Broccolo o cavolfiore fritto in pastella (ricetta con farina di riso)

Il cavolfiore fritto in pastella è un antipasto gustoso e semplice da preparare e fa parte della serie di fritti che nella tradizione romana vengono serviti in occasione del Natale (con lo stesso procedimento si può preparare il broccolo romano, quello verde e con le punte per intenderci). Il segreto per un buon cavolfiore fritto è naturalmente la pastella, che io preparo con farina di riso sia perché così è senza glutine, sia perché a mio parare in tal modo il fritto rimane più asciutto e leggero. La ricetta del cavolfiore fritto prevede una prima fase in cui si sbollentano le cime del cavolfiore per qualche minuto: questa operazione può essere fatta anche qualche ora prima, poiché le verdure si dovranno raffreddare bene. All’ultimo momento va invece preparata la pastella (qualcuno la fa prima e la tiene in frigo, ma io non ho mai provato); i cavolfiori fritti cuociono in pochi minuti e vanno serviti ben caldi.

Broccolo o cavolfiore fritto in pastella ricetta con farina di riso il chicco di mais

Ricetta del cavolfiore fritto in pastella

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cavolfiore oppure 1 broccolo romano
  • 350 g circa di farina di riso finissima
  • ½ cucchiaino scarso di bicarbonato
  • 500 ml circa di acqua frizzante fredda (usatene una molto gassata)
  • Sale qb
  • Abbondante olio di arachide

Procedimento (preparazione: 10 min. cottura: 15 min.)

Per preparare il cavolfiore fritto in pastella iniziate pulendo il cavolfiore: eliminate le foglie (1) e la parte finale del cavolfiore (2), poi staccate le cime dal fusto (3).

Broccolo o cavolfiore fritto in pastella ricetta con farina di riso il chicco di mais 1Lavatele bene, eliminando eventuali parte scure, e dividete a metà le più grandi (4). Lessatele in acqua salata per circa 5 minuti (5), scolatele e fatele raffreddare. Poco prima di servire il cavolfiore fritto preparate la pastella: in una ciotola mettete la farina di riso e, se ce l’avete, un pizzico di bicarbonato (aiuta la pastella a gonfiarsi, ma se l’acqua è molto gassata non è indispensabile) (6); aggiungete anche un pizzico di sale.

Broccolo o cavolfiore fritto in pastella ricetta con farina di riso il chicco di mais 2Iniziate ad aggiungere pian piano un po’ d’acqua (deve essere molto fredda), che quando toccherà la farina dovrà “frizzare” (7), mescolate con una frusta o una forchetta. Non preoccupatevi se all’inizio si formano dei grumi (8). Continuate ad aggiungere acqua poco a poco, finché la pastella non avrà una consistenza fluida ma non liquida (9).

Broccolo o cavolfiore fritto in pastella ricetta con farina di riso il chicco di mais 3Dato che la pastella è una preparazione che si fa molto ad occhio, le dosi di farina e acqua sono indicative; per non rischiare di rovinare tutto fate una prova con un pezzetto piccolo di cavolfiore: immergetelo nella pastella e poi nell’olio bollente, se la pastella inizia subito a gonfiarsi va bene, se si stacca è troppo liquida e c’è bisogno di aggiungere un po’ più di farina. In tal modo potete controllare anche che l’olio sia giunto a temperatura. Fate scaldare abbondante olio di arachide in una padella o in una friggitrice (in tal caso si può controllare la temperatura dell’olio, che deve essere intorno ai 190°), quindi immergete le cime di cavolfiore nella pastella (10) e scolatele brevemente per eliminare quella in eccesso (11). Friggete le cime in abbondante olio di arachide (12) per 6-7 minuti finché non saranno dorate e scolatele su un foglio di carta assorbente.

Broccolo o cavolfiore fritto in pastella ricetta con farina di riso il chicco di mais 4Servite il cavolfiore fritto in pastella subito.

Se ti è piaciuta la ricetta del cavolfiore fritto in pastella segui il Chicco di Mais anche su Facebook e Twitter e Google+!

Precedente Menu di Natale 2012: il pranzo di Natale (ricette per il pranzo del 25) Successivo Purè di patate dolci, ricetta americana

2 commenti su “Broccolo o cavolfiore fritto in pastella (ricetta con farina di riso)

    • ilchiccodimais il said:

      Secondo me sì! È vero che il segreto per i fritti croccanti è la pastella e se la si fa bene viene croccante anche con la farina normale, ma a mio parere con quella di riso è più facile, non fa grumi (o meglio li fa solo all’inizio, poi si amalgama benissimo) e tutte le volte che l’ho usata il fritto era perfetto! 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.