Crea sito

Panissa e panissette genovesi

La panissa e le panissette genovesi sono, dopo la focaccia, uno dei piatti più conosciuti della cucina tradizionale ligure.

Gli ingredienti sono praticamente gli stessi della farinata ma preparati in modo diverso. La panissa è sempre stata considerata un cibo della cucina povera fatto, appunto, di farina di ceci, acqua e sale.

Ai giorni nostri, se abitate a Genova, potete preparare le panissette acquistando la panissa già pronta nelle ”Sciamadde”, antiche friggitorie del centro storico in cui si trovano molte specialità regionali come le torte salate, i ripieni, la farinata, le frittelle di baccalà e tanto altro ancora.

Il nome sciamadda deriva probabilmente dalla parola fiammata e cioè dalla fiamma delle fascine utilizzate per alimentare il fuoco del forno.

La panissa è buona così al naturale, tagliata a cubotti o fettine e condita con olio EVO, sale e pepe.
Volendo si può affettare e unire un cipollotto fresco.

Se, però, avrete voglia di tagliarla a listarelle e friggerla avrete le panissette, una squisitezza assoluta, croccanti fuori e morbide dentro… se non le avete mai provate sono sicura che ne rimarrete entusiasti e se le avete già provate le cucinerete di nuovo.

Ecco la mia ricetta.

Panissa e panissette genovesi
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 lAcqua
  • 300 gFarina di ceci
  • q.b.Sale
  • Olio EVO per friggere

Strumenti

  • Ciotola
  • Frusta a mano
  • Coltello
  • Friggitrice
  • Cucchiaio di legno
  • Schiumarola per fritti
  • Carta paglia
  • Pentola
  • 2 Piatti fondi

Preparazione

  1. Panissette

    PANISSA

    Stemperare in una ciotola la farina di ceci in acqua tiepida, usando la frusta in modo che non si formino grumi.

    Salare e lasciare riposare per almeno tre ore.

    Cuocere a fuoco basso in una pentola, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, per circa mezz’ora.

    La panissa è pronta quando si staccherà dalle pareti della pentola.

    Inumidire con un po’ di acqua i piatti fondi (così la panissa non si attaccherà) e versarci l’impasto caldo. Far raffreddare e rassodare.

    Ci vorrà almeno un’ora ma meglio lasciarla riposare anche tutta la notte.

    PANISSETTE

    Tagliare la panissa a strisce (di dimensioni un po’ più grandi di quelle per le patatine fritte) e farle friggere un po’ per volta in olio bollente. Io, in questo caso, uso olio EVO.

    Scolare con il mestolo da frittura e mettere su carta paglia. Aggiustare di sale.

    Servire le panissette belle calde.

Ricette liguri

Se siete interessati alle mie ricette liguri, cliccate su QUESTO LINK.

Se vi piacciono le mie ricette mi trovate anche su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.