Medaglioni di melanzane ripieni

Medaglioni di melanzane

Le melanzane stanno bene davvero con tutto. Noi sul blog ne abbiamo svariate versioni, ma i medaglioni di melanzane ripiene ci mancavano, era nostro compito rimediare. Sto scherzando, le ho fatte per pranzo e mi sembrava brutto mangiarle senza lasciare un segno sul blog. Anche se fotografare questi medaglioni davvero poco fotogenici mi aveva quasi convinta a lasciar perdere. Cerchiamo quindi di concentrarci sul sapore più che sul loro aspetto. 😉 Sono croccanti fuori e con un cuore filante, ditemi se non vale la pena chiudere un occhio e provare a farli. 😉

MEDAGLIONI DI MELANZANE: 

(Dose per 2 persone)

  • 1 melanzana grande
  • 2 pomodori ramati
  • 100 gr di formaggio filante
  • 5/6 foglie di basilico
  • 30 gr di grana grattugiato
  • 300 gr circa di pan grattato
  • 2 uova intere
  • Sale
  • Olio di semi per friggere

Per prima cosa, laviamo le melanzane, prendiamole una per volta e poggiamola su un tagliere, con un coltello da cucina, liscio, tagliamo la melanzana nel senso della larghezza a fettine rotonde dello spessore di 4 mm, circa. Poggiamo queste fette a strati in un colino, o scolapasta, e ricopriamo ogni strato di sale grosso. Coprite il tutto con un piatto e poggiatevi sopra un peso, in maniera da tenere il tutto premuto. Lasciatele sgocciolare per 1 ora.
Quest’operazione servirà a togliere il retrogusto amarognolo tipico delle melanzane, se vi piace potete saltare il passaggio. Passata l’ora sciacquatele, strizzatele delicatamente senza romperle e poggiatele sopra della carta assorbente da cucina e tamponatele per asciugarle.

Nel mixer a parte mettete il pan grattato, il grana grattugiato e le foglie di basilico e mixate ottenendo così un pangrattato per impanare i medaglioni di melanzane saporito e profumato. Nel frattempo tagliate anche i pomodori a fette sottili e il formaggio filante e poneteli da parte.

12005932_1014798225220192_1682843341_o

Iniziate a formare i medaglioni di melanzane, dovete prendere due “dischi” di melanzane (possibilmente della stessa misura) farciteli con una fetta di pomodoro e una fetta di formaggio, premete leggermente per tenerli attaccati insieme e passateli prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato aromatizzato al basilico, premendo bene per farlo aderire e chiudere perfettamente i medaglioni. 
Ponete a scaldare l’olio di semi, per una frittura croccante e asciutta dovrà essere abbondante e molto caldo (180°C circa). Io uso sempre olio di semi d’arachidi per la frittura, ma voi potete usare quello che preferite, anche olio EVO se è vostra abitudine. Per verificare la temperatura dell’olio, dopo qualche minuto provate ad immergere la punta di uno stuzzicadenti: se “sfrigola” e si riempie di bollicine l’olio è pronto per la cottura. Immergete qualche medaglione di melanzane alla volta, per non abbassare troppo la temperatura dell’olio e rigirateli su ogni lato. Quando saranno ben dorati, prelevateli con una schiumarola e appoggiateli su carta assorbente da cucina per togliere l’eccesso d’olio.
Servite i medaglioni caldi e fragranti. 

I miei figli non si sono nemmeno accorti che stavano mangiando melanzane…. hihihihi…. 😀 
Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Fanpage di Facebook e nel gruppo Pasticciando con i Fables, passate a trovarci vi aspettiamo. Eva

 

 

Precedente Polpette di zucchine Successivo Melanzane sott'olio alla pugliese senza cottura

4 commenti su “Medaglioni di melanzane ripieni

  1. francesca il said:

    mmmmm che bontà!!!!!!!!!!!!!
    Eva cara, come li vedi fatti di zucchine? magari quelle tonde….a maritozzo le melanzane sono le uniche cose che non piacciono ma a me sì!!!!!!!!! magari fare un po’ e un po’…..

  2. Quando si parla di melanzane, vale la pena sempre! Io li preparo solo con ripieno di prosciutto e mozzarella, ma anche l’aggiunta dei pomodori ha un suo perché.

    • Sempreva il said:

      Si certo Paola, ogni tanto cerco di proporre ai miei bimbi piatti senza carne, affettati, ecc… da qui la mia scelta. 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.