Crea sito

Involtini di pesce spada con capperi, pangrattato e pecorino

Gli involtini di pesce spada con capperi, pangrattato  e pecorino sono un secondo piatto molto saporito, nutriente e sfizioso. Nel periodo di pesca di questo pesce, da marzo a dicembre, li cucino volentieri, soprattutto se dal mio pescivendolo di fiducia, trovo il pesce spada di Oneglia (Imperia) a km0, o quasi. E’ un piatto molto comodo quando si hanno ospiti perché si può preparare in anticipo e riscaldare sul momento. Inoltre non ha spine ed è adatto anche ai bambini. Di pesce spada mi sono occupata tanto in Commissione Pesca del Parlamento Europeo perché l’ICCAT ha stabilito norme per la conservazione, la gestione e il controllo degli stock di questa specie considerata a rischio nel Mediterraneo. In particolare, oltre al fermo pesca, si è deciso di inserire le cosiddette quote di pesca. Un sistema giusto ma che va applicato con equità, non come è avvenuto con il tonno rosso. Per questo motivo ho fatto numerose battaglie per difendere la nostra pesca artigianale. In questi anni ho conosciuto tantissimi pescatori, in tutta Italia e anche in altri paesi europei. Ognuno di loro mi ha insegnato qualcosa e alcuni mi hanno “regalato” le loro ricette. Ringrazio Luca Greco, un pescatore ligure, che mi ha inviato la ricetta delle braciole di pesca spada alla messinese che io ho rivisitato a modo mio e che vi propongo in questa ricetta. Spero che vi piaccia!

  • DifficoltàBassa
  • CostoAlto
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 12 fettePesce spada (fettine sottili)
  • 50 gPangrattato
  • 50 gPecorino (grattugiato)
  • q.b.Basilico
  • 30 gCapperi sotto sale
  • 20Pomodorini
  • qualcheOlive denocciolate
  • 1 spicchioAglio
  • q.b.Olio EVO
  • qualchePinolo
  • q.b.Buccia di limone bio
  • q.b.Vino bianco
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe bianco (Facoltativo)

Preparazione

  1. Adagiare le fettine di pesce spada su un tagliere.  

  2. Preparare un trito di basilico, capperi dissalati sotto l’acqua fredda e strizzati, due pezzetti di buccia di limone. Mescolare il trito in una ciotola con il pangrattato e il pecorino.

  3. Mettere un po’ del composto sulle fettine di pesce e arrotolarle su se stesse. Fissare con uno stecchino.

  4. Mettere a rosolare l’olio con lo spicchio di aglio (io uso quello di Vessalico). Aggiungere gli involtini e farli dorare per 3 minuti, rigirandoli una volta. Spruzzare di vino bianco. Far evaporare e poi aggiungere tutti gli altri ingredienti (pomodorini tagliati in 4, pinoli, olive) e far cuocere per 7/8 minuti a fuoco vivace.. Aggiustare di sale e pepe. Servire 3 involtini a testa con un contorno di insalata o verdure crude.

Niente avanzi

Se vi avanza un po’ di composto di pangrattato e pecorino potete unirlo al resto nella padella… renderà il sughetto ancora più saporito.

Altre ricette

Potrebbero interessarvi anche: le acciughe impanate e fritte alla ligure, gli involtini di pesce spada, le frittelle di baccalà e il sugo veloce di acciughe fresche e pomodorini.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su YouTubeFacebookInstagramPinterestTwitter Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.