NZUDDI, BISCOTTI TIPICI SICILIANI

Da diverso tempo avevo in mente l’idea di preparare in casa alcuni dei dolciumi tipici siciliani relativi al periodo della festa di Ognissanti e della Commemorazione dei defunti. Eh si, perché in prossimità di queste ricorrenze, ogni bar o pasticceria che si rispetti, soprattutto del catanese e messinese, offre una varietà veramente incredibile e golosa di prodotti da forno, prime tra tutte le famose rame di Napoli, da noi chiamate anche nucatole! Io però, approfittando della prima uscita della Rubrica Il Granaio del mese di Novembre, proverò a tentarvi con un’altra tipologia di biscottoni secchi dalla consistenza morbida e leggermente friabile, e dal sapore armoniosamente speziato, tra cannella, chiodi di garofano, scorze candite di arance e cedro e mandorle tostate. Una delizia per veri intenditori! Si chiamano n’zuddi, un nome che sembrerebbe derivare da “Vincinzuddu” ovvero Vincenzo in dialetto siciliano, poiché venivano preparati anticamente proprio dalle suore Vincenziane a Catania. Ovviamente, potrete realizzarli anche per occasioni al di fuori del periodo tipico, tant’è che sono spesso serviti come dolce di fine pasto o gustati, com’è consuetudine dei catanesi, accompagnandoli soprattutto con liquori altrettanto aromatici come lo zibibbo o il vino Passito di Pantelleria. Io li gusto persino il pomeriggio con infusi e tisane dal sapore intenso ed avvolgente e vi assicuro che mangiato uno, non potrete fare a meno di gustarne un altro!

  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni20 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti:

Ingredienti per l’impasto:

250 g farina 00
100 g mandorle (tostate con la pellicina)
90 g zucchero
30 g acqua (all’occorrenza)
2 uova
20 g scorze d’arancia candita (o marmellata di arance)
10 g scorze di cedro candito (da sostituire sempre con marmellata di arance)
1 cucchiaio miele di arancio
2 g chiodi di garofano
1/2 cucchiaino cannella in polvere
1 cucchiaino ammoniaca per dolci (o lievito per dolci)

Ingredienti per la rifinitura:

3 cucchiai zucchero
2 cucchiai farina
20 mandorle

Strumenti

Passaggi:

Iniziate tostando le mandorle qualche minuto in un padellino, senza farle bruciare (fig. 1).

Trasferitele in un cutter e tritatele a più riprese ma abbastanza grossolanamente (fig. 2 e 3).

In un mortaio, riducete in polvere i chiodi di garofano (fig. 4).

In una terrina unite lo zucchero, la farina precedentemente setacciata con il lievito e le mandorle tostate tritate (fig. 5). Quindi aggiungete anche i chiodi di garofano polverizzati e la cannella e mescolate bene (fig. 6).

Incorporate le scorze tritate di arancia e cedro, le uova, il miele e l’acqua solo a necessità, impastando il tutto con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo e dalla consistenza abbastanza soda ma lievemente appiccicosa (fig. 7). Staccate dall’impasto dei tocchetti poco più grandi di una noce e, con le mani sempre ben umide, modellateli (fig. 8).

Passate ciascuna pallina nel mix di zucchero e farina (fig. 9), dandogli una forma più o meno circolare allargata e dello spessore di 1 cm circa. Trasferite gli ‘nzuddi su una teglia rivestita con carta da forno e collocatevi una mandorla intera al centro (fig. 10).

Infornate i biscotti in forno preriscaldato a 170°C per 15′ circa in modalità statica, quindi fateli raffreddare bene sopra una gratella (fig. 11).

Potrete servirli anche con dello zucchero a velo sopra a piacere, ma è assolutamente facoltativo.

E voilà…i vostri nzuddi siciliani sono pronti per essere gustati!

Buon Appetito dalla Cucina di FeFè!

Conservazione

👉Potete conservare gli nzuddi siciliani per parecchi giorni ben chiusi in scatole di latta, oppure in un sacchetto ben sigillato.

LA RUBRICA

Il GranaioBaking time, é la rubrica che ogni primo e terzo giovedì del mese propone un paniere ricco di incredibili ed irresistibili idee, tante ricette che potrete andare a vedere, visitando le pagine ufficiali di FacebookInstagram e anche Pinterest

Se siete amanti della cucina come noi, vi invitiamo ad allacciarvi il grembiule e a replicare le nostre ricette! Se lo farete, mi raccomando, non esitate a scriverci per consigli e suggerimenti, e a farci sapere se vi sono piaciute! 

Edvige: Babà

Micaela: Focaccia dolce alla zucca

Sabrina: Focaccia al cacao

Simona: Bundt cake ai cachi con yogurt e limone

Zeudi: Focaccia alle olive (con lievito di birra)

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

10 Risposte a “NZUDDI, BISCOTTI TIPICI SICILIANI”

  1. Le ricette tradizionali quelle che poi arrivano dei conventi sono tutte spettacolari! Personalmente apprezzo sempre molto il passo passo e non mi stanco mai di ringraziarti per farcelo vedere. Io li Puccio nel vino liquoroso altro che tisana 🤪

    1. Simo, ti devo dare ragione su tutti i fronti! Le ricette che si realizzavano nei conventi, in parte purtroppo perdute, sono un patrimonio da salvaguardare. Per quel che riguarda il pucciare, io purtroppo sono quasi astemia per un mio problema di salute altrimenti anch’io ci andrei sotto con lo zibibbo 😉😂👌

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.