Crea sito

Pappardelle ai funghi champignon panati

Le Pappardelle ai funghi sono un primo piatto autunnale, vegetariano e senza panna: pasta fresca condita con funghi champignon dalla particolare e aromatica panatura a base di pangrattato, aglio, prezzemolo e peperoncino. Sono tante le versioni di Pappardelle ai funghi esistenti, ma la ricetta che vi proponiamo oggi (tratta da un’idea trovata su un vecchio numero del magazine “Alice” da noi leggermente modificata), sebbene sia composta da pochissimi ingredienti, è di una bontà unica.
Innanzitutto è una ricetta senza panna ma anche senza besciamella e insomma senza lattosio, ma la cremosità è comunque garantita dalla mantecatura della pasta in padella con l’olio aromatizzato all’aglio e peperoncino con qualche mestolo della stessa acqua di cottura. E i funghi non sono semplicemente saltati in padella con olio, aglio e pomodorini, ma sono anche resi croccanti da una panatura delicata realizzata esclusivamente con pangrattato.
20 minuti o anche meno, solo 7 ingredienti e le Pappardelle ai funghi sono pronte, ideali per il pranzo della domenica o anche per i pranzi e le cene di tutti i giorni!
Le Ricette di Simo e Cicci

Pappardelle ai funghi champignon panati
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per preparare le Pappardelle ai funghi champignon panati

  • 350 gPappardelle all’uovo
  • 300 gFunghi champignon
  • 150 gPomodorini
  • 2 spicchiAglio
  • 1Peperoncino
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • q.b.Pangrattato
  • Sale
  • Pepe
  • 4 cucchiaiOlio extravergine d’oliva

Strumenti

  • 1
  • 2 Padelle

Preparazione delle Pappardelle ai funghi champignon panati

  1. Pappardelle ai funghi champignon panati

    Preparate le Pappardelle ai funghi champignon panati innanzitutto pulendo i funghi e tagliandoli a fette.

  2. Sciacquate i pomodorini e divideteli prima a metà e poi in quarti.

  3. Pelate uno spicchio d’aglio, schiacciatelo e soffriggetelo in una padella con 2 cucchiai di olio.

  4. Aggiungete i pomodorini e poi i funghi e lasciate insaporire per qualche minuto.

  5. A fine cottura regolate di sale e pepe, cospargete con il prezzemolo fresco tritato e abbondante pangrattato.

  6. In un’altra padella antiaderente soffriggete nell’olio rimasto lo spicchio d’aglio con il peperoncino a fettine.

  7. Lessate le pappardelle al dente in acqua salata e scolatele nella padella con l’olio aromatizzato all’aglio e peperoncino.

  8. Fatele saltare velocemente aggiungendo un mestolo di acqua di cottura.

  9. Aggiungete i funghi panati e mescolate velocemente il tutto.

  10. Pappardelle ai funghi champignon panati

Simo e Cicci consigliano

Potete sostituire i funghi champignon con funghi porcini o misti; mentre al posto delle pappardelle si possono utilizzare altri formati di pasta lunga come tagliatelle o spaghetti.

Buonissime appena pronte, potete comunque conservare le Pappardelle ai funghi champignon in frigo fino a 3 giorni chiuse in un contenitore ermetico.

Per un menù tutto a base di funghi potete preparare come antipasto degli eleganti Tortini di polenta con crema di funghi. Per il secondo piatto potete scegliere tra il Polpettone ripieno di funghi super filante oppure un gustoso e rustico Pollo ai funghi o ancora una sfiziosa Torta salata con funghi e carne. Come contorno i Funghi a funghetto non possono mancare. E per dolce c’è l’imbarazzo della scelta tra quelli che vi proponiamo sul blog, ma per rimanere in tema autunnale dovete provare la nostra cremosissima Cheesecake alla zucca!

Altri primi piatti da provare:

RISOTTO FUNGHI E SPECK

GNOCCHI CREMOSI AI FUNGHI

SFORMATO DI PASTA CON FUNGHI E PROSCIUTTO

PASTA FUNGHI E PANCETTA

PASTA CON FUNGHI CHAMPIGNON E POMODORINI

PASTA CON PATATE FUNGHI PORCINI E PROVOLA AFFUMICATA

PASTA CON CARCIOFI E FUNGHI

TAGLIATELLE CON FUNGHI E SALMONE

PAPPARDELLE AL FORNO CON FUNGHI E SALSICCIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.