Crea sito

Baccalà fritto alla napoletana

Una delle ricette natalizie alle quali sono più affezionato è quella del baccalà fritto alla napoletana. E pensare che da piccolo non mi piaceva per niente! Sarà che ogni 7 anni i gusti cambiano (almeno così dicono), sarà che sono un patito per il fritto ma oggi non riesco proprio a fare a meno di osservare questa tradizione. Un bel pezzetto fritto, caldo caldo, per osservare l’antica usanza.
Già, si tratta di una vera e propria usanza. Infatti durante le notti del 23 e del 30 dicembre i pescivendoli, così come i fruttivendoli, restano aperti tutta la notte per vendere il miglior pescato che arriva direttamente dal porto. E c’è sempre una grandissima coda di persone che, nonostante il freddo della notte, non vede l’ora di accaparrarsi vongole, baccalà, capitone, orate e spigole (branzini)!
Se vi trovate in giro per Napoli in queste giornate, non perdetevi questo caratteristico aspetto del mercato napoletano e poi, se vi capita, assaggiate anche qualche pezzo di baccalà fritto… sono sicuro l’adorerete, anche se a distanza di tempo, come è successo a me! A fine pasto non dimenticate di sgrassare il palato con un bicchierino di limoncello ghiacciato!

Ingredienti per 4 – 6 persone:

900 g di baccalà, farina q. b.; eventualmente un pizzico di sale e dei limoni.

 

Per friggere:

abbondante olio di semi d’arachidi.

ricetta-baccala-fritto-alla-napoletana-peccato-di-gola-di-giovanni

Preparazione del baccalà alla napoletana:

  • Per prima cosa devi cominciare a dissalare il baccalà. Questa operazione è molto importante, altrimenti mangerai dei pezzi veramente molto salati. Per 3 giorni dovrai tenere il pezzo di baccalà in un recipiente pieno d’acqua fresca e cambiarla mattina e sera: tieni pure a temperatura ambiente in un luogo fresco della tua cucina. Trascorsi i giorni asciuga il baccalà con un po’ di carta cucina ed estrai le spine più evidenti con una pinzetta da cucina. A questo punto dividi in pezzi più o meno della stessa grandezza e, man mano, disponili su un piatto. C’è tutto quello che ti occorre, versa la farina in un piatto e infarina il primo pezzo di baccalà accuratamente.

baccala-fritto-alla-napoletana-peccato-di-gola-di-giovanni-1

  • Elimina la farina in eccesso semplicemente agitando il pezzo e poi sistemalo in un altro piatto; continua così con tutti gli altri. Metti a scaldare una padella nella quale avrai versato circa 1 dito d’olio di semi di arachidi. Non appena questo sarà bel caldo immergi i pezzi di baccalà, pochi alla volta, e cuoci a temperatura medio bassa così da sigillarli. Dopo 2 – 3 minuti di cottura per lato, alza un po’ la fiamma così la farina diventerà bella dorata e poi scola su carta cucina. Continua a friggere tutti i pezzi.

baccala-fritto-alla-napoletana-peccato-di-gola-di-giovanni-2

  • Il tuo baccalà fritto alla napoletana è pronto, non ti resta che servirlo accompagnando eventualmente con un po’ di sale e dei limoni tagliati in 4 parti.

[disclaim]

Qualche consiglio:

dopo aver verificato che il baccalà sia effettivamente senza glutine, si può procedere alla frittura infarinando i pezzi con dell’amido di riso;
per far cuocere anche il cuore dei pezzi di baccalà fritto è importante che la cottura sia effettuata inizialmente a fiamma bassa e poi, per rendere dorata la superficie, aumentare la temperatura.

[/disclaim]

Restiamo in contatto!
Iscriviti sul mio canale di YouTube e se vuoi condividi anche con le tue cerchie di Google Plus ti aspetto! 🙂

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.