Marmellata di uva fragola

Marmellata di uva fragola, senza  nessun additivo, solo con aggiunta di zucchero. Sempre per la mia fretta e mancanza di tempo, ho stravolto il mio modo classico di fare la confettura dell’uva fragola . Questa volta l’ho fatta senza le bucce, perché l’uva era tanta ( quasi 6 kg) e non avevo tempo, è stata la prima volta che ho usato questo metodo. Però devo dire che il risultato è stato ottimo, anche con questo procedimento la marmellata è venuta super buona, leggermente più fluida tipo gelatina, In attesa di usarla su i dolci e a colazione sul pane, vi do la ricetta.

Qui trovate il procedimento classico con le bucce.

Marmellata di uva fragola

Ingredienti – Moltiplicate per quanti kg di succo ottenuto

  • 1 kg di succo e polpa di uva fragola
  • 250 gr di zucchero

Procedimento per la Marmellata di uva fragola

Sgranare l’uva scegliere i chicchi migliori scartando se ne trovate qualcuno brutto, lavarla e metterla a scolare in un cestino di plastica. Metterla in una pentola capace e profonda, fare cuocere per  20 minuti circa, finché i chicchi sono belli morbidi. Passarli al passatutto con i fori medi,  cosi da far passare il succo e la polpa e non i semi. Pesare il succo, rimettere di nuovo nella pentola, tutto il succo ottenuto e fare cuocere, aggiungere lo zucchero, non tutto, però, regolarsi in base alla dolcezza dell’uva, io ne ho usato 250 gr per kg di succo. Fare bollire fino a che non raggiunge la giusta densità, mettendone una goccia su un piatto raffreddandosi si addensa e non scivola via, Non fatela troppo dura raffreddandosi si asciugherà e poi si rischia che diventi troppo densa.

Nel frattempo preparare i vasetti, non molto grandi in modo che quando si inizia non duri a lungo, lavarli con acqua calda asciugarli e passarli in forno caldo per sterilizzarli, fare la stessa cosa con i tappi.

Riempire i vasetti con la marmellata ancora calda, lasciando un centimetro di vuoto, chiuderli bene e metterli capovolti per 20/30 minuti, poi rigirarli. Quando sono freddi controllare che abbiano ottenuto il sotto vuoto, facendo il clik clak, cioè se si  schiaccia con il dito e dovesse fare rumore, non hanno raggiunto il sottovuoto, allora è meglio fare il bagnomaria per altri 20 minuti.

Conservare in luogo fresco e quando si inizia un vasetto, conservare in frigorifero.

Fatta in questo modo e conservata bene, la marmellata di uva fragola, dura anche per due anni.

Copyright © In cucina con Mire

Seguimi nella mia pagina facebook IncucinaconMire metti mi piace, mi trovi, anche, su Twitter.  Pinterest  Google+ Linkedin

Mandami le tue foto/ricette nella mia pagina Facebook e le aggiungerò nella categoria Le vostre ricette

Vuoi essere sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter è gratis

 
Precedente Riso e lenticchie Successivo Gamberoni gratinati al forno

Lascia un commento