Melanzanine genovesi ripiene – ricetta vegetariana

Le melanzanine genovesi ripiene sono una tipica ricetta estiva della tradizione ligure che qui vi propongo in chiave vegetariana con la ricotta ma che, se volete, potete preparare anche secondo la versione classica delle verdure ripiene alla genovese.

Si possono proporre come antipasto oppure come secondo piatto leggero e saporito con un contorno di verdure crude.

Per prepararle l’ideale sarebbe trovare (cosa non facile) le melanzane tonde genovesi, una varietà di piccole dimensioni con frutti tondeggianti, viola scuro e lucidi. Sono le stesse, molto ricercate, che a fine stagione vengono raccolte di dimensioni molto piccole per essere confezionate sott’olio e conservate per l’inverno.

La ricetta può essere preparata anche con melanzane più grandi che potete eventualmente tagliare in 4 parti; prima a metà per il verso della lunghezza e poi a metà per la larghezza.

A proposito della bontà di questo piatto, conoscete Barudda? Si tratta di una maschera genovese, un burattino oriundo dalle guance rosse con una smodata passione per il buon vino e con un carattere passionale e facile ad infiammarsi. In una sua storia popolare si racconta che, dopo aver compiuto un gesto eroico, chiese come premio un tegame di melanzane ripiene. 😉

Melanzanine ripiene - ricetta vegetariana
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 15melanzanine genovesi
  • 100 gricotta
  • 30 gparmigiano grattugiato
  • 1uovo
  • q.b.maggiorana fresca
  • sale e pepe
  • olio evo
  • pangrattato

Strumenti

  • Pentola
  • Scolapasta
  • Teglia
  • Ciotola
  • Cucchiaino
  • Cucchiaio
  • Coltello

Preparazione

  1. Melanzanine ripiene - ricetta vegetariana

    Lavare sotto l’acqua corrente le melanzanine ed eliminare ogni traccia di terra e di sporco.

    Tagliarle a metà per il verso della lunghezza, lasciando il picciuolo.

    In una pentola capiente bollire dell’acqua salata e quando bolle tuffarci le mezze melanzanine e farle cuocere per 5 minuti.

    Scolarle e passarle sotto l’acqua fredda.

    Con un cucchiaino scavare la polpa interna e creare delle barchette. Mettere la polpa in una ciotola.

    Aggiungere la ricotta, il parmigiano, l’uovo, le foglioline di maggiorana, sale e pepe e amalgamare bene con un cucchiaio.

    Si otterrà una farcia morbida con cui riempire le barchette di melanzana con l’aiuto di un cucchiaino.

    Disporre le melanzanine ripiene su una teglia unta di olio evo (o coperta con carta forno).

    Spolverare la superficie delle barchette con il pangrattato e irrorare con un filo d’olio.

    Infornare in forno statico a 180°C per circa 30 minuti.

    Togliere dal forno, lasciare intiepidire e servire con una bella insalata di stagione.

Altre ricette

Potrebbero interessarvi anche le verdure ripiene alla genovese, il polpettone con gli avanzi, le zucchine ripiene di tonno, le zucchine tonde ripiene, le melanzane alla pizzaiola e le verdure gratinate al forno.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.