Confettura di nespole senza pectina

La confettura di nespole senza pectina è ottima per la nostra colazione sul pane abbrustolito o per arricchire lo yogurt naturale.

Le nespole sono frutti antichi che si stanno rivalutando, a me ricordano la spensieratezza dell’infanzia, quando con le sorelle e gli altri bambini dell’azienda agricola, dove sono cresciuta, organizzavamo le passeggiate per andarle a gustare dall’albero della villa Favorita ora sede dell’ISTAO.

Potete trovare a questo link le proprietà di questo frutto del nespolo giapponese che si raccoglie a inizio estate, nel mese di giugno. In effetti esiste anche il nespolo europeo i cui frutti si raccolgono in autunno, ad ottobre, ma per farli maturare ci vuole pazienza… conoscete il proverbio col tempo e con la paglia maturano le nespole?

Quest’anno, complice la reclusione forzata dagli eventi, con mio marito Mauro siamo riusciti a raccoglierne più del solito (per essere precisa 2,350 kg) e, per non sciupare questi frutti preziosi, mi sono cimentata in varie preparazioni.

A me piacciono molto così al naturale, e mai e poi mai avrei pensato di prepararci qualche ricetta e invece eccomi qua! Questa è solo la prima, quella più nota come marmellata di nespole, poi in arrivo, molto presto, qualche preparazione inaspettata…

Purtroppo, per perfezionare la confettura mi sono distratta sul più bello, proprio alla fine quando occorre rimanere costantemente accanto a mescolare e ho bruciato quasi tutto. Ero in procinto di sterilizzare i barattoli per la conservazione. Ma ne ho salvata una piccola quantità, giusto quella occorrente per la foto, così da lasciarla per i prossimi anni.

Confettura di nespole senza pectina
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni2 barattoli da 250 g
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la Confettura di nespole senza pectina

  • 500 gnespole (già pulite)
  • 250 gzucchero
  • 1limone (succo)

Strumenti

  • Coltello porcellana bianca
  • Pentola a fondo spesso
  • Frullatore a immersione
  • 2 Barattoli a chiusura ermetica in vetro

Preparazione della Confettura di nespole senza pectina

Per preparare la confettura di nespole senza pectina dovete lavare delicatamente le nespole, sbucciarle eliminando la buccia che viene via facilmente.
Io utilizzo un coltello in porcellana bianca, che non far ossidare la polpa, per togliere prima la pellicina e poi per staccare la polpa dal nocciolo.
Inoltre, mano a mano che le preparate, potete versare sopra il succo di limone, per evitare che la polpa scurisca.
Una volta preparata così tutta la polpa delle nespole potete pesare e aggiungere lo zucchero considerando metà del peso delle nespole.
  1. Confettura di nespole senza pectina

    Inserite le nespole pulite con il succo di limone e lo zucchero in una pentola di dimensioni adeguate con il fondo spesso.

    Mescolate e cucinate a fiamma bassa per circa dieci minuti o fino a quando lo zucchero si sarà sciolto e la frutta avrà rilasciato un po’ del suo succo.

    A questo punto potete frullare con un frullatore ad immersione per ottenere i pezzi di polpa della grandezza preferita.

    Continuate quindi a cucinare per circa 30 minuti.

    Io lascio raffreddare e metto in frigo per alcune ore poi controllo la consistenza e se è quella che piace a me, ossia non troppo liquida, procedo a sterilizzare i barattoli per invasare (vedi più sotto).

    Porto di nuovo a bollore la confettura e poi inserisco nei barattoli caldi. Chiudo e capovolgo i barattoli.

Come sterilizzare i barattoli nel forno

disponete i barattoli precedentemente lavati e asciutti, con l’apertura rivolta verso l’alto, su una placca e metteteli nel forno freddo. Impostate la temperatura a 170 °C con ventilazione forzata. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, lasciate i barattoli per 15 minuti.

Spegnete il forno e mettete su un’altra placca i coperchi quindi lasciate freddare a sportello chiuso.

Con l’aiuto dell’apposito imbuto mettete la confettura nei vasi sterilizzati avendo cura di pulire con un tovagliolo i bordi prima di avvitare il coperchio.

Potete capovolgere o meno il barattolo (a seconda della consistenza della confettura). Dopo circa dieci minuti potete controllare che il coperchio sia ben stretto. Quando si saranno raffreddati controllate che sia  sottovuoto premendo al centro del coperchio (non dovrebbe fare il click clack). Altrimenti potete inserire i vasi avvolti con un telo in una pentola coperta di acqua fredda (circa 5 cm sopra i barattoli) e farli bollire per 30 minuti.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.