Plumcake con patate viola e cioccolato fondente

Un goloso plumcake con patate viola e cioccolato, semplicissimo e buonissimo. Bastano pochi ingredienti, quelli che si hanno solitamente in casa. Resterete stupiti dalla bontà e dalla scioglievolezza di questo dolce.. Provare per credere. 

L’onnipresente patata, regina della tavola

Diciamo la verità, la globalizzazione ci ha abituati a vedere e mangiare patate gialle e bianche in tutte le salse: lessate, fritte, al forno, gnocchi e purè, a voi la scelta. Potremmo vivere senza patate? Temo di no.
Sono molte le persone che ignorano l’esistenza di varietà di patate a polpa e a buccia scura, in particolare viola o blu.
A fine pagina trovate tutte le qualità di patate viola e blu e l’autoctona di Macugnaga, una vera delizia.

Patate e cioccolato: ricette dal web
Plumcake con patate viola e cioccolato
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Porzioni:
    6-8

Ingredienti

  • 100 g Zucchero di cocco
  • 150 g farina semi integrale
  • 100 g Cioccolato fondente al 60-69%
  • 150 g Patate viola
  • 1 uovo grande
  • 1/2 bustina Lievito in polvere per dolci
  • 50 g Burro
  • Burro e farina per lo stampo
  • q.b. Scorza d’arancia (facoltativa)
  • pizzico Sale

Preparazione

    1. Lavate bene le patate viola e lessatele con la buccia in acqua fredda non salata. Salatela (poco) solo negli ultimi minuti di cottura. Pelatele e immergetele qualche minuto in acqua fredda prima di passarle nello schiacciapatate.
    2. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato e il burro e aggiungeteli alle patate viola. Unite l’uovo, lo zucchero di cocco, la farina semi integrale e il lievito. Se vi piace, anche la scorza d’arancia.
    3. Mescolate bene e velocemente il composto e versate il tutto nello stampo da plumcake imburrato e infarinato.
    4. Infornate a 170° per 35 minuti. L’interno deve restare leggermente umido.
    5. Una volta sfornato, lasciate intiepidire il plumcake con patate viola e cioccolato fondente per 15 minuti.
    6. Sformate e fate raffreddare completamente. Decorate con glassa di zucchero e granella di cioccolato.

Note

Patate viola e blu: il colore fa la virtù

Le patate blu, come quelle viola o “Vitelotte”, sono un toccasana per la salute in quanto, a differenza delle patate che siamo abituati ad utilizzare, sono naturalmente ricche di pigmenti viola che possiedono un’attività antiossidante contro i processi di invecchiamento e infiammatori. L’intensa colorazione della polpa è infatti dovuta a una gran quantità di antociani, analoghi a quelli dei mirtilli.

La patata blu di Macugnaga e le autoctone della Valle Formazza

Sono quasi dieci anni che a Macugnaga sono ritornate le patate blu e viola, che erano scomparse da quasi un secolo. In passato facevano parte delle coltivazioni dei Walser come a Bosco Gurin e in Valle Formazza. Sono state recuperate dalla Fondazione «Pro specie rara», un’istituzione svizzera che si propone la salvaguardia della diversità genetica di ortaggi, fiori e prodotti agricoli. Ma non sono l’unica specialità coltivata a Macugnaga, dove si producono, oltre alle tradizionali, anche quelle rosse e quelle oblunghe di alta montagna. Da non dimenticare l’alpe Roffelstaffel in cui Oriana Pala raccoglie in un piccolo orticello a due passi dai ghiacciai del Monte Rosa, anche patate provenienti dall’Himalaya e dalle Ande. Un campionario che si sta diffondendo in tutto il paese e che potrebbe diventare una specialità gastronomica sulle tavole del ristoranti locali.
In Valle Formazza invece, il progetto “Pomatt”, un’operazione di riscoperta della patata, in particolare le tre varietà autoctone: Formazza, Occhi Rossi e Walser, ha dato modo di sviluppare una rete di piccoli agricoltori interessati a valorizzare la patata della valle, evitando l’abbandono delle aree montane.

Patate blu, viola e nere: l’imbarazzo della scelta

La pelle è piuttosto spessa, mentre la particolarità è data dal colore della polpa interna, viola, nera o blu, profumata quasi di nocciola, molto appiccicosa e dal sapore vicino alla castagna.

Patata viola – Velvet Queen
Buccia viola e polpa blu, profuma di nocciola, perfetta per tortini e gnocchi.

Patata nera – Vitelotte Noire
Buccia nera e polpa violaceo-nerastra, dalla forma bitorzoluta, adatta a puré, fritta e chips.

Patata blu – Blu Star
Buccia grigiastra e polpa blu, di forma regolare e gusto simile alle normali patate, dunque adatta a tutte le preparazioni.

Patate viola e chef stellati

Anche i grandi chef stellati non rinunciano alla bellezza unica di queste patate dal colore scintillante. Sono decine i piatti che si possono trovare: gli gnocchi di patate viola all’olio extravergine e buccia in brodo, tortino di patate viola con vellutata di caprino, sgombro con carciofi croccanti e spuma di patate viola, polipetti al cardamomo caramellati con polvere di patate vitellotte, fusilloni con patate vitellotte e baccalà. Insomma le patate viola sanno ammaliare anche i palati più fini.

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Verdure dimenticate, bontà da riscoprire Successivo Legumi e cioccolato, ricette golose e soprendenti

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.