Marmellata leggera di pesche, fichi e limone

Marmellata leggera di pesche fichi e limone 2

Lo so che fa caldo per mettersi ai fornelli a cuocere una marmellata, ma le pesche sono mature, anzi stramature e i primi fichi fioroni anche. Alla sera dopo cena è il momento ideale per preparare questa squisita marmellata leggera di pesche, fichi e limone, preparata con 3 parti di frutta e 1 parte di zucchero. Non serve molto tempo. E’ salutare, biologica e buonissima.

Ingredienti :

  • 1 kg di pesche molto mature biologiche
  • 1 kg di fichi biologici
  • 1/2 kg di zucchero
  • 2 limoni biologici
  • fruttapec 3:1 o pectina

Marmellata leggera di pesche fichi e limone

Procedimento:

In due ciotole mettere la frutta tagliata a piccoli pezzi. Ai fichi io lascio la buccia, mentre alle pesche la tolgo, questione di gusti. Entrambi i frutti li copro con 1/2 kg di zucchero equamente suddiviso, la scorza grattugiata e il succo dei due limoni e lascio macerare il tutto per 30-40 minuti. Trascorso il tempo, mettere il tutto in una pentola a bordi alti, per evitare schizzi bollenti e dolorosi, aggiungere fruttapec o la pectina a freddo, mescolare bene e accendere il fuoco a fiamma alta. Cuocere e far bollire 3 minuti, mescolando bene. Togliere la pentola dal fuoco, mescolare ancora per un minuto, lasciando che la schiuma, creatasi in superficie, si dissolva.
A questo punto, facendo molta attenzione, versare la marmellata ancora bollente nei vasetti sterilizzati, chiudere bene e capovolgerli , per fare in modo che si sigilli bene il tappo, per almeno 5 minuti.
Una volta aperta, la marmellata va conservata in frigorifero, perché non contenendo conservanti, non durerebbe molto tempo. Comunque consumarla nel giro di un paio di settimane da che si è aperto il vasetto.
In dispensa questa marmellata non si conserverà a lungo, avendo solo una piccola parte di zucchero. Consigli di consumarlo entro 6 mesi dalla preparazione.
Altro consiglio: se dopo averla cotta no sembra ben rappresa, basterà aggiungere al composto ancora un po’ di succo di limone.

 

Precedente Vino e frutta: abbinamento non impossibile Successivo Ratatouille tiepida estiva, ricetta rivisitata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.