Pizza ricetta con lievito di birra

Pizza.Pizza al piatto con lievito di birra ricetta

Prima della pasta madre e della famosa ricetta della nostra pizza, ebbene si, pure io la facevo con il cubetto. Credo di non aver sconvolto nessuno con questa confessione. La pasta madre vive con me da un anno e mezzo, ma io cucino da un sacco di anni e la mia passione per la pizza non è nata con la pasta madre, ma si è evoluta con essa. Sta di fatto che non rinnego la mia ricetta con lievito di birra, ha allietato parecchie serate in compagnia di amici e non, protagonista assoluta della cena. Ricetta collaudatissima davvero, anni e anni di assaggi, garantito che viene a tutti. Potevo lasciarvi senza ricetta della pizza al piatto versione lievito di birra?

Pizza con lievito di birra:

(Dose per 3 pizze tonde da 220 gr l’una, oppure una leccarda da forno)

  • 7 gr di lievito di birra
  • 400 gr di farina 0
  • 250 gr di acqua tiepida
  • 2 cucchiai d’olio EVO
  • 1 cucchiaio di sale
  • 2 cucchiaini di zucchero

Per farcire:

  • Salsa di pomodoro
  • 1 mozzarella
  • Q.b. della vostra fantasia

Per prima cosa, in un bicchiere sciogliete i grammi di lievito di birra in poca acqua tiepida (presa dal totale della ricetta) e due cucchiaini di zucchero, mescolate e lasciate riposare 15 minuti circa. Nel frattempo potrete preparare il resto degli ingredienti, nella ciotola della planetaria ho versato la farina, se lo fate a mano non cambia l’inserimento degli ingredienti, ho poi aggiunto l’acqua con il lievito sciolto e l’altra parte d’acqua. Impastate, oppure nel mio caso fate partire la planetaria e appena l’impasto prende corpo aggiungete l’olio EVO e il sale. Portate l’impasto ad incordatura, lavoratelo fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Con l’aiuto di un tarocco ribaltatelo sull’asse senza infarinare, l’impasto non è appiccicoso, arrotondatelo con le mani, copritelo a campana con la ciotola che avete usato e lasciatelo riposare mezz’ora circa. Passata la mezz’ora, dovrete decidere se fare le pizze al piatto oppure un’unica pizza in teglia. Io vi scriverò entrambi i procedimenti.

Pizze al piatto:

Aiutandovi con il tarocco, dividete l’impasto con questa dose vi verranno 3 palline da 220 gr l’uno. Infarinate leggermente la spianatoia e fate le pieghe a tre ad ogni singola pezzatura. Stendete l’impasto sul piano infarinato cercando di farne un rettangolo, dividete idealmente l’impasto in tre parti uguali, e piegate le parti laterali su quella centrale sovrapponendole. Ora sul rettangolo ottenuto, rifate la stessa cosa, poi girate per tenere la falda della piega sotto, e arrotondate tutto (qui trovate le foto), questa sequenza di pieghe  è da ripetere due volte. Ponete a lievitare le palline sulla spianatoia leggermente infarinata e ben distanziate fra loro tenendo conto della lievitazione, copritele con pellicola oppure un canovaccio umido. Aspettate il raddoppio per procedere, 3 ore circa con questa dose di lievito.

Pizza in teglia:

Passata la mezz’ora di riposo, infarinate leggermente la spianatoia, ribaltatevi sopra l’impasto e praticate le pieghe a tre. Stendete l’impasto sul piano infarinato cercando di farne un rettangolo, dividete idealmente l’impasto in tre parti uguali, e piegate le parti laterali su quella centrale sovrapponendole. Ora sul rettangolo ottenuto, rifate la stessa cosa, poi girate per tenere la falda della piega sotto, e arrotondate tutto (qui trovate le foto), questa sequenza di pieghe è da ripetere due volte. Ponete l’impasto a lievitare in una ciotola tenendo conto dello sviluppo della lievitazione, deve raddoppiare, precedentemente unta passando semplicemente un tovagliolo di carta con un goccio d’olio. Coprite con pellicola oppure un canovaccio umido e procedete una volta raggiunto il raddoppio, circa 3 ore con questa dose di lievito.

PhotoGrid_1372612600359

A lievitazione raggiunta, accendete il forno in modalità statica a 250° e procedete a seconda delle pizze che avete deciso di fare.

Pizza al piatto:

Prendete una pezzatura d’impasto alla volta e il resto lasciatelo coperto. Infarinate leggermente l’asse e con le mani iniziate e stendere la pasta a cerchio, lasciando i bordi leggermente più alti. Se infornate su pietra refrattaria, potete lasciarle riposare sulla spianatoia, altrimenti appoggerete i dischi di pasta sulla teglia, avendo cura di spennellarla con olio (in alternativa potete anche spolverare le pizze con la semola, così non si attaccheranno). Copriteli nuovamente e lasciateli riposare altri 10 minuti, prima di farcire. Vi consiglio di non esagerare con il pomodoro, giusto un paio di cucchiai usando il dorso per stenderlo sulla pizza lasciando i bordi puliti, usate mozzarella che avrete fatto scolare durante la lievitazione e quello che preferite, verdure, prosciutto e funghi, ecc. Infornate le pizze, ci vorranno circa 7/8 minuti, dipende dal forno. Regolatevi in base alla doratura della mozzarella e controllate il fondo della pizza aiutandovi con un mestolo alzando un lembo, deve essere colorato. Sfornate e gustate. 

Per la pizza in teglia:

Spennellate la teglia con olio, facendo attenzione anche ai bordi (in alternativa potrete stendere la pizza sull’asse spolverandola con semola, così non attacca) ribaltate l’impasto  in teglia, ungetevi leggermente e mani e delicatamente stendete la pizza coprendo tutta la superficie. Copritela nuovamente e lasciate che l’impasto si rilassi per circa 10 minuti. Procedete con la farcitura, vi consiglio di non esagerare con il pomodoro, giusto 6/7 cucchiai e usate mozzarella che avrete fatto scolare per il resto usate la fantasia e seguite i vostri gusti. Infornate la pizza a 250° ci vorranno circa 13/14 minuti, dipende dal vostro forno. Regolatevi in base alla doratura della mozzarella e prima di sfornare controllate il fondo della pizza aiutandovi con un mestolo (alzate un lembo) il fondo dovrà essere colorato. Sfornate, tagliate e servite. 

Come dice quella li??? Ah si… cotto e mangiato!!! Buona serata! Eva

E seguiteci sulla nostra Fan Page su Facebook:

https://www.facebook.com/fablesdesucre

1011845_595507987149220_1415738685_n

 

Precedente Farfalle ai fiori di zucca e zafferano Successivo Tiramisu' con uova pastorizzate

46 commenti su “Pizza ricetta con lievito di birra

  1. luca il said:

    ciao,

    volevo chiederti, 1. non trovo la farina manitoba, che farina posso usare?

    io di solito uso tipo 65 di grano bio
    o quella fluida

    inoltre nella ricetta della pizza con lievito di birra, hai scritto, d’infornare la pizza, ma in che ripiano del forno?

    grazie ancora e complimenti per il blog

    • Sempreva il said:

      Luca, la manitoba la trovi in qualsiasi super, le farine di cui parli, non le conosco. Prova a vedere se c’è specificata al forza “il W”. La pizza al piatto la metto esattamente in mezzo, sulla pietra refrattaria. 😉

  2. VALERIA il said:

    Ottima pizza….ho provato diverse ricette …nessuna mi convinceva….questa è fantastica!!! le vostre ricette sono davvero una garanzia!!!!

  3. Letivi il said:

    quando si parla di lievito di birra a me viene in mente il panetto. i 7 gr li prendi da lì, oppure corrispondono alla bustina di lievito di birra disidratato? Sorry!! Ma le mie dosi classiche erano un cubetto e mezzo kg di farina!!
    Poi se voglio fare 2 teglie invece che una… ià dalle pieghe divido in due l’impasto? dici che venga troppo bassa e secca?
    Grazie… ma sono abituata con la pizza eva con pasta madre.. di cui attendo la mia nuova dose dallo spacciatore!! 😉

    • Sempreva il said:

      Si si parlo di ldb fresco, il cubetto, ne prendo solo un angolino! 😀
      Se vuoi la puoi dividere, cambieranno i tempi di cottura, vedi tu…

  4. ho bisogno di una dritta…posso utilizzare il lievito di birra in polvere?in che quantità?
    devo dare la ricetta a mia suocera che va in Africa per volontariato e potrebbe fare la pizza solo con lievito in polvere(lo porta dall’Italia).

    • Sempreva il said:

      Accidenti, sai che non l’ho mai usato? Ma mi pare di aver letto che va attivato con lo zucchero? Cmq credo che tu possa fare come dici… 🙂

  5. Manu il said:

    Ciao, vorrei provare a preparare la pizza, le vostre ricette sono una garanzia. Volendola preparare per questa sera, se la lasciò lievitare più delle 3 ore, cioè dalle 14 fino alle 17 e’ un problema? Metto meno lievito? Grazie

  6. Impastata alle 14,30 e mangiata alle 19,30 …
    Che dire se non “GRAZIE!”
    Dopo anni di prove finalmente una pizza fatta in casa come si deve.
    Dobbiamo però imparare meglio a cuocerla: forno a gas, in che piano la metto? A metà non si colorava mai sotto e allora l’ho abbassata di uno ed è andata meglio.

    • Sempreva il said:

      Ciao, io non ho esperienza con il forno a gas, vedrai che ti basteranno un paio di prove per trovare la giusta cottura. 😉

  7. Umberto il said:

    Questa sera l’ho fatta, visto che non potevo fare quella con lievito madre per motivi di tempo, Fantastica!!! Grazie ancora per le vostre meravigliose ricette!

  8. Jessica il said:

    Buongiorno, sto seguendo questa ricetta solo che l’ho impastata già alle 11 del mattino per ragioni di tempo e vorrei infornarla stasera…a lievitazione ultimata cosa faccio la tengo in frigo? grazie

  9. francesca il said:

    Ciao Eva!
    un’amica a cui ho passato la tua ricetta mi fa questa domanda: e’ possibile preparare l’impasto il giorno prima? come ci si comporta?

  10. Silvia il said:

    Buonasera Eva, ho provato a fare questa ricetta l’altra sera con alcune difficoltà durante la preparazione, cioè la massa era “nervosa”, non riuscivo a lavorarla bene e dopo la procedure delle 3 pieghe..era quasi impossibile da stendere! E dopo le 3 di riposo ore… non era cresciuta molto. Nonostante tutto,con mio grande stupore, la pizza era davvero buona e soffice diciamo il giusto… Può dipendere dalla farina, dall’acqua?Forse avrei dovuto aggiungerne ancora un po’? Grazie per le delucidazioni!

    • Sempreva il said:

      Ciao Silvia, dando per scontato che hai pesato tutto bene e seguito le dosi esatte del blog, sono molto perplessa. 😀
      L’impasto è morbido e comunque prima di essere steso in teglia va fatto lievitare, ossia raddoppiare, ed è ancora più soffice. Dove ti sei persa?

  11. Silvia il said:

    Ciao, anche io ero molto perplessa..non mi era mai capitata una cosa del genere! Le dosi erano giuste..almeno spero.Forse qualche mg in più di lievito ma per il resto era tutto pesato correttamente. Proverò a rifare la pizza e non vedo l’ora.. perché, nonostante tutto, il sapore era davvero buono! Grazie 🙂

  12. silvia il said:

    Ciao eva. Con questa ricetta posso fare anche una focaccia farcita con prosciutto e formaggio? Nel caso quando devo metterli: a crudo o qnd la.focaccia è già cotta tagliandola a metà, farcendola e poi mettendola di nuovo in forno?

    • Sempreva il said:

      Ciao Silvia, puoi fare in entrambi i modi, ma credo che se la farcisci prima di infornare sia molto più pratico. 🙂

  13. Marianna il said:

    Ciao Eva! Complimenti per tutto 🙂 Impastata la pizza, già sento dall’impasto che sarà ottima! Dubbi: per canovaccio umido si intende bagnato e strizzato bene? Le teglie in ferro blu vanno o non vanno bruciate a 400 gradi? E se il mio forno non ci arriva rinuncio?

    • Sempreva il said:

      Ciao Marianna, umido significa bagnato e strizzato bene. Le devi bruciare, ma puoi usare anche il forno di casa tua alla massima temperatura per una trentina di minuti circa. 🙂

  14. Francesca il said:

    Buongiorno. ..volendo fare una dose e mezza…i tempi di lievitazione cambiano?? È una cosa fattibile o rischio di rovinare tutto? L’ho già fatta con le dosi da voi indicate ed è venuta benissimo, ma era un pò pochina…grazie x la risposta

    • Sempreva il said:

      Ciao Francesca, certo che puoi, i tempi non cambiano perchè se fai una dose e mezza la dose di lievito resta sempre quella. 🙂

  15. Dotty il said:

    Grazie mille per questa ricetta! L’ho provata ieri ed è venuta una delle pizze più buone mai fatte!
    Complimenti anche per il blog, sempre curato e con ricette spiegate molto chiaramente… Ormai è diventato un punto di riferimento, grazie!

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.