Sugo ligure con testa di rana pescatrice

Il sugo ligure con testa di rana pescatrice è una di quelle ricette semplici, dal sapore antico, quando non si buttava via nulla e con gli scarti si cucinavano delle vere e proprie prelibatezze. Questa, vi assicuro, che lo è!

L’emergenza ambientale ormai è un dato di fatto in tutto il mondo. Tra problemi che mi stanno più a cuore è lo stato di pericolo in cui versa la natura intesa come biodiversità.

Per migliorare la situazione, dobbiamo cambiare le nostre abitudini alimentari anche sul consumo di prodotti ittici, scegliendo pesci che arrivano dalla pesca sostenibile: individui adulti, provenienti dal mare più vicino e che abbiano una provenienza certificata MSC (Marine Stewardship Council), ASC (Aquaculture Stewardship Council) oppure biologica. 

La rana pescatrice è un pesce squisito, non troppo comune sulle nostre tavole e la cui pesca non è ancora regolamentata. Per questa ragione bisogna consumarla con moderazione e, soprattutto, non sprecare nulla.

Questa ricetta è una soluzione eccezionale per cucinare un sughetto super gustoso partendo dagli scarti, in particolare dalla testa, che in questo pesce è anche molto grande e sprecarla sarebbe un vero peccato. Chiedete al vostro pescivendolo di conservarvi la testa di questo pesce e porterete in tavola dei primi piatti super squisiti…

Sugo ligure con testa di rana pescatrice
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 10 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti

1 testa di rana pescatrice
350 g passata di pomodoro
1 spicchio aglio senza anima
q.b. prezzemolo
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
1 bicchierino vino bianco secco

Strumenti

1 Tagliere
oppure Tritatutto
1 Coltello
1 Casseruola
1 Cucchiaio di legno

Passaggi

Tritare aglio e prezzemolo con il coltello o con il tritatutto.

Rosolare in un’ampia casseruola con olio evo per due minuti a fuoco medio e poi adagiarvi anche la testa della rana pescatrice (a pezzi o intera).

Insaporire qualche minuto poi sfumare con vino bianco. Far evaporare l’alcol e aggiungere la passata di pomodoro e un po’ di sale.

Chiudere con il coperchio e cuocere a fuoco basso per un’ora. Spegnere, togliere con un cucchiaio grande i pezzi della testa e adagiarli su un tagliere per levare le ossette e recuperare la carne da rimettere in casseruola con il sugo. Questo lavoro va fatto con le mani (attenti a non bruciarvi) e con un po’ di pazienza ma ne vale la pena!

Riaccendere il fuoco e far asciugare il sughetto per qualche minuto. Utilizzare per condire pasta fresca o secca.

Sugo ligure con testa di rana pescatrice

Altre ricette e social

Potrebbe interessarvi anche:  rana pescatrice al forno con patate, rombo al fornopescatrice in umido con i piselliseppie con i piselli, involtini di sogliolabaccalà arracanatofrittelle di baccalàstoccafisso alla ligurecalamari ripieni e seppie con i carciofi.

Per questa ricetta ho utilizzato il buonissimo olio extravergine di oliva di Olio Roi.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.