Sciroppo di mele

Da un po’ di tempo mi sono interessato molto alla cucina senza: parlo di ingredienti che normalmente introduciamo nella nostra alimentazione e che per qualcuno invece rappresentano un vero cruccio a causa di intolleranze o patologie. Glutine, sale, burro e, non per ultimo, lo zucchero sono degli ingredienti non impossibili da sostituire.

Oggi ho deciso di parlarti dello sciroppo di mele. Si tratta in buona sostanza di un liquido dalla consistenza viscosa che si ottiene semplicemente dal succo delle mele, e quindi non ha zuccheri aggiunti. Ho visto che in molti infatti utilizzano il saccarosio per ottenere lo sciroppo di mele. Certo la situazione diventa più semplice, la consistenza si ottiene anche più facilmente. Ma non sono d’accordo. Perché usare lo zucchero quando si può fare senza? Quindi se stavi cercando uno sciroppo di mele senza aggiunta di zuccheri sei capitato nel posto giusto! Ti suggerisco due versioni per realizzarlo, una è descritta nel box consiglio in fondo alla pagina. L’altra invece è quella con cui ho realizzato questa ricetta.

Sei pronto ad insaporire i tuoi dolci con lo sciroppo di mele? Basterà sostituire il miele per guarnire i tuoi pancakes della domenica, dei biscotti da inzuppare la mattina o dei soffici muffin! Chissà, magari sarai tu a darmi qualche ricetta.

Intanto ti ho parlato della ricetta dello sciroppo di mele, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!

Gio’

ricetta sciroppo di mele, peccato di gola di giovanni
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    Dosi per 285 grammi di prodotto
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Mele stark 500 g
  • Amido di mais (maizena) 15 g
  • Limoni (biologico) 1

Preparazione

  1. Per preparare lo sciroppo di mele cominciamo da queste ultime. Dopo averle lavate per bene, dividile a metà o a pezzi grossi, ricordando di eliminare il torsolo. Man mano raccogli i pezzi in una ciotola e cospargi le mele con il succo di limone, facendo attenzione a non aggiungere i semini. Quindi trasferisci il tutto in una centrifuga o l’estrattore se ce l’hai e ottieni il succo.

    Sciroppo di mele, peccato di gola di giovanni 1
  2. Per ottenere un succo liscio e privo di polpa il composto andrà filtrato. Posiziona all’interno di un recipiente un colino a maglie strette e al suo interno un canovaccio pulitissimo (vale a dire lavato, possibilmente con detergenti naturali o addirittura senza). Versa il composto e lascialo scolare per un’oretta. Trascorso il tempo strizza bene la purea perché uscirà ancora un bel po’ di siero. in totale dovresti riuscire ad ottenere circa 300 grammi di succo filtrato. In un pentolino setaccia l’amido di mais

    Sciroppo di mele, peccato di gola di giovanni 2
  3. e poi versa il succo di mele a filo mentre mescoli con una frusta, eviterai così la formazione di grumi. Trasferisci il tutto sul fornello e mescola di continuo per circa 2 – 3 minuti o comunque finché non senti e vedi che la consistenza sta cambiando. Non appena te ne accorgi spegni subito, il composto risulterà fluido e viscoso. La quantità è all’incirca di 285 grammi.

  4. Trasferisci in un recipiente, meglio se è di quelli con la guarnizione, ed ecco pronto il tuo sciroppo di mele.

    ricetta sciroppo di mele, peccato di gola di giovanni 2

I consigli di Giovanni

  • Un modo alternativo per ottenere il composto senza l’aggiunta di amido di mais è quello di cuocere per molto tempo lo sciroppo, sarà più concentrato e il suo colore risulterà molto intenso;
  • Una differente varietà di mela può restituire una quantità di succo differente, inoltre anche a livello di dolcezza ci sarà differenza;
  • Lo sciroppo di mele si conserva in frigorifero, la sua consistenza diventerà simile ad una gelatina, perciò potrai utilizzarla così oppure stemperarla in poche gocce di un composto caldo come gocce di acqua o latte.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.