Crea sito

Polpette di patate siciliane

Le polpette di patate siciliane sono una ricetta tradizionale sfiziosa e saporita, che richiama immediatamente la cucina delle nonne, quella genuina che non passa mai di moda. Croccanti fuori e morbide dentro, le polpette di patate siciliane sono ottime come antipasto o come contorno, ma sono perfette anche da servire come stuzzichino salato durante aperitivi e buffet.

La polpette di patate siciliane sono costituite da ingredienti semplici – patate lesse, formaggio, uova, pangrattato – che combinati insieme regalano un sapore unico. Prepararle non è difficile, ma richiede alcuni accorgimenti, soprattutto nel rispettare i tempi di riposo, che garantiscono una riuscita perfetta soprattutto nel passaggio più delicato, ossia la frittura, che deve avvenire in poco olio extravergine di oliva.

polpette di patate siciliane ricetta originale crocchette fritte che non si rompono il chicco di mais
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo6 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la versione senza glutine ho usato un pangrattato glutenfree

Per circa 20 polpette di patate

  • 1 kgPatate
  • 100 gCaciocavallo
  • 80 gPangrattato (circa)
  • 2Uova (medie)
  • 1 spicchioAglio
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • 1/2 cucchiainoSale
  • q.b.Pepe

Per impanare e friggere

  • q.b.Pangrattato
  • 70 gOlio extravergine d’oliva (circa)

Strumenti

  • Schiacciapatate
  • Ciotola
  • Padella
  • Cucchiaio
  • Grattugia
  • Coltello

Come preparare le polpette di patate siciliane

  1. Per preparare le polpette di patate siciliane iniziate ovviamente lessando le patate. Per evitare di dover poi aggiungere molto pangrattato è bene che le patate assorbano meno acqua possibile durante la cottura. Il metodo a mio parere migliore è lessarle nel microonde senza acqua (QUI trovate le istruzioni dettagliate); se non avete il microonde lessatele intere e con la buccia in acqua bollente per circa 40 minuti (se usate la pentola a pressione basteranno 20 minuti).

  2. polpette di patate siciliane ricetta originale crocchette fritte che non si rompono il chicco di mais 1 lessare le patate

    Pelatele e schiacciatele con uno schiacciapatate (1). Se non avete lo schiaccipatate potete usare un passaverdure o una semplice forchetta. Aggiungetevi sale, pepe e il formaggio grattugiato (2). Mescolate bene il tutto. Sbucciate lo spicchio di aglio, eliminate il cuore che è la parte più indigesta e tritatelo finemente, oppure schiacciatelo con lo schiacciaglio; unitelo quindi alle patate insieme al prezzemolo tritato e alle uova (3).

  3. polpette di patate siciliane ricetta originale crocchette fritte che non si rompono il chicco di mais 2 preparare l'impasto

    Impastate il composto con un cucchiaio finché le uova non saranno ben amalgamate, aggiungete quindi il pangrattato (4) e incorporatelo accuratamente (5). La quantità di pangrattato da aggiungere all’impasto può variare sensibilmente in base alla qualità delle patate, a quanta acqua hanno assorbito in cottura e anche alla grandezza delle uova. È bene quindi aggiungerlo poco a poco e regolarsi in modo da ottenere un composto abbastanza consistente e che si possa manipolare facilmente (6).

  4. polpette di patate siciliane ricetta originale crocchette fritte che non si rompono il chicco di mais 3 preparare le polpette

    Coprite la ciotola con una pellicola e fatela riposare in frigorifero per almeno 4 ore, se avete tempo anche tutta la notte. In tal modo sarà più semplice dare forma alle polpette di patate siciliane. Una volta trascorso il tempo di riposo riprendete l’impasto dal frigorifero e prelevatene una bella cucchiaiata. Dategli una forma leggermente ovale e schiacciata (7), quindi passate la polpetta nel pangrattato, facendo in modo che aderisca bene su tutta la sua superficie (8). Procedete in questo modo fino all’esaurimento dell’impasto. Una volta formate le polpette di patate siciliane disponetele su un vassoio, copritelo con un canovaccio pulito e fatele riposare in frigorifero per almeno 2 ore. In questo modo, friggendole ben fredde, sarà più difficile che si rompano in cottura. Prendete una padella e versatevi tanto olio extravergine di oliva quanto basta per coprirne abbondantemente il fondo (9).

  5. polpette di patate siciliane ricetta originale crocchette fritte che non si rompono il chicco di mais 4 friggere le polpette

    Mettete la padella sul fuoco e fate scaldare molto bene l’olio; friggetevi quindi le polpette di patate siciliane poche per volta, per non abbassare troppo la temperatura dell’olio (10), 2-3 minuti. Giratele delicatamente aiutandovi con due cucchiai e fatele cuocere anche dall’altra parte per un paio di minuti (11). Scolatele e fatele asciugare su un foglio di carta da cucina (12). Procedete in questo modo a friggere il resto delle polpette, sempre poche per volta.

  6. Servite le polpette di patate siciliane ben calde, come antipasto o come contorno.

Conservazione

  1. Le polpette di patate siciliane andrebbero consumate appena cotte, ma se avanzano potete conservarle ben coperte in frigorifero per un giorno.

Varianti

  1. Come spesso accade per le ricette tradizionali, le polpette di patate siciliane si possono gustare in tante piccole varianti a seconda delle zone della Sicilia: nel palermitano, ad esempio, hanno una forma più allungata (li chiamano ‘cazzilli’) e sono preparate senza uova. Ingrediente fondamentale per insaporire l’impasto delle polpette di patate siciliane è il formaggio: in molte ricette si usa il caciocavallo ragusano, in altre un formaggio pecorino semistagionato. Per quanto riguarda le erbe aromatiche, oltre al classico prezzemolo, in alcune zone si usa la menta.

Restiamo in contatto

Se ti è piaciuta la ricetta delle polpette di patate siciliane segui il Chicco di Mais anche su FacebookInstagram e Pinterest mentre QUI trovi tutte le ricette della cucina siciliana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.