Crea sito

Preboggion bollito con patate

Il preboggion bollito con patate è un contorno che ci porta indietro nel tempo. Un salto nel passato della nostra Liguria quando le donne sfruttavano in cucina tutto quello che l’orto e la natura offrivano.

Che cosa è il preboggion? Nel dialetto ligure si intende una selezione di erbe selvatiche (la cui composizione cambia a seconda delle stagioni), raccolte e poi bollite, usate per minestre, frittate, torte pasqualine e per il ripieno dei pansoti con la salsa di noci.

Il nome deriva probabilmente dal termine dialettale pre-boggî cioè “bollire prima” perché queste piante, per essere utilizzate nel ripieno, devono essere bollite. Una credenza popolare invece, rimanda l’etimologia di preboggion a un fatto risalente all’epoca delle Crociate quando il condottiero Goffredo di Buglione, malato, fu curato appunto con erbe selvatiche appena raccolte (pe-buggiun/per Buglione).

La raccolta dei prodotti spontanei è antica e intrecciata con la nostra storia popolare. Purtroppo è sopravvissuta solo in pochissime cucine regionali anche perché, oggi, solo poche persone sanno riconoscere con sicurezza le erbe commestibili.

La Liguria ha mantenuto le sue origini e anche ai giorni nostri si sta recuperando questa tradizione anche nella ristorazione di qualità. Purtroppo, il preboggion è diventato un prodotto “prelibato” perché difficile da trovare. Io lo cerco nei mercatini biologici o direttamente dai produttori, come la mia amica Valeria.

Quando penso al preboggion penso alle donne che un tempo per rimediare il pranzo e la cena uscivano nelle fasce terrazzate, vicino agli orti e in mezzo agli ulivi per raccogliere le erbe che trovavano. Non esiste una composizione fissa per il preboggion, perché dipende dalla stagione e dal luogo. Le migliori erbette sono quelle primaverili, nate dopo abbondanti piogge e quando il sole inizia a scaldare il terreno. 

In molti mi avete chiesto le specie; vi cito le più importanti con il relativo nome latino, l’unico inequivocabile:

Amarago ( Urospermum dalechampii),
Bietola di prato ( Beta vulgaris),
Borragine o boraxe ( Borago officinalis),
Cicoria o radicion (Cichorium intybus),
Dente di leone ( Leontodon hispidus),
Grattalingua (Reichardia picroides),
Ortica (Urtica dioica) ,
Papavero  (Papaver rhoeas),
Radicchio selvatico o dente de coniggio (Hyoseris radiata),
Raperonzolo ( Campanula rapunculus) ,
Silene o erba de cinque coste (Silene vulgaris)
Tarassaco detto anche Dente di cane e Piscia in lettu ( Taraxacum officinale)
Cicerbita o scixerboa ( Sonchus oleraceus)
Pimpinella o erba noxe ( Sanguisorba minor)

In questa ricetta, vi propongo di assaggiarlo nel modo più semplice: bollito e accompagnato dalle patate schiacciate e condito con olio evo, sale e, se vi piace, un po’ di limone… sarà un viaggio nei sapori di un tempo, semplici e genuini!

Contorno di preboggion
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti

  • 800 gpreboggion (misto erbe selvatiche)
  • 3patate
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • q.b.succo di limone

Strumenti

  • Pentola a pressione o normale
  • Scolapasta
  • Forchetta
  • Spremiagrumi
  • Pentola
  • Tagliere e coltello

Preparazione

  1. Contorno di preboggion

    Pulire bene tutte le erbe spontanee del preboggion, togliendo le radici, i gambi e le foglie rovinate e dure. Lasciare pure i fiori! Lavarle più volte sotto l’acqua corrente per eliminare tutta la terra.

    Scottarle per alcuni minuti in acqua bollente. Bastano 5 minuti se sono molto tenere mentre allungate un po’ i tempi se hanno foglie più grandi. Scolarle e passarle qualche secondo sotto l’acqua fredda per fissare il colore.

    Attenzione: è importante non stracuocere le erbe e non trasformarle in una purea.

    Nel frattempo cuocere nella pentola a pressione per 15 minuti anche le patate lavate ma con la buccia. In pentola normale raddoppiate i tempi. Scolarle, spellarle e schiacciarle con la forchetta.

    Unirle al preboggion bollito, strizzato con le mani e tagliuzzato con il coltello.

    Condire il preboggion con patate a piacere con olio extravergine di oliva, sale e limone. Servire tiepido.

Consigli e altre ricette

 Come pentola a pressione, uso la Lagostina Clipso Perfect Pentola a Pressione con Timer

Leggete anche la ricetta dei pansoti alla genovese, della frittata di preboggion, dei taglierini alle ortiche, il risotto al tarassaco e della torta salata di tarassaco.. .

Potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.