Crea sito

Faraona in casseruola al limone e rosmarino

La faraona in casseruola al limone e rosmarino è un secondo piatto semplice ma molto originale che sorprenderà i vostri ospiti.

Il sapore piacevolmente selvatico e le sue carni tenere, rendono la faraona un’alternativa perfetta alle più comuni carni avicole tradizionali. Dal punto di vista gustativo, la carne di faraona risulta una via di mezzo tra quella del fagiano e quella del pollo o del tacchino.

Nel blog, ogni tanto vi proporrò (come mia politica in cucina) qualche ricetta che utilizzi carni, pesci, ortaggi e frutti meno tradizionali ma altrettanto buoni. Variare gli alimenti, oltre a fare bene alla nostra salute, fa bene anche all’ambiente perché così evitiamo di consumare sempre gli stessi prodotti magari provenienti da agricoltura o allevamenti intensivi.

Ho comprato questa faraona ad un mercatino biologico di Genova, proprio questo sabato con l’idea di proporvi questo secondo piatto un po’ diverso dal solito.

La preparazione di questa ricetta è, come vedrete, molto semplice e si prepara con ingredienti davvero basilari capaci, però, di aromatizzare molto le carni. Il limone e il rosmarino si sposano benissimo con questa carne e la insaporiscono in modo ottimale.

Potete provarla adesso e, se vi piace, riproporla a Natale visto che la faraona è un piatto tradizionale delle Feste. Buona prova!

Faraona
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1Faraona (tagliata a pezzi)
  • 3Limoni (succo e scorza grattugiata)
  • 2Rametti di rosmarino
  • 1 spicchioAglio
  • q.b.Brodo vegetale (caldo)
  • q.b.Sale e pepe
  • q.b.Olio EVO

Strumenti

  • Casseruola
  • Spremiagrumi
  • Grattugia

Preparazione

  1. Faraona

    Grattuggiare la scorza dei limoni dopo averli lavati ed asciugati. Spremere il succo e tenere tutto da parte.

    Lavare i pezzi di faraona. Se ha ancora qualche piuma sbruciacchiarla sul fuoco del fornello, facendo attenzione a non bruciarsi.

    Nella casseruola mettere a soffriggere l’olio con lo spicchio d’aglio, i rametti di rosmarino e metà scorzette di limone grattugiate.

    Dopo due minuti disporre la faraona con la parte della pelle direttamente nell’olio bollente, sfrigolerà e perderà i suoi grassi. Farla rosolare 5 minuti. Poi mettere sale e pepe, il succo di limone e il resto delle scorze. Far evaporare un po’ e bagnare con un mestolo di brodo.

    Cuocere con il coperchio a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto per 30/40 minuti. 10 minuti prima che sia cotta, se c’è troppo liquido togliere il coperchio e far evaporare. Rimarrà un bel sughetto gustoso e un po’ denso.

    Servire calda accompagnata da un cortorno di verdura. Noi l’abbiamo mangiata con fagiolini bolliti e cipolline in agrodolce.

Altre ricette e social

Potrebbero interessarvi anche faraona al forno con patate, quaglie in padella, scaloppine al limone, polpette al limone e coniglio alla ligure.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.