Crea sito

Acciughe impanate e fritte alla ligure

Le acciughe impanate e fritte… basta nominare e pensiamo subito alla Liguria, al suo mare, ai suoi meravigliosi borghi. In Liguria, la pesca delle acciughe è una tradizione antica. Di pesca sostenibile mi sono occupata tanto in questi anni in Europa e ve ne parlerò sicuramente spesso nel blog. La nostra pesca artigianale (messa in seria difficoltà dalla concorrenza della grande pesca industriale e da alcune regole burocratiche complicate) è sicuramente un settore da sostenere e lo possiamo fare anche noi, come consumatori, scegliendo i prodotti giusti. Il pesce fresco a km0, ad esempio, è sicuramente una scelta ecologica. Ma adesso torniamo al nostro piatto. Se vi piace il fritto di pesce dovete assolutamente provare questa ricetta. Le alici fritte sono un secondo (o un antipasto) semplice ed economico ma molto saporito. La loro crosticina croccante è deliziosa e quando si comincia a mangiarle “una tira l’altra”. Provatele!!!!!  

Acciughe impanate e fritte
  • DifficoltàBassa
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgAcciughe freschissime
  • 3Uova
  • q.b.Pangrattato
  • q.b.Olio extravergine d’oliva (oppure olio di semi di girasole (*))
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe (se piace)

Strumenti

  • Pentola dai bordi alti per friggere
  • 2 Fondine o ciotole
  • Scolapasta
  • Forchetta
  • Carta paglia
  • Mestolo per frittura

Preparazione

  1. Pulire le acciughe, staccare la testa, spinarle ed aprirle a libro.

    Lavarle sotto l’acqua corrente fredda e mettetele nel colapasta.

    Sbattere le uova con una forchetta in una ciotola, aggiustare con un pizzico di sale (e se piace una macinata di pepe bianco).

    Mettere nel piatto il pangrattato. 

    Scaldare l’olio nella pentola per friggere (io la uso dai bordi alti). Passare velocemente le acciughe una alla volta nell’uovo sbattuto (*), poi nel pangrattato ed infine nell’olio caldo.

    Girarle da entrambi i lati e quando sono dorate, trasferirle con un mestolo da frittura sulla carta paglia e spolverarle con un po’ di sale. Impiattare con un’insalatina di stagione.

    (*) si può anche fare una doppia panatura passandole per due volte in farina, uovo e pangrattato.

Punto di fumo e altre ricette

Per friggere occorre usare un olio con punto di fumo alto. Il punto di fumo è la temperatura in cui l’olio riscaldato comincia a rilasciare sostanze volatili che divengono visibili sotto forma di fumo , formando anche acroleina, una sostanza tossica. È particolarmente importante nella frittura, sia casalinga, sia industriale o dei ristoratori. Io in genere uso olio EVO oppure olio di semi di girasole.

Potrebbero interessarvi anche il sughetto veloce di acciughe e pomodorini e la panissa e panissette genovesi.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.