano 1993 in occasione di una mia vacanza a Messina e mi avevano conquistata per la loro fragranza e sapore, inoltre erano ricchi di mandorle tostate. Questa estate per problemi di salute di un mio familiare sono rimasta a Messina per circa due mesi, in questo periodo ho conosciuto delle splendide persone che mi sono state vicine e con cui ho instaurato una bellissima amicizia. La sera per passare il tempo visto che la degenza è stata lunga, facevamo delle lunghe chiacchierate e gustavamo le specialità del posto, che sono veramente tante. Tra cui ho ritrovato i nzuddi messinesi e anche i Piparelli di cui abbiamo fatto delle scorpacciate. Ho indagato con le nuove amiche se qualcuna aveva la ricetta da darmi, me l’ha fornita la mia amica Rosaria. Al mio ritorno a casa li ho fatti e devo dire che ho avuto dei buoni risultati. Ho fatto delle ricerche sugli nzuddi messinesi e pare che siano dovute alle suore dell’ordine di San Vincenzo, tante ricette sono dovute alle suore, in sicilia il diminuitivo di Vincenzo è Vincenzuddu, da qui il nome nzuddi. Venivano preparate il tre giugno, in onore della festività della Madonna e per il giorno di OgniSanti e della ricorrenza dei Morti. Oggi si preparano in ogni momento dell’anno e si trovano in vendita in tutte le pasticcerie.

Adesso andiamo alla preparazione degli nzuddi.

Seguimi nella mia pagina facebook IncucinaconMire e metti mi piace, mi trovi, su Twitter.  Pinterest  Linkedin

nzuddi messinesi
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni20 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina 0
  • 200 gZucchero
  • 250 gMandorle
  • 100 gBurro
  • 2Uova
  • 75 mlLatte
  • 1Scorza di limone
  • 1Scorza d’arancia
  • 5 gAmmoniaca per dolci
  • 2 bustineVanillina
  • 1 pizzicoCannella in polvere
  • 1 bicchierinoMaraschino
  • 1 pizzicoSale

Per spennellare

  • 1Tuorlo
  • 2 cucchiaiLatte

Strumenti

  • 1 Ciotola
  • 1 Forchetta
  • 1 Teglia
  • Carta forno
  • Forno

Preparazione

  1. Tostare le mandorle e tritarle grossolanamente.

  2. Sciogliere il burro a bagnomaria.

  3. Sciogliere l’ammoniaca in poco latte caldo.

  4. In una ciotola mettere la farina, lo zucchero, le mandorle, la cannella, il sale, la vanillina, la scorza del limone e dell’arancia grattugiate.

  5. Aggiungere il maraschino, il burro tiepido, il latte con l’ammoniaca, mescolare con le mani facendo una sabbiatura, poi aggiungere le uova leggermente sbattute con una forchetta,

  6. Versare l’impasto sull’asse e impastare velocemente con le mani, se dovesse essere troppo duro e necessita aggiungere del latte, se troppo morbido aggiungere poca farina. Deve essere un panetto morbido e non troppo duro.

  7. Stendere l’impasto dello spessore di 1 cm circa, tagliare a strisce e poi a losanghe o a rettangoli, Oppure staccare dei piccoli pezzi, formare delle palline e poi appiattirle, io preferisco il primo metodo. Posizionarli su una teglia rivestita di carta forno.

  8. Sbattere il tuorlo con i due cucchiai di latte e spennellare i biscotti

  9. nzuddi

    Cuocere in forno preriscaldato a temperatura di 180° per circa 15/20 minuti, i nzuddi devono risultare belle dorate.

Consigli

Non tritare troppo fini le mandorle, ma lasciarle grossolane.

Conservazione

Si conservano per parecchi giorni ben chiusi in scatole di latta, oppure in un sacchetto ben sigillato.

Per il periodo delle feste fare dei sacchettini regalo, saranno molto graditi.

Se vi è piaciuta questa ricetta, forse vi possono interessare altre ricette di biscotti Biscotti Alsaziani i Tozzetti ai pistacchi  i Biscotti al pistacchio le Pastette calabresi

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da incucinaconmire

Mi chiamo Mirella, sono una mamma/nonna, calabrese di fatto e nel cuore. Amo la mia terra e mi piace preparare i piatti della tradizione, piatti che mi hanno accompagnato fin dall'infanzia, rivisitati alla mia maniera con gusto e originalità, mi piace condividerli e farli conoscere, sono ricette semplici e facili da rifare, troverete anche ricette attuali, mi piacciono anche le novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.